domenica 7 dicembre 2008

Le favole di Esopo: seconda puntata!


Di Marco Calì, consulente finanziario indipendente, nato a Zurigo il 22 settembre 1970.


Gentile lettrice e gentile lettore, nei giorni scorsi ho pubblicato una favola di Esopo; ora eccone un'altra. Chi era Esopo?
Di Esopo non ci sono molte notizie. Si pensa che sia vissuto nel sesto o settimo secolo avanti Cristo e che raccontasse le sue storie nei luoghi dove si trovava. Egli non fu l'inventore delle sue favole: molte si raccontavano già in Mesopotamia, in Egitto e nelle città del Mediterraneo. Ma egli le raccontava con tanta abilità e con tanta arguzia che più tardi vennero trascritte, senza perdere il loro incanto e la loro freschezza. Ogni favola di Esopo conteneva una lezione: a volte appariva dall'insieme del racconto, altre volte veniva riepilogata dalla "morale" conclusiva.
Son passati più di 2.500 anni da quando Esopo offriva agli ascoltatori i suoi insegnamenti. Da allora molte cose sono cambiate. Sono accettabili ancora oggi le lezioni che Esopo proponeva ai suoi ascoltatori?
Forse alcune sono valide ancora oggi, altre non possono più essere seguite. Puoi scoprirlo da solo.
Leggi con attenzione, rivivi la favola come se si svolgesse nel nostro tempo e rifletti....
Rifletti e osserva gli uomini di oggi; applica ad essi le azioni e le parole degli animali di Esopo, e cerca di considerarle in piena libertà. E ti faccio un'altra proposta. Costruisci liberamente la tua "morale della favola", che può essere diversissima da quella di Esopo e se vuoi inserisci un commento al riguardo qui sotto.
Io ho aggiunto fra parentesi quelle che sono le mie considerazioni su questa prima favola. Altre favole saranno pubblicamente prossimamente su questo blog!
Ma eccoti la seconda favola. Buona lettura.


IL LEONE VECCHIO E LA VOLPE.


Un leone (Ministro dell'Economia), ormai vecchio, era incapace di procurarsi il cibo (BOT, BTP, CCT, CTZ) con le proprie forze. Per poter sopravvivere (pagare il debito pubblico e quindi onorare i BOT, BTP, CCT, CTZ IN SCADENZA), pensò di ricorrere all'astuzia (GRAZIE AI MEDIA, TV E GIORNALI). Si ritirò in una caverna (Parlamento) e, sdraiatosi, finse di essere infermo. Così poteva assalire e divorare tutti gli animali (Investitori di Titoli di Stato italiani) che andavano a fargli visita.

Ne aveva già mangiato un buon numero, quando gli si presentò la volpe (Un investitore che voleva comprare un Etf e/o un'obbligazione Bei e/o un Titolo di Stato della Germania e Austria), che, venuta a conoscenza dell'inganno, si fermo a distanza della caverna e prese a domandargli come stava di salute.

- Male! - rispose la volpe - se non vedessi tante orme di animali che entrano e nessuna di animali che escono.

Morale: anche gli uomini accorti, da piccoli indizi, sanno prevedere il pericolo ed evitarlo.


Visita il mio blog su http://sapienza-finanziaria.blogspot.com/ ..... é più facile trovare un ago in un pagliaio che sentire un politico parlare male di una banca!

16 commenti:

Giovanni ha detto...

Questa mattina ti ho visto a Canale Italia. Complimenti Marco.
Giovanni.

Anonimo ha detto...

FAQ (Frequently Asked Question, ovvero domande frequenti).

D: L'italia può fallire (ad esempio, se nessuno si presenta alle aste dei nuovi bot/btp)?
R: SI

D: La germania può fallire, ad esempio, se nessuno si presenta alle aste dei nuovi bund/bobl?
R: SI

D: La francia può fallire, ad esempio, se nessuno si presenta alle aste dei nuovi oat?
R: SI.
Se non lo si fosse capito TUTTI gli stati europei sono nella situazione di mantere il loro debito con il nuovo debito, non solo l'Italia.

D: L'italia può fallire perchè ha il rating più basso dell'europa a 25 (come è scritto in questo blog)?
R: NO, perchè non è vero!

D: La germania può fallire, perchè ha il rating più basso dell'europa a 25?
R: NO, perchè non è vero!

D: L'italia può fallire perchè solo gli italiani dementi e ignoranti comprano i titoli di stato (come è scritto in questo blog)?
R: NO, perchè non è vero.

D: Ho venduto i titoli di stato italiani perchè mi sono basato su queste informazioni false. Ho fatto bene?
R: NO! Anche se sarai "fortunato" e l'Italia fallirà hai basato la tua decisione su un DATO FALSO, quindi è cmq una zzzata... andata a finire "bene", ma sempre una zzzaata è...

D: E' più probabile che fallisca l'Italia o, ad esempio, la Germania?
R: Il mercato dice (da parecchi anni) che è più facile che fallisca l'Italia. Qualche anno fa "lo pensava" molto di più. Qualche mese fa, un po' di meno.

- Dove posso prendere informazioni per capire se è vero quello che è scritto sul blog, oppure se è vero quello che è scritto in queste domande/risposte?
In rete ci sono un bel po' di siti dove si possono verificare i dati e approfondire.
Qui ce ne sono alcuni...

Per i rating, i siti delle 3 agenzie che emettono rating:
- www.moodys.com
- www.fitchratings.com
- www.standardandpoors.com

Per i dati sul debito pubblico degli stati e approfondimenti sulla "sostenibilità" del debito:
- indexmundi.com/it
- www.menostato.it

Per il significato di base di titolo di stato (per capire perchè gli stati gli emettono):
- www.wikipedia.it

Per sapere chi ha in mano i titoli di stato italiani (so sono solo gli italiani dementi o ci fosse qualcun'altro), al 31/10/08:
- www.dt.tesoro.it

Questo non è un invito a comprare titoli italiani...

anonimo ha detto...

TEMPO DI SCIMMIE....

Wall street e le scimmie: lezione semiseria di economia

Una volta arrivò al villaggio un signore ben vestito, prese alloggio nell'unico albergo del villaggio e mise un avviso sulla singola pagina del giornale locale dicendosi disposto ad acquistare ogni scimmia che gli avessero portato per 10 dollari.

I contadini, che sapevano che la foresta era piena di scimmie, corsero a cacciare le scimmie. L'uomo acquistò le centinaia di scimmie che gli portarono a 10
dollari ciascuna. Siccome già rimanevano poche scimmie nella foresta, gli agricoltori persero l'interesse, allora l'uomo offrì 20 dollari per scimmia e i contadini corsero di nuovo nel bosco.


Anche in questo caso le scimmie erano in diminuzione e l'uomo alzò l'offerta a 25 dollari per cui i contadini tornarono nella foresta per cacciare le poche restanti scimmie.

A questo punto, l'uomo offrì 50 dollari per ogni scimmia, ma siccome aveva affari da sbrigare in città lasciò il villaggio e diede l'incarico al suo aiutante di acquistare le scimmie.

L'assistente andò dai contadini dicendo loro: vi offro di vendervi le scimmie del mio capo a 35 dollari e quando il mio padrone ritorna dalla città gliele vendete a 50 dollari ciascuna come quanto lui ha già accordato.

I contadini racimolarono tutti i loro risparmi e acquistarono le migliaia di scimmie che stavano in una gran gabbia, e attesero il ritorno del 'capo'... Da quel giorno non videro più nè l'assistente nè il capo. L'unica cosa che videro fu una gabbia piena di scimmie che acquistarono con i risparmi di tutta la loro vita.
Ora avete una nozione ben chiara di: Come funziona il Mercato dei Valori e la Borsa.

Anonimo ha detto...

Per il signore delle FAQ: ohhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh! Non é che per caso lei ha studiato economia all'Università?

Anonimo ha detto...

Per il signore delle FAQ: ohhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh! Non é che per caso lei ha studiato economia all'Università?

EEH SIGNORE DELLE FAQ LEI HA COMMESSO UN ERRORE.
DOVEVA STUDIARE ECONOMIA SUI BLOG !

Anonimo ha detto...

Per l'ultimo anonimo che ha detto:
DOVEVA STUDIARE ECONOMIA SUI BLOG !

Bravo, il suo intervento é eccezionale. Lei é bravissimo. Bravo. Complimenti. Bravo. Anzi, bravissimo. E per finire: CONIGLIO!
Giuseppe.

Anonimo ha detto...

Titoli di Stato, rendimenti
in calo per Bot a 3 e 12 mesi
commenti -

10 dicembre 2008

Rendimenti in calo per i BoT a 3 e 12 mesi assegnati in asta dal Tesoro.
Il Buono trimestrale è stato collocato con un rendimento lordo semplice del 2,464% (-0,329 punti) mentre il titolo a 12 mesi è uscito con un rendimento lordo semplice del 2,633% (dal 2,636% dell'ultima asta) toccando i minimi da novembre 2005.

Buona la domanda, pari rispettivamente a 8,4 miliardi per i BoT a 3 mesi (offerti per 4,5 miliardi) e a 9,055 miliardi per i BoT a 12 mesi, offerti per 6,5 miliardi.

Come vedete, la domanda di BoT è stata tra 1.5 e 2 volte l'offerta.

Non aggiungo altro.

Anonimo ha detto...

Grazie al signor anonimo (ma come mai tutti questi anonimi!Come se dire chi si é fosse peccato) che non aggiunge altro. Lei fa come tutti quegli anonimi che non si firmano, IN QUANTO CONIGLI, che poi non scriveranno più niente quando l'Italia andrà in default.
Coniglio. Mi scuso con i simpatici animaletti, non vorrei si offendessero.
Giuseppe.

Anonimo ha detto...

Bravo, il suo intervento é eccezionale. Lei é bravissimo. Bravo. Complimenti. Bravo. Anzi, bravissimo. E per finire: CONIGLIO!
Giuseppe.

LO SCEMO DEL VILLAGGIO REPLICA ANCORA CON L'UNICA FRASE CHE IN TUTTA LA SUA VITA E' RIUSCITO AD APPRENDERE.
HO DEI DUBBI PERO' CHE SIA RIUSCITO A SCRIVERLA DA SOLO.

Anonimo ha detto...

Per i brillanti contestatori CONIGLI anonimi: ma lo sapete che lo Stato sta pagando i Bot in scadenza con le nuove sottoscrizioni? Giuseppe.

Anonimo ha detto...

Tanti che non si firmano sono bancari..........

Anonimo ha detto...

OGGI 10.12.08 ORE 12.35.

IN UNA MATTINATA LAVORATIVA COSA FA IL SIG. GIUSEPPE ?
SCRIVE 3 POST ( TRA L'ALTRO 3 CACATE ) NEL GIRO DI MENO DI 2 ORE.

ECCO COSA FA OGGI IL SIG. GIUSEPPE INVECE DI LAVORARE.

Anonimo ha detto...

Giuseppe alias Marco Calì?

Anonimo ha detto...

Pare che a Giuseppe sia passata la diarrea.
E si sia messo a lavorare.

Anonimo ha detto...

Ma quanti conigli..... cosa hanno aperto?

Anonimo ha detto...

Gli anonimi sono tutti conigli

Firmato:
Anonimo