mercoledì 26 marzo 2008

MENTANA E VESPA: MA LO SAPETE CHE LO STATO ITALIA E' IN DIFFICOLTA' NEL PAGARE I TITOLI DI STATO?




Di Marco Calì, consulente finanziario indipendente, nato a Zurigo il 22 settembre 1970.
Gentile lettrice e gentile lettore, é ormai consuetudini che le 2 maggiori trasmissioni "informative" italiane, Matrix e Porta a Porta, trasmesse dalle reti Mediaset (che manda in onda anche il Grande Fratello) e Rai (che manda in onda X Factor) non parlino mai del possibile default dello Stato italiano.
In questi programmi vengono, molto spesso, invitati i politici, ma non c'é mai una volta che venga posta concretamente la questione circa un mancato pagamento di Bot, Btp, Ctz, Cct o addirittura di un congelamento dei soldi dei conti correnti.
Questa possibilità sembra non voglia essere presa in considerazione, ma perché? La mia considerazione é che, dovendo ripetere il verbo del padrone, i 2 famosi conduttori, i signori Enrico Mentana e Bruno Vespa, non possano trattare l'argomento. Ma questa, ripeto, é solo una mia considerazione, per carità.
E oltre a non trattare questo argomento, in un periodo che ha molte, ma molte similitudini con quello che é successo a Wall Street nel 1929, non viene mai dibattutto l'argomento "strumenti derivati" ( o leva finanziaria), che é la vera causa dell'attuale stato dell'economia globale. Le banche CREANO DANARO DAL NULLA e non se ne parla!
Per non parlare poi del SIGNORAGGIO bancario, la più grande truffa perpetrata ai danni delle persone.
Ma quando avverrà il crollo del sistema finanziario, spettabili signori Enrico Mentana e Bruno Vespa, non dite che non lo sapevate. Solo che vi hanno imposto di non parlarne e voi, essendo stipendiati, dovete informare su ordinazione. O mi sbaglio?
Visita il mio blog su http://sapienza-finanziaria.blogspot.com/ ...... é più facile trovare un ago in un pagliaio che sentire un politico parlare male di una banca!

23 commenti:

Anonimo ha detto...

mah... secondo me tacciono perchè non hanno la minima idea di cosa sta succedendo (questo non significa che se sapessero ne parlerebbero, anzi sono sicuro che non lo farebbero, ma non sono ancora arrivati a questo stato di consapevolezza)

Andrea ha detto...

Fabrizio Corona é stato ospite di Mentana, la scorsa settimana. Non aggiungo altro. Andrea da Roma.

Anonimo ha detto...

Si è vero, le banche creano denaro dal nulla.
Sarebbe opportuno che il signoraggio fosse appannaggio dello stato, come dovrebbe essere.

Tremo solo al pensiero di consegnare il potere di stampare i soldi ad una classe politica come la nostra o ad un certo Berlusconi.
Te la immagini la mafia che stampa i soldi che gli servono? Altro che Argentina.
Comunque ci siamo vicini lo stesso. Non abbiamo scampo.
L'assenza di etica nella politica e la corruzione distruggeranno qualsiasi convivenza civile.
Siamo Perduti!

Andrea ha detto...

BRUNO VESPA E' UN PAPPAGALLO: LO AVETE VISTO NELLA PUNTATA DEL 26 MARZO 2008? Appena qualcuno dice qualcosa di diverso, viene bloccato dal conduttore di Porta a Porta. Vespa é pilotato!
Andrea da Roma.

Anonimo ha detto...

Vespa ha la fortuna, se si può condidare fortuna, di essere stato messo lì, a condurre, o meglio, a ripetere il verbo del padrone. Ieri sera appena gli hanno parlato di signoraggio bancario ha subito cambiato argomento! E' un puro pappagallo: gli fanno dire ciò che vogliono. E lui lo sa che deve ripetere ciò che gli impongono, anche se fa finta di essere indipendente, ma indipendente non lo é!
I media sono completamente pilotati.
Antonio.

Emanuele ha detto...

Concordo con Antonio: Vespa é un pappagallo. Per no parlare poi di Santoro e della sua valletta che é li perché .........
Emanuele.

Stefano ha detto...

Ciao Marco, ho trovato il tuo blog sul forum di finanzaonline.com
Secondo me, la maggior parte di quelli che partecipano a quel forum sono esaltati. E ho visto che ti hanno insultato un po', ma sempre senza dare spiegazioni concrete. Cosa ne pensi?
Stefano.

http://sapienza-finanziaria.blogspot.com ha detto...

Per Stefano: su finanzaonline.com partecipano molte persone ed alcune insultano od offendono, ma si vede che é normale per loro commentare così. Da quel sito sono stato bannato (anche su altri siti e blog non posso più commentare) e quindi non posso motivare le mie affermazioni. Ma ho notato che finanzaonline é pieno di pubblicità di banche e quindi .....
Le banche comandano tutto: figurati quanti soldi ricevono dalle banche: appena provi a dire qualcosa di diverso ti viene vietato il commento, ma questo non mi sorprende, é lo stesso stile usato dai media, TV e GIORNALI.
Marco Calì, consulente finanziario indipendente.

Giorgio ha detto...

Continuo a leggere su piu' blog della prossima insolvenza della Repubblica Italiana.

Mai una volta che scrive tali assurdita', si sforzi di motivarle....forse perche' motivazioni non ce ne sono.

Faccio presente a tutti che il RATING dei titoli di Stato della Repubblica Italiana e' A+.

Nonostante la pessima figura fatta da S&P e Moody's per aver assegnato rating AAA alle obbligazioni che avevano in pancia mutui subprime, preferisco fidarmi di loro (e dei conti della UE) piuttosto che seguire le cassandre di chi non si sforza nemmeno di motivare le colossali assurdita' di chi scrive.

Rifugiatevi nei discorsi di signoraggio (che non portano a nulla) che e' meglio.

http://sapienza-finanziaria.blogspot.com ha detto...

Per Giorgio: le ricordo che l'Italia ha il più basso rating dei 25 paesi dell'Ue. Se lei si fida dello Stato Italia sono contento per lei. E comunque quando parlo di marcio del sistema, mi riferisco a tutto il sistema finanziario, mosso con molta astuzia dalle banche, che fanno soldi a palate, IN OGNI CIRCOSTANZA.
Grazie per definito "colossali assurdità" i miei articoli: mi da qualche suggerimento per scrivere qualcosa di interessante? Magari sull'onesta e la trasaparenza delle banche italiane.
Marco Calì, consulente finanziario indipendente.

mario ha detto...

comunque marco, non capisco il perche quando apri la pagina del iforex lo spread e di 3 pips poi una volta loggato oppla diventa 5. non sarebbe piu trasparente una cosa fissa a 5?so che non puo essere un affar tuo ma vorrei sentire un comento.
saluti mario

Giorgio ha detto...

Per Marco:
Il fatto che l'Italia abbia il rating piu' basso della UE vuol dire ben poco dal momento che il rating e' A+, quindi ben lontano da giudizi che potrebbero agitare il sonno dei sottoscrittori del suo debito.

Detto questo, non ho alcun dubbio ne' sul fatto che il sistema finanziario sia marcio ne' sul fatto che le banche (centrali e commerciali), siano responsabili (FED in primis) per la crisi finanziaria che stiamo vivendo ne' sul fatto che il mercato sia libero solo quando fa comodo.

Il suggerimento che posso darti onde evitare che qualcun'altro possa definire "colossali assurdita" alcuni tuoi post (o per cambiare la mia opinione), e' quello di MOTIVARE certe posizioni.
A cosa serve tirare in ballo Mentana o Vespa, se poi non si MOTIVANO numeri alla mano gli argomenti che si vorrebbero portare all'attenzione del grande pubblico ? (che puntualmente cambierebbe canale attratto da qualche altro programma idiota).

Ciao,
Giorgio

http://sapienza-finanziaria.blogspot.com ha detto...

Per Mario: hai ragione che una volta registrato si hanno 5 pips; ma quando viene effettuato il deopsito i pips si abbassano a 3, come nell'home page. Se non si dovessero cambiare in automatico, basta comunicarlo ad iforex, che provvede subito a farlo (la comunicazione può essere fatta anche tramite la loro chat).
Marco Calì, consulente finanziario indipendente.

http://sapienza-finanziaria.blogspot.com ha detto...

Per Giorgio: se qualcuno vuole investire in titoli di Stato italiani é libero di farlo, per carità; ma, a mio parere, le obbligazioni Bei o di Stati come l'Austria sono molto più sicure; ma, ripeto, é solo un mio parere. E a parita di rendimento fra una Bei e un Btp scelgo la Bei; se qualcuno volesse scegliere il Btp, faccia pure.
Grazie del consiglio (MOTIVARE) e vedrò di farne uso.
Per ciò che concerne i media, li ritengo completamente pilotati a dire e trasmettere su ordinazione. Ma vorrebbero far credere alle persone che non é vero, che l'informazione in Italia é libera! Mentre libera l'informazione non lo é affatto.
E visto che i signori Vespa e Mentana fanno molto spesso i conti in tasca ai politici, non sarebbe utile conoscere i loro stipendi? Che ne pensi?
Marco Calì, consulente finanziario indipendente.

Giorgiob75 ha detto...

Per Marco:
Dire che una obbligazione BEI (in Euro aggiungo io) a parita' di rendimento e' preferibile ad una della Repubblica Italiana puo' essere condivisibile, dire che il Tesoro rischia di non rimborsare i suoi titoli di debito e' un'altra cosa...

Per ciò che concerne i media la penso esattamente come te.
Proprio per i motivi che hai esposto se si reclama attenzione da parte dei media su certi argomenti bisogna essere pronti a DIMOSTRARE le proprie tesi, altrimenti si rischia di essere derisi ancora prima di iniziare.

Di conoscere gli stipendi di Vespa e Mentane non me ne importa nulla.
Guardare i loro programmi (come quelli di molti altri loro colleghi) la ritengo una perdita di tempo, tranne che in rarissime eccezioni.
Molto meglio la rete, che al contrario di quanto avviene in TV, permette il CONFRONTO e la PARTECIPAZIONE.
Gio.

Anonimo ha detto...

A proposito di signoraggio e di creazione dal nulla di denaro, conoscendo abbastanza bene le linee guida di tutti i pariti italiani gli unici due partiti che si presentano alle elezioni prossime che toccano l'argomento sono: la lista dei grilli parlanti (NO EURO) e Forza Nuova.

Ora, io non sono iscritto e non milito in nessun partito però a onor del vero se veramente vogliamo combattere queste piaghe moderne potremmo prendere in considerazione queste due realtà politiche. Su internet ci sono i siti, provate a vedere. Altre alternative purtroppo non ci sono.

Francesco (Bergamo)

Anonimo ha detto...

x Giorgio 75

Se hai pazienza di leggere motivazioni ne trovi nel commento dell' 11 Marzo (quello con l'immagine di Pinocchio con il gatto e la volpe) ed in molti dei 62 commenti allo stesso con riportate cifre e dati. Un'altra motivazione è che il 7 Marzo lo speed con il Bund era di 72 punti come nel 1977 quando avevamo la "liretta", a Luglio era di soli 19 punti. Il mercato mondiale si stà riposizionando perché? Ti aggiungo un'altra mia impressione, mi pare che nessuno voglia vincere le elezioni. Prova a capovolgere la tua osservazione e pensa se trovi delle motivazioni contrarie. Ciao

Giorgiob75 ha detto...

Caro anonimo,
ho letto il post dell' 11 MArzo che fa riferimento a sua volta ad un post di Dicembre 07.
Ritengo quelle motivazioni superficiali e con la solidità di una palafitta nel bel mezzo di uno tzunami.

Un punto su tutti:
Vogliamo fare un elenco delle aziende / stati che rimborsano i loro debiti in scadenza emettendone di nuovi ?
Considerando che il deficit/PIL è sopra il 100%, è ANALITICO che i debiti in scadenza debbano essere finanziati dalle nuove emissioni.
Quello che conta è che il rapporto deficit/PIL si sta riducendo.

Il disastro dei conti pubblici lo vede solo il saltimbanco di Arcore e quelli che pendono dalle sue labbra senza sapere nemmeno di che parla.
Il rapporto deficit/PIL è al 103%, livello (positivo) che non si vedeva da decenni.
Ora, se i conti pubblici sono un disastro adesso che il rapporto deficit/PIL è al 103%, come avremmo dovuto definire la situazione alla fine della precedente legislatura quando questo indice era al 105% ?

La Commissione UE conferma quanto scrivo...e se permetti preferisco fidarmi di questa istituzione piuttosto del politichetto di turno che parla ad una platea di incompetenti che non conosce nemmeno il saldo del proprio conto corrente.

Sappiamo che la coerenza e l'autocritica non è una virtù dei nostri politici, ma almeno non facciamoci fregare in rete...

Non condivido inoltre l'idea che nessuno voglia vincere le elezioni.

Appena avrò tempo controbatterò su tutte le tesi dell'articolo che mi hai indicato.

Nel frattempo mi godo il 4% netto che mi danno le mie obbligazioni Mediobanca...voi divertitevi con le vostre BEI, che spesso e volentieri non sono nemmeno negoziabili on-line.

http://sapienza-finanziaria.blogspot.com ha detto...

Per giorgiob75: le banche manovrano tutta la società e nessun politico parla male di una banca. Mi sembra che Mediobanca abbia qualche rapporto con Berlusconi (del quale fai riferimento) o mi sbaglio? Tutte le banche italiane hanno partecipazioni nelle altre banche italiane: essere clienti di una banca o di un'altra é praticamente la stessa cosa. Ma le banche vogliono far credere una cosa diversa e ci riescono! NESSUN POLITICO PARLA MALE DI UNA BANCA. E Mediobanca, in Italia, non mi sembra proprio un bell'esempio di trasparenza. Contento te .....
Marco Calì, consulente finanziario indipendente.

Anonimo ha detto...

X giorgiob75
Non mi sembra di aver fatto un discorso politico visto che sono apolitico e fidati non sono influenzato dalle cifre date dai policiti TUTTI.
Mi pare che nei 62 commenti come ti ho già scritto ci siano dati ufficiali. Il disastro dei conti pubblici lo vede la Banca d'Italia 50 miliardi di spese aggiuntive relazione di Draghi anno 2007. Al 104 ci siamo arrivati perchè Schioppa ha messo nel 2006 in conto 15 miliardi di euro per la restituzione IVA sui carburanti ed mezzi di trasporto (sentenza europa contro l'Italia) e poi ha restituito solo 926 milioni nel 2008. Come vedi di politicanti e saltimbanco non ce nè uno solo ma troppi. Rapporto deficit PIL al 103saranno decenni che non è così ma intanto l'asta è andata semideserta ed il differenziale a marzo era di 72 punti con il BUND. A tassi fermi i prezzi dei BTP sarà strano ma scendono e del BUND salgono.Le variabili sono 2 il deficit ed il PIL. La produzione industriale (dato ufficiale) è ritornata al valore del 2005 e la BCE di cui ti fidi parla di difficoltà provenienti dall'America specialmente per i paesi ad alto debito pubblico ed ha rivisto al ribasso tutti i dati di crescita dei PIL dei paesi europei e noi come al solito siamo fra gli ultimi. Sarà pure ANALITICO che i debiti in scadenza devono essere rimborsati con altri debiti ma esiste la SOSTENIBILITA' del debito. Finchè gli altri hanno fiducia e prestano denaro tutto funziona quando la fiducia non c'è più il banco salta. Presteresti dei soldi ad uno che ha un reddito elevato (PIL) e poche spese (deficit) od ad uno che è risaputo sia pieno di debiti e non abbia un reddito elevato che gli consenta di farvi fronte? Per vendere le BEI quelle non negoziabili basta andare in banca e vanno a ruba fidati. Con questo non dico assolutamente che ci possa essere un congelamento dei titoli italiani il futuro non lo conosco, ma mi sento molto più sicuro con un BEI che con il tuo titolo che rende il 4% solo perchè ha un grado di rischio maggiore ed un rating più basso mica perchè il mercato è generoso con te.

Giorgiob75 ha detto...

x Marco e anonimo
Mediobanca e' il vertice della piramide del potere in Italia.
TUTTI indistintamente farebbero carte false per poter mettere piede in quel CdA.
Il rating delle obbligazioni di Mediobanca e' A-, ed e' un rating che certifica un'affidabilita' molto elevata. I rischi che si prendono entrando su Mediobanca, lasciatemi dire che sono prossimi a zero.
Mediobanca come tutte le altre banche pubblica un bilancio. Io non ho elementi per metterne in dubbio la veridicita'. Mi fido pertanto dei revisori dei conti e delle agenzie di rating.
Sottolineo pero' che il suo presidente non mi piace nemmeno un po'.

x anonimo in particolare:
Non mi sembra di averti accusato di aver fatto un discorso politico, cosiccome il mio non e' un discorso politico.
I soldi non sono ne' di destra ne' di sinistra.
Sono daccordo quando parli di sostenibilita' del debito, e infatti il calo del rapporto deficit/pil secondo me va nella giusta direzione.
Vedremo in futuro se questo miglioramente e' solo congiunturale.

Anonimo ha detto...

Caro Giorgiob75

Il discorso politico l'ho visto quando hai scritto "Il disastro dei conti pubblici lo vede solo il saltimbanco di Arcore e quelli che pendono dalle sue labbra senza sapere nemmeno di che parla".

Visto che non pendo dalle labbra di nessuno ma non la vedo rosea e sento sempre più economisti tirare la sirena....

Mediobanca A-
BEI AAA

Una curiosità: non è che le tue obbligazioni Mediobanca hanno una percentuale inglobata di derivati?

Entrare nel CDA di Mediobanca è una cosa acquistarne le obbligazioni è diverso. Fosse per me entrerei volentieri anche nel CDA di Alitalia perchè ne uscirei comunque molto molto bene a spese degli altri.

Comunque ad ora ne te nè altri mi avete ancora citato dati stabili e delle motivazioni positive sul debito Italia mentre continuo a leggere dati ed interviste negative. Nè mi avete spiegato cosa succederebbe se le aste andassero deserte e perchè lo speed col BUND è ritornato prima a quello del 1999 e poi addirittura a quello del 1997. Nessuno mi ha ancora citato quanto pesa sul nostro debito ogni aumento di tassi della BCE e che spirale innesca. Ripeto io non dico che ci sarà il congelamento dei titoli ma nessuno di Voi "positivi" ha ancora spiegato le sue ragioni ma avete solo contestato i dati altrui e così è troppo facile.

Ti allego l'intervista di oggi del presidente di Confindustria e Fiat Montezemolo visto quello che dice da uomo "istituzionale" suppongo che avrà qualche cifra e studio economico più di noi in mano:

"L'Italia non attira soldi stranieri e rischia che non ci siano le condizioni per investimenti delle nostre industrie"."Troppi anni di non scelte ci stanno penalizzando in modo enorme. Il problema e' il funzionamento dello Stato nel suo complesso: abbiamo tempi della giustizia che non hanno eguali, una spesa pubblica che non ha eguali, burocrazie e lungaggini procedurali. E' una situazione molto grave".

Di mio aggiungerei anche un debito enorme ma forse se nè dimenticato.

Ps mi firmo Renzo
ciao

Anonimo ha detto...

per renzo.

Io ho criticato in più punti questo blog, perchè ritengo siano scritte molte cose errate e superficiali.
Questo perchè a mio parere, tra dati falsi e informazioni tendenziose, si ha la percezione immotivatamente (cioè senza che siano dati motivi validi) più grande del rischio Italia
In questo modo si prendono decisioni pericolose con errate percezioni del rischio (ad esempio investire in oro con leva, piuttosto che in titoli di stato, a mio parere è MOLTO più rischioso!)

Ma il fatto di criticare le falsità che trovo qui non implica, almeno per me, un grande ottimismo.

Io ho paura ad esempio che ad un certo punto diventi conveniente per qualcuno "potente" la nostra estromissione dall'europa. Con il grande debito pubblico (in rapporto al pil) che abbiamo siamo facilmente "attaccabili" (sono già successe cose simili nel passato non troppo lontano).
Non si può negare che negli ultimi anni si siano evidenziati problemi:
- prima è ricresciuto eccessivamente il rapporto debito pubblico/pil (con apertura del procedimento di infrazione da parte dell'europa, ora richiuso, e con abbassamento del rating)
- negli ultimi anni, il pil dell'Italia è quasi sempre cresciuto di meno di quello di tutte le altre nazioni europee (e questo è il motivo per cui le agenzie di rating non hanno rialzato quello dell'italia, nemmeno ora che il rapporto debito/pil è sceso di nuovo a livelli accettabili).

Come dici tu stesso nei tuoi interventi la faccenda è più complicata di dire: "I BOT SONO A RISCHIO CONGELAMENTO PERCHÈ L'ITALIA EMETTE NUOVI TITOLI PER PAGARE I VECCHI COME L'ARGENTINA!"
Ma questa frase fa effetto, è semplice, comprensibile, e non si deve studiare cosa significa crescita del pil, debito pubblico, disavanzo primario etc. etc.