sabato 26 luglio 2008

Mr Prezzi all'attacco di tante categorie commerciali! Ma mai delle banche: che fatalità!



Di Marco Calì, consulente finanziario indipendente, nato a Zurigo il 22 settembre 1970.



Gentile lettrice e gentile lettore, ho visto e letto che, in questi giorni, il signor "Mister Prezzi" é tornato alla ribalta! I prezzi dei lettini da spiaggia sono diventati un argomento principe per i MEDIA, TV e GIORNALI! La tariffa di un ombrellone e due lettini sembra essere il problema principale dell'economia italiana! E, ovviamente, "Mister Prezzi" si occupa di questo!


In un precedente post, del 27 febbraio 2008, avevo scritto di una mia segnalazione fatta proprio a "Mister Prezzi" riguardante i guadagni delle banche. Ma occuparsi dei guadagni delle ONESTISSIME banche non deve essere abbastanza interessante per "Mister Prezzi" e di conseguenza per i GIORNALI e le TV.


Ti ricordo, ancora una volta, che alle banche E' CONSENTITO AVERE dei guadagni al di fuori di ogni logica commerciale. Un esempio lampante si ha quando una persona vuole comprare un'obbligazione o un Titolo di Stato: la banca, in genere, per questa operazione (fonte del Sole 24 Ore del 17 gennaio 2007) deve sopportare un costo pari a 0,45 euro, poco meno delle vecchie 1.000 lire! Te lo ripeto: quando ti rivolgi in banca per comprare un'obbligazione QUALSIASI o un Titolo di Stato, questa transazione costa loro 0,45 euro, 0,45 euro, 0,45 euro, 0,45 euro.


E quanto fa pagare, invece, la banca ai clienti? Solitamente lo 0,5% sull'importo investito! Quindi, se tu dovessi comprare un BTP (ti consiglio di non comprarlo, eh; é solo per fare l'esempio) per un importo di 50.000 euro, la banca ti applicherebbe 250 euro di commissione! Sì, hai letto bene: lo 0,5% di 50.000 euro é pari a 250 euro. E per la banca c'é un guadagno di 249,5 euro!


Se l'acquisto fosse di 100.000 euro lo 0,5% sarebbe 500 euro: e la banca guadagnerebbe 499,5 euro!

Se l'acquisto fosse di 200.000 euro lo 0,5% sarebbe 1.000 euro: e la banca guadagnerebbe 999,5 euro, e cosi via!


Ma gli italiani sembrano non interessarsi molto ai guadagni delle banche, anzi. "Mister Prezzi" ha detto che la tariffa di un ombrellone e due lettini é elevata, allora tutti a dire che non é giusto applicare quei prezzi.

Ma cosa bisognerebbe dire delle banche quando di fronte ad un costo di 0,45 euro ti applicano una tariffa di 250 euro?

0,45 EURO E' IL COSTO DI UNA LATTINA DI COCA-COLA! SE UN BARISTA LA DOVESSE VENDRE A 3 EURO O 4 EURO, gentile lettrice e gentile lettore, COSA DIRESTI?


Se hai bisogno di calcolare quanto ti stiano facendo pagare (magari in maniera occulta) le banche e/o il tuo promotore finanziario anche su altri prodotti (FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO, SICAV, OBBLIGAZIONI A CAPITALE GARANTITO, GESTIONI PATRIMONIALI, POLIZZE VITA, ETC.) scrivimi all'e-mail: edoardinchiarin@yahoo.it o contattami tramite skype: marco.cali19


Visita il mio blog su http://sapienza-finanziaria-blogspot.com/ ........ é più facile trovare un ago in un pagliaio che sentire un politico parlare male di una banca!


18 commenti:

credit repair ha detto...

very awsome.


credit repair

Anonimo ha detto...

Per Marco Cali
Prova a scrivere al Cavaliere, anzichè a Mr. Prezzi, per sottoporre il problema dei guadagni delle banche vedi cosa ti risponderà.
A risentirci

Anonimo ha detto...

PER MARCO CALI'.
Riporto un post appena letto sul Ministro Brunetta.

" Al professore del Brunetta-pensiero.
Sono uno statale che nel lavoro fa diligentemente il suo dovere e non ha nulla da temere da Brunetta.
Temo però che il Ministro stia facendo un buco nell'acqua ( comunque tutto fa brodo ai fini mediatici ) e mi spiego perchè :
1. sono diminuite, è vero, le assenze per malattie ( parlo per esperienza diretta nella mia struttura ove operiamo quasi 350 dipendenti ), ma sono aumentate le presenze dei nullafacenti. Risultato : tutto uguale a prima.
2. ci sono settori di lavoro nel pubblico creati o dilatatisi nel tempo per accrescere prestigio e potenza di taluni dirigenti legati politicamente in prevalenza alla vecchia D.C. (oggi legati agli eredi di quella vecchia D.C. sparpagliati soprattutto tra PDL e UDC ) cosa sta facendo o farà Mr. Brunetta per questi dirigenti e per azzerare gli apparati funzionali ai dirigenti per motivi carrieristici ed ai politici per motivi elettorali ?
Ne vedremo delle belle in autunno ( come dice Brunetta ). "

L'argomento è abbastanza pertinente con lo sfascio italiano di cui spesso si parla in questo blog.
Cosa ne pensa Lei sig. Calì, attento osservatore delle ruberie bancarie, della questione dei dipendenti pubblici e dei provvedimenti di Brunetta ?

Anonimo ha detto...

Ho sentito che S&P ha dato un giudizio negativo della manovra economica del governo. Questo vuol dire che siamo alla frutta?
Anna

Anonimo ha detto...

Si Anna siamo alla frutta.
Ma 3monti ci propinerà anche il dolce prima di servirci l'amaro.
Ma dopo l'amaro potrebbe anche arrivare l'olio di ricino di vecchia memoria.
A cosa pensi servirà l'esercito nelle strade ? (Per ora solo 3.000 uomini, ma si è sempre in tempo ad aumentarli). Servirà per contrastare un pò di zingarelli o barboni o vù cumpra ? Te lo dico io a cosa servono : servono ad assicurare l'ordine pubblico quando succederanno quelle cose che da un pezzo Marco sta predicendo.
Per contrastare la delinquenza ( italiana ed importata ), intendo quella effettiva non la delinquenza che in campagna elettorale è stata fatta percepire dai media, sarebbero bastate le forze di polizia esistenti.

Anonimo ha detto...

io voglio trasferire i miei soldi all'estero come devo fare?
non voglio più avere una banc a italiana mi fanno schifo tutte......

nano che tu possa passare i peggiori anni della tua vita .....il giudice Borsellino ti sta guardando e quando andrai li sopra ti farà un culo cosi ...........

Anonimo ha detto...

x il sig. Cali',un commento su questo articolo.Succedera' veramente?

http://ilpunto-borsainvestimenti.blogspot.com/2008/08/aumenti-di-capitale-e-vendite-di.html

stfeano ha detto...

Ciao marco che ne pensi della iwbank?

Anonimo ha detto...

Per il micronano che vive nel terrore xenofobo e omofobo e che vomita odio e violenza invoco pietà

http://sapienza-finanziaria.blogspot.com ha detto...

Per anonimo (Prova a scrivere al Cavaliere, anzichè a Mr. Prezzi,..): mi sembra che nessun politico sia interessato a parlare con le banche, se non per guadagnarci. Si ricorda le intercettazioni dei politici con i banchieri? Nessun politico, di destra o sinistra, ha detto nulla: ma che fatalità!
Marco Calì, consulente finanziario indipendente.

http://sapienza-finanziaria.blogspot.com ha detto...

Per anonimo (che ha riportato un post sul Ministro Brunetta): non ho seguito bene la vicenda, a dir la verità. In ogni caso, la situazione dei lavoratori pubblici é abbastanza delicata. Ci sono tante persone che non fanno nullla, non tanto perché non siano preparate, ma proprio perché costrette a rimanere ferme. La cosa certa é che il numero dei lavoratori pubblici supera abbondantemente il numero che servirebbe per fare determinati lavori. Ai lavoratori che sono in eccesso, ad esempio, in qualche settore (vedi Alitalia) gli farei fare qualche altro lavoro, in questo momento. Ma, in Italia, se un lavoratore ha il contratto a tempo indeterminato, é difficile convincerlo a cambiare lavoro. Troppa burocrazia.
Marco Calì, consulente finanziario indipendente.

http://sapienza-finanziaria.blogspot.com ha detto...

Per Anna: non penso che sia il giudizio di S&P a far capire che l'Italia è alla frutta. Basta guardare la vita quotidiana della maggior parte delle persone, purtroppo.
Marco Calì, consulente finanziario indipendente.

http://sapienza-finanziaria.blogspot.com ha detto...

Per anomimo (che ha risposto ad Anna): anche a me la manovra dei soldati é sembrata strana. Ci sono tante di quelle forze dell'ordine che se stanno in ufficio. Oppure che sono costrette ad andare agli stadi per non so quante ore (con la conseguenza di maggiori oneri legati a trasferte, straodinari, etc.). Ma, come nel commento sul Ministro Brunetta, devo ammettere che non sto seguendo bene la questione.
Marco Calì, consulente finanziario indipendente.

http://sapienza-finanziaria.blogspot.com ha detto...

Per anonimo (che vuole trasferire i soldi all'estero): basta recarsi all'estero, con un documento, e aprirsi un conto. Può versare direttamente una piccola cifra e poi tornato in Italia dare l'ordine alla propria banca di fare un bonifico. E non deve nascondere nulla!
Marco Calì, consulente finanziario indipendente.

http://sapienza-finanziaria.blogspot.com ha detto...

Per anonimo (che mi chiede un commento su questo articolo http://ilpunto-borsainvestimenti.blogspot.com/2008/08/aumenti-di-capitale-e-vendite-di.html): purtroppo, non posso far altro che confermare.
Marco Calì, consulente finanziario indipendente.

http://sapienza-finanziaria.blogspot.com ha detto...

Per anonimo (che mi chiede cos a ne penso di iwbank): iwbank é molto buona per determinati aspetti, come ad esempio, per la compravendita di obbligazioni. Hanno costi veramente onesti. Per quanto riguarda i soldi depositati sui c/c non mi fido, perché come tutte le altre banche presenti sul territorio italiano (sia italiane che estere) offre un limite di garanzia pari a 103.291 euro. Marco Calì, consulente finanziario indipendente.

paperinik ha detto...

A proposito del ruolo della Banca d'Italia,che a quanto ci dice Calì,è di fatto nelle mani dei due maggiori gruppi bancari italiani,sarebbe interessante conoscere com'è la situazione degli altri paesi in Europa,e cioè se anche la loro "Banca D'italia" sia di "proprietà" delle loro banche nazionali o meno...
(così,tanto x capire se siamo sempre noi italiani a non farci mancare sempre il "meglio"!)

paperinik ha detto...

Premetto che non sono un esperto di mercati finanziari,però volevo sprimere una mia personale opinione in merito alla "catastrofica" situazione del nostro "bel" paese;

Io non so CHI abbia introdotto l'utilizzo di strumenti tipo le "leve finanziarie",che scommettono (ad esempio)notoriamente sul fatto che le azioni scendano di valore x poterci guadagnare; credo che questi strumenti siano di fatto una sorta di "casinò finanziari",nei quali si giochi praticamente d'azzardo; Ma le azioni di ogni società quotata in borsa,non dovrebbero rispecchiare il buon andamento economico dell'azienda stessa?? e se sì,allora com'è possibile che se un'azienda va male,il reltivo titolo mi permetta invece di guadagnarci,pur utilizzando l'enigmatico strumento delle leve?

Sempre da assoluto "ignorante" in materia finanziaria,sono fermamente convinto che uno dei possibili modi per aiutare a migliorare la situazione di questo paese,potrebbe anche essere quello di stroncare letteralmente l'utilizzo di questi assurdi strumenti di speculazione perversa (le leve),in maniera da impedire ai soliti potenti di operare speculazioni oscene,al limite (o forse ben oltre) dell'immaginabile!
sbaglio?