mercoledì 14 maggio 2008

Ma guarda un po' che fatalità! C'é una nuova banca in Italia! E di chi sarà?


Di Marco Calì, consulente finanziario indipendente, nato a Zurigo il 22 settembre 1970.


Gentile lettrice e gentile lettore, in questi giorni i MEDIA (TV e GIORNALI) hanno dato ampio spazio alla nascita della nuova banca "CHE BANCA!". Sono stati mandati in onda dei filmati, addirittura, sui tg della Rai e di Mediaset. Questa nuova banca é stata presentata come se fosse di proprietà di Mediobanca: ma sei proprio sicuro che sia di Mediobanca?

Ti elenco gli azionisti di maggioranza, riscontrabili dal sito http://www.consob.it/, di Mediobanca:

BARCLAYS PLC 2,13%; ZUNINO LUIGI 3,29%; RAGIONE SOCIETA' IN ACCOMANDITA PER AZIONI DI GILBERTO BENETTON & C. 2,166%; BERLUSCONI SILVIO 2,06%; MEDIOLANUM SPA 3,383%; CARLO TASSARA SPA 2,206; FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA 2,171%; UNICREDITO ITALIANO SPA 9,02%; EFIPARIND BV 2,684%; GROUPAMA HOLDING SA 4,868%; PREMAFIN FINANZIARIA SPA HOLDING DI PARTECIPAZIONI 4,062%; BOLLORE' VINCENT 4,99%.

Ti ricordo che, COME TUTTE LE ALTRE BANCHE, anche "CHE BANCA!" aderisce al Fondo Interbancario di Tutela Depositi (www.fitd.it), che garantisce a ciascun cliente sui propri depositi fino a 103.291,38 Euro. Quindi, se tu dovessi versare 200.000 euro non sei garantito sull'intera somma. A buon intenditor poche parole. E non dire, gentile lettrice e gentile lettore, che non lo sapevi. Non manca tanto che alcune banche si trovino in difficoltà nel rimborsare i soldi della GENTE ..........

Visita il mio blog su http://sapienza-finanziaria.blogspot.com/ ........... é più facile trovare un ago in un pagliaio che sentire un politico parlare male di una banca!

34 commenti:

Anonimo ha detto...

Sono andato su una grossa banca, con un assegno circolare DELLA STESSA BANCA, DI 2.000 EURO e hanno avuto difficoltà a darmi i soldi.
Antonio.

Anonimo ha detto...

Gentile lettrice gentile lettore,
aderisci alla "BANDA CALI'" così sarai garantito e ben remunerato.

http://sapienza-finanziaria.blogspot.com ha detto...

Chi fa falla, chi non fa sfarfalla.
E' ovvio che non si tratta di una cosa semplice aprire una banca, ma E' CERTO CHE NESSUNA BANCA GARANTISCE IL CAPITALE VERSATO!
Al posto di "sparlare" vi invito a fare proposte concrete, proposte concrete, proposte concrete, proposte concrete A FAVORE DELLA SICUREZZA DEI SOLDI DELLA GENTE!
Marco Calì, consulente finanziario indipendente.

Anonimo ha detto...

Mi permetto di fare due proposte concrete per l'istituenda "Banca Calì".
1. La prima proposta è di immagine. Io suggerirei di cambiare denominazione della banca in CALIBANQUE o CALIBANK per evitare di cadere nella banalità o, peggio, di incorrere nel sospetto di megalomania. E poi una denominazione esterofila è più accattivante e rassicurante per coloro che hanno il terrore delle banche italiane. Aggiungo che tale denominazione andrebbe integrata con qualche aggettivazione che dia una connotazione internazionale all'Istituto : ad es. ZURICH CALIBANQUE.
Bello no?
2. La seconda proposta è di sostanza. Per dare ampie garanzie e tutela ai depositanti suggerirei di chiamare ai vertici della banca il Sig. BEPPE GRILLO, quale garante della trasparenza, della serietà e della onorabilità dell'Istituto.

Anonimo ha detto...

Ah Marco anche tu con "chi fa falla e chi non fa sfarfalla"
Cerca de falla' coi sordi tua e non con quello dej'artri

Anonimo ha detto...

P.S. Poi facce sapè che te risponne la Bancaditalia così ce famo du risate.
Ciao

http://sapienza-finanziaria.blogspot.com ha detto...

Per anonimo che propone: ottimo suggerimento quello del nome!
E sicuramente la trasparenza deve essere TOTALE. Poi se Beppe Grillo vuole aderire bene, ma non posso mica costringere nessuno. Associazione dei consumatori, avvocati, fiscalisti, sindacati, etc. POSSONO CONTROLLARE IN OGNI MOMENTO LA SITUAZIONE.
Marco Calì, consulente finanziario indipendente.

http://sapienza-finanziaria.blogspot.com ha detto...

Per anonimo che sfarfalla: ha seguito il Grande Fratello? O L'isola dei famosi?
Marco Calì, consulente finanziario indipendente.

Anonimo ha detto...

Magari avessi seguito G. F. o l'Isola dei famosi. Ho perso tempo a seguire le cazzate che scrivi.
Comunque facce sapè cosa t'arisponne la Bancaditalia, nun me vojo perde stà puntata della Banca Cakì.

Anonimo ha detto...

Mi rivolgo ai visitatori seri di questo blog.
C'è qualcuno che vuole depositare presso di me (ovvero vuole prestarmi) E. 10.000 ?
Il tasso (netto) che sono disposto a pagare è Euribor + 0,2 punti (oggi 5%), rivedibile semestralmente.
La somma sarà rimborsata massimo in 2 anni a scadenza o con rateizzazione da concordare. In caso di richiesta di rimborso anticipato rispetto alla/alle scadenza/e concordata/e, ho necessità di un preavviso di 30 giorni. La somma sarà garantita dal mio patrimonio immobiliare che prudenzialmente è valutabile intorno a 2 mln di euro e mobiliare di ca. E.500.000 (valorizzazione al 12.5.08).
Fatemi sapere e sarete contattati in privato.
Grazie Francesco

Anonimo ha detto...

x Antonio

un'informazione la tua banca è per caso toscana? grazie

Candidus ha detto...

Ringrazio Calì per questa notizia che mi ha permesso di notare come il neo presidente del consiglio SB continua a fregarsene del conflitto di interessi acquisendo quote di una nuova banca senza pudore alcuno (ho ripreso la notizia sul mio blog).
Bisognerebbe chiedere a Tremonti se vuol fare pagare anche a Berlusconi, visto che ha dichiarato che "ora toccherà alle banche ed ai petrolieri pagare".
Domanda per Calì: "Tremonti questa sera ha dichiarato che vuole emettere EuroBond per rilanciare l'economia", di che si tratta? Vuole spargere il debito pubblico italiano in mezza europa?
Altra domanda: "L'Austria è sempre un buon posto per mettere al riparo i risparmi?" ...visto che lo spettro Argentina si fa sempre più reale.

Grazie

http://sapienza-finanziaria.blogspot.com ha detto...

Per candidus: grazie per aver fatto riferimento sul tuo blog del mio articolo.
Non so cosa voglia fare Tremonti: a me sembra che la situazione sia già abbastanza messa male così.........
L'Austria é sicuramnte un paese, economicamente parlando, molto più affidabile dell'Italia.
E l'Argentina non é poi così molto distante........
Marco Calì, consulente finanziario indipendente.

Anonimo ha detto...

Per anonimo: in questo caso la banca non era toscana.
Antonio.

Martina ha detto...

La situazione italiania é fuori controllo. Ma questi anonimi o persone che scrivono e sono contenti vivono in Italia? O dove vivono?
Martina.

Anonimo ha detto...

Chi l'ha detto che la situazione italiana è fuori controllo?
Mi citi la fonte per favore ?
Grazie Enrico

Martina ha detto...

No, é vero scusa Enrico, la situazione non é fuori controllo, in Italia. Mi sono sbagliata. La situazione é rosea, fantastica e le persone, soprattutto chi ha i mutui, é CONENTISSIMA. Scusa ancora, mi sono sbagliata.
Martina.

Anonimo ha detto...

Cara Martina, forse non hai ben compreso la mia domanda.
Non ho chiesto il tuo parere sulla situazione italiana perchè non ti conosco e non conosco la tua capacità e profondità di giudizio.
Il tuo giudizio può valere quanto il mio ( che tra l'altro non ho espresso )
Ti ho chiesto semplicemente, se puoi e se vuoi dirmelo, da quale fonte - ovviamente autorevole - hai appreso che la situazione italiana è fuori controllo.
Grazie Enrico

Martina ha detto...

Ti ripeto Enrico che mi ero sbagliata. E' vero scusa Enrico, la situazione non é fuori controllo, in Italia. Scusa Enrico. Mi sono sbagliata. La situazione é rosea, fantastica e le persone, soprattutto chi ha i mutui, é CONENTISSIMA. Scusa ancora, mi sono sbagliata.
Martina.

Anonimo ha detto...

Per Martina.
Mi dispiace per te Martina che ti trovi in una situazione difficile per il mutuo che hai, o forse anche per altri motivi.
Da come scrivi mi sembri anche un pò agitata.
Ma la situazione rosea o disastrosa di un paese non si misura con le vicende personali.
Il fatto che - in questo periodo - tu abbia un problema economico pesante, mentre io - sempre in questo periodo - sia particolarmente gaudioso per aver realizzato in pochi giorni un guadagnato di oltre 5000 euro con le Tiscali, non ci deve portare a concludere che la situazione italiana è fuori controllo oppure che è rosea (ma oltre queste due situazioni estreme ce ne possono essere tante altre con sfumature diverse e cangianti a seconda dei punti di vista).
Un'affermazione di carattere generale richiede un' analisi oggettiva e rigorosa che nè io nè tu possiamo fare sulla base delle nostre situazioni personali.
Questo è il motivo per cui ti chiedevo - AL DI LA' DEL TUO PARERE PERSONALE - da quale fonte hai appreso che la situazione italiana è fuori controllo.
Ciao Enrico

cocco ha detto...

Caro Marco fondiamo la nostra banca
del Blog a io sono In Texas Austin tu dove sei? Rispondi al mio e-mail grazie e organizziamoci l'idea piace
sara' la banca di tutti noi ce la fondiamo sara' nostra a tutti gli effetti stabiliamo i criteri e via si parte.

Ho una buona conoscenza del mercato
da una decina di anni e tu? Ciao

16 maggio 2008 14.58

Wil ha detto...

Complimenti per il blog, interessante.
Purtroppo le banche devono essere viste come aziende ancora più spietate rispetto alle altre. A volte ci sembra che la banca sia obbligata a farci guadagnare, risparmiare, etc.

Dobbiamo tutelarci in ogni maniera possibile, sono avvoltoi. Il discorso dei derivati è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Migliaia di piccole imprese, complice il DIRETTORE AMICO, han dovuto chiudere per pagare i mostruosi rimborsi dovuti dai Derivati.

Il debito pubblico italiano è incontrollabile, secondo te è il momento di vendere i bot? Ne ho alcuni che hanno 15-20 anni, che dici?

Passa sul mio blog
http://nonleggerlo.blogspot.com/

Wil ha detto...

Per la banca ci sto pure io, con i miei 100 euro...

markfer ha detto...

Caro anonimo non ti dice niente il debito pubblico?
L'italia in bancarotta alla prossima cazzata che fanno questi incapaci siamo fottuti...comincia a pregare alla sera

Anonimo ha detto...

Per Markfer
A quale anonimo ti riferisci?
Negli ultimi post non vedo anonimi.

Anonimo ha detto...

Credo che Markfer si riferisca all'anonimo che "ciocca" con Martina, il quale a fine messaggio si firma Enrico.

Mi piacerebbe fare luce su questo punto: il debito pubblico sovralimentato dal signoraggio (Banca d'Italia, che fa gli interessi dei suoi azionisti e non degli italiani, compra soldi da BCE e lo Stato, noi, si indebita del valore nominale dei soldi comprati più gli interessi, perchè paga con titoli di stato e non coi soldi ovviamente), è controllato o soggetto a limiti di qualche genere, tali per cui un giorno potremmo incorrere in problemi diplomatico/istituzionali seri, con conseguenze sulla stabilità di tutta l'economia Italiana?
O per assurdo non ci lasceranno mai sprofondare perché, che ne so, li porteremmo giù con noi magari...

Scusate l'ignoranza in merito, se nessuno m'illumina, m'informerò e renderò noto... La Zurich Calibanque sembra un'idea buona... resterò tuneddato.
Ciao Fabio.

http://sapienza-finanziaria.blogspot.com ha detto...

Per cocco (del Texas): non riesco a capire come mettermi in contatto con te. scrivimi all'e-mail: edoardinchiarin@yahoo.it
Ciao e grazie.

Marco Calì, consulente finanziario indipendente.

http://sapienza-finanziaria.blogspot.com ha detto...

Per wil: ho visto il tuo blog. Complimenti a te.
Per i titoli di Stato italiani: puoi vendere tutto e comprarti obbligazioni, tipo Bei e Germania, Austria che sono molto più affidabili.
Marco Calì, consulente finanziario indipendente.

http://sapienza-finanziaria.blogspot.com ha detto...

Per Fabio: bella domanda. Prova ad informarti e rendi noto. Se ti serve materiale sul signoraggio fammelo sapere.
Marco Calì, consulente finanziario indipendente.

Wil ha detto...

Grazie Marco,
sia per i complimenti, sia per i consigli finanziari.

Sul blog il prossimo mese voglio trattare l'argomento del Signoraggio. Giusto in questo periodo sto per dare un esame di Storia economica, pian pianino sto mettendo vicino delle conoscenze utili all'argomento.

Purtroppo più vado avanti, più mi rendo conto dell'Incongruenza del sistema attuale, e di come sia un enorme Business Ingiustificato per pochissimi.

In sintesi, già mi disturba il semplice fatto che le Banche Centrali "Prestino" il denaro allo Stato, creando una situazione di Debito, e quindi di interessi che ricadono su ogni cittadino.

Se puoi inviarmi via mail qualcosina a riguardo te ne sarei grato. Voglio affrontare l'argomento in Maniera Chiara, e Comprensibile a Tutti, sinteticamente.

E' un problema che conoscono in pochissimi.

Grazie ancora e complimenti

http://nonleggerlo.blogspot.com/

andrea ha detto...

questo blog lo trovo davvero molto interessante complimenti per le informazioni.
concordo con martina anche a mio avviso la situazione in italia e' ormai fuori controllo.

Anonimo ha detto...

Salve, io ho un conto con iwbank, che è una banca online del gruppo UBI, siccome devo aprire un mutuo ho scoperto che iwbank offre l'opzione offset, in pratica a fronte di un tasso fisso la rata varia di mese in mese proporzionalmente al saldo sul conto. Cosa ne pensa il sig. Calì di questa opzione? Grazie. Marco.

http://sapienza-finanziaria.blogspot.com ha detto...

Per anonimo (che deve sottoscrivere un mutuo): l'opzione offset di iwbank, mi sembra una buona offerta.
Ma per valutare bene l'offerta bisognerebbe conoscere le caratteristiche del cliente (lavoro, età, etc.). In linea generale, comunque, si tratta di una buona opzione.
Marco Calì, consulente finanziario indipendente.

http://sapienza-finanziaria.blogspot.com ha detto...

Per Andrea: grazie per i complimenti.
Marco Calì, consulente finanziario indipendente.