mercoledì 19 novembre 2008

Un lettore ha avuto problemi per il trasferimento della posizione previdenziale. E HO CHIESTO SPIEGAZIONI AD INA ASSITALIA, Gruppo GENERALI S.p.A.!



Di Marco Calì, consulente finanziario indipendente, nato a Zurigo il 22 settembre 1970.


Gentile lettrice e gentile lettore, molto spesso hai bisogno di chiarimenti per quanto concerne la posizione dei tuoi investimenti. Cosa fai allora? Ti rivolgi in filiale o telefoni a qualche numero verde o invii qulache fax o mandi un'e-mail per cercare di avere una risposta. In molti casi la risposta non ti viene mai data. Come nel caso di Roberto, che abita a Cesena, il quale ha DATO DISPOSIZIONI per trasferire un fondo previdenziale verso un altro fondo, così come previsto dal regolamento del fondo stesso. E questa richiesta Roberto l'ha fatta il 15 febbraio 2008, sì hai letto bene il 15 febbraio 2008. E ad oggi, 19 novembre 2008 Roberto non ha ancora avuto una risposta!

Oggi invio una richiesta di chiarimenti ad Ina Assitalia S.p.A, società del Grupp Generali S.p.A., all'indirizzo e-mail: reclami.ina@inaassitalia.it

Nell'e-mail metterò i dati precisi del cliente ma in questo articolo li tralascio

Ecco il testo dell'e-mail.

Spett.le Ufficio Reclami dell'Ina Assitalia, sono Marco Calì, autore del blog http://sapienza-finanziaria.blogspot.com/ ...... nel quale pubblico l'e-mail che vi ho inviato. Una vostra riposta, se autorizzata, verrà anch'essa pubblicata nel blog.

Un Vostro cliente, il Signor Roberto Zanotti, vi ha inviato una richiesta di trasferimento della propria posizione previdenziale il 15 febbraio 2008. Il 17 novembre 2008 vi ha reinviato una ulteriore richiesta. Eccone il testo che ho pubblicato nel blog. A Voi invio l'allegato completo della richiesta del cliente.

OGGETTO: Sollecito Trasferimento Posizione Previdenziale n. 63664104/94

In data 15/02/2008 io sottoscritto Zanotti Roberto Vi ho inviato la lettera di cui sotto al fine di poter trasferire la mia posizione previdenziale da Ina a Previras. A oggi, nonostante svariati solleciti anche da parte di Previras, non ho saputo niente dello stato della pratica. Vi pregherei di farmi il punto della situazione ed in particolare di velocizzare la pratica, poiché i tempi si stanno allungando troppo ed ingiustificatamente. Vi allego qui sotto la lettera che Vi ho inviato nel febbraio 2008 e l'ultimo sollecito da parte di Previras. Allego altresì copia dell'originale di Polizza di Assicurazione, nonché copie delle Quietanze di Premio pagate dall'11/6/2003 all'11/12/2005 compreso.

Confidando in un Vs pronto riscontro Vi riporto i miei dati qualora aveste bisogno di comunicare con il sottoscritto. Cordiali saluti. Roberto Zanotti, Via.., tel....., e-mail...... fax.....

7 commenti:

Anonimo ha detto...

si parla delle "onestissime" banche ma che dire delle altrettanto "onestissime" assicurazioni? banche, assicurazioni e macellai sono il male dell'italia, servizi scadenti e troppo cari

Anonimo ha detto...

Buongiorno Sig. Calì,

sa dirmi per cortesia quali sono i passaggi/norme che regolano il trasferimento tra due forme pensionistiche complementari?

Grazie

Marco G. Fossati

Anonimo ha detto...

"3 mesi di consulenza online su assicurazioni, banche e pensioni a solo 100 euro!"
che tristezza, sembra di essere al mercatino arabo.
e io che credevo di aver trovato un sito di una voce intelligente fuori dal coro...
pecunia non olet anche per lei, sig. Calì. che tristezza

vivi daniele ha detto...

Per l'anonimo per cui la pecunioa olet.... per favore mi farebbe sapere la sua professione e il modo per contatarla? Sicuramente avrei bisogno di qualcuno, possibilmente intelligente o meglio intelliggentone, che lavora per me gratis. Le sarò grato e la ricorderò durante le mie preghiere serali.
In attesa di un suo cortese risconto, la penso intensamente.
cordiali saluti.

elena ha detto...

Secondo me la gente si è bevuta il cervello. Si critica Calì perché sul suo blog reclamizza i suoi servizi, così come si critica Grillo perché sul suo blog reclamizza i suoi libri e dvd... ma perché non vi date la briga di criticare questa merda di sistema politico-economico che tra governo, banche e compagnia bella, continua imperterrito a sfilarci i soldi di tasca!?! Ci siamo talmente assuefatti a questo obbrobrio che prendiamo per normale quello che non lo è, e viceversa.
E come si può vedere, il loro sistema, il divide et impera, funziona benissimo: mentre loro mangiano sempre ed ovunque, la gente sta sempre a farsi la guerra tra poveri, tra destra e sinistra, tra milan e inter, tra i pro-calì e i contro-calì...quando accidenti impareremo a ragionare con la nostra testa?

Anonimo ha detto...

Per l'anonimo per cui la pecunioa olet.... anch'io sto cercando qualcuno che lavora gratis per me e magari per la mia famiglia: abbiamo investimenti effettuati presso le onestissime banche ed assicurazioni che sono stracarichi di commissioni occulte. Mi dica dove contattarla, grazie.
Caterina.

Anonimo ha detto...

A Cateria

Che il lavoro si paghi è normale.
Non è normale che si paghi il lavoro-truffa.