mercoledì 24 ottobre 2007

Italia: credibilità economica uguale a zero!

Di Marco Calì, consulente finanziario indipendente

DECLASSAMENTO: é questa parola che il Fondo Monetario Internazionale usa per giudicare l'attuale situazione del BELPAESE.
Marco Calì, consulente finanziario indipendente, dichiara fallita l'azienda Italia.
Btp, Cct, Ctz e Bot sono sempre più a rischio di congelamento!
Il debito pubblico supera abbondantemente i milleseicentomiliardi di euro (1.600.000.000.000 euro); la fonte la puoi verificare dal sito del Tesoro italiano, http://www.dt.tesoro.it/
E nel 2010 l'Italia deve saldare il conto, nei confronti dell'UE: per chi non lo sapesse l'Italia è entrata a far parte dell'UNIONE EUROPEA già da diversi anni, e quando si fa parte di una congregazione di stati ci sono delle regole da rispettare.
E visto che l'onestà e la trasparenza non sono proprio caratteristiche italiane, può essere che l'Italia abbia molte difficoltà ad onorare i patti iniziali.
E la storia mi insegna che quando non si rispettano i patti (vedi Argentina, settima economia mondiale 10 anni fa) potrebbero nascere dei problemi.
I media, ovviamente, hanno argomentazioni ben più importanti da narrare o trasmettere agli spettatori della Tv italiana, che definirei dei veri e propri intellettuali. L'isola dei famosi e Ciao Darwin (una dalla Rai e l'altra da Mediaset) vengono trasmesse in prima serata! Non ho altro da aggiungere.
Visita il mio blog su http://sapienza-finanziaria.blogspot.com/....... é più facile trovare un ago in un pagliaio che sentire un politico parlare male di una banca!

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Non sono esperto di economia e politica ma cerco di capirne qualcosa.. questa notizia mi interessa, e mi spaventa un po', visto che ho messo una ragguardevole cifra nei bot.
In cosa consisterebbe il congelamento? e in quanto tempo lo si potrebbe eventualmente prevedere?

Grazie

Stefano

http://sapienza-finanziaria.blogspot.com ha detto...

Per prima cosa, Le spiego come lo Stato Italia, sta pagando i Bot: colui che detiene un Bot viene pagato con le nuove sottoscrizioni di Bot. Sta a significare che se nessuno comprasse più i Bot, lo Stato non avrebbe i soldi per rimborsare quelli in scadenza.
E' il meccanismo che usava la Parmalat e che comunque viene usato da tante altre società del BELPAESE. Tanto chi controlla queste operazioni é la Banca d'Italia! Che é di proprietà delle
banche!
La soluzione per Lei é quella di disinvestire dai Bot (rating A+, il più basso dei 25 paesi dell'UE)e di comprare, ad esempio, delle obbligazioni Bei, Banca Europea degli investimenti (rating AAA, il massimo dell'affidabilità).
Il rendimento é uguale.
Provi a chiedere ad un bambino di 8 anni (terza elementare) se comprerebbe un Bot, rendimento netto 4%, scadenza 1 anno e rating A+ oppure una Bei, rendimento 4% (lo stesso) e rating AAA (molto superiore); dica al bambino che AAA é meglio di A+ e vedrà che risposta le da.
Le direi di tenere i Bot, forse, se rendessero, il 5%, ma visto che il rendimento é lo stesso, perché devo rischiare?
L'ordine, per le banche, é quello di tenere occulta questa situazione, come é successo in Argentina, tanto i clienti servono alle banche per guadagnare con avidità insaziabile.
Congelamento = lo Stato non riuscirà a far fronte ai pagamenti dei Bot e quindi bloccherà i rimborsi a data da destinarsi.
I tempi sono maturi: io lo farei subito, anche perché i conti reali non vengono messi a conoscenza delle persone.
Marco Calì, consulente finanziario indipendente.
Visita il mio blog su http://sapienza-finanziaria.blogspot.com .... é più facile trovare un ago in un pagliaio che sentire un politico parlare male di una banca!

Anonimo ha detto...

Trovo qui la risposta ad una domanda che ho fatto in un post piu' recente.

Non trovo corretto il fatto che tu lasci supporre che l'Italia sia l'unico paese UE25 a ripagare l'emissione di titoli di debito con altri titoli di debito.

La pratica e' piu' diffusa di quanto si pensi, non solo tra gli Stati, ma tra le stesse aziende. Parmalat non era affatto l'unica ad adottare questa pratica.