giovedì 30 luglio 2009

C'é chi guadagna in tempo di crisi? Certo! E chi é che guadagna PERENNEMENTE? Prova ad indovinare!


Di Marco Calì, consulente finanziario indipendente, nato a Zurigo (Svizzera) il 22 settembre 1970 e residente in provincia di Padova (Veneto, Italia).


Gentile lettrice e gentile lettore,

si sente spesso parlare di "crisi".


Ti ricordo, qualora non ne fossi a conoscenza, che ci sono alcune aziende, proprio in questo momento di "crisi", che stanno facendo soldi a palate!

SI', HAI LETTO BENE: IN QUESTO MOMENTO DI "CRISI" CI SONO ALCUNE AZIENDE CHE STANNO GUADAGNANDO MOLTISSIMO!


E di cosa si occupano queste aziende? E come riescono, queste aziende, a guadagnare in questo momento di "crisi"?


Queste aziende, IL CUI GUADAGNO E' IRREFRENABILE, sono le banche (e le loro consociate), tanto per cambiare; banche che riescono a guadagnare grazie ai clienti, non chissà in quale altra maniera. Sono i clienti che fanno fare gli utili alle banche, eh!


Ti rilascio alcuni dati che mi sono arrivati ieri, 29 luglio 2009, per e-mail da bluerating:


° BOOM DI GENERALI NEL SEMESTRE, QUADRUPLICA L'UTILE - L'utile netto dell'Istituto guidato da Girelli, chiude il semestre con un utile netto di 23,9 milioni di euro, quattro volte circa i 5,5 milioni del periodo 2008.


° SEMESTRE RECORD PER MEDIOLANUM, SORRIDE ENNIO DORIS - La banca ha chiuso un semestre da record, con 108 milioni di utili, un incremento del 53% rispetto al periodo 2008.


° POSTE ITALIANE, UN UTILE NETTO DA 468 MILIONI - L'offerta sempre maggiore di servizi e la nuova piattaforma di web banking contribuiscono alla crescita semestrale di Poste Italiane, con un incremento sul 2008 pari a 16 milioni di euro.


° BANCHE - POPOLARE DI SONDRIO, + 150% NEL SEMESTRE - L'istituto guidato da Piero Melazzini chiude un semestre record. L'utile netto, infatti, si attesta intorno ai 120 milioni di euro, contro i 47 milioni dell'anno scorso.


Questi sono solo alcuni dati che riguardano una parte delle banche (e loro consociate) italiane.


Ribadisco il fatto che é giusto che le banche guadagnino, ci mancherebbe! Solo che se lo facessero in maniera meno avida, i vantaggi per l'economia sarebbero enormi.

Se parte di quei soldi rimanessero alle persone, queste persone potrebbero a loro volta spendere questi soldi verso altre categorie commerciali, che a loro volta otterrebbero dei guadagni, consentendo un "circolo sano" dei soldi. http://www.youtube.com/watch?v=eQF3sYCGOIo&feature=channel

E, ripeto per l'ennesima volta, i vantaggi sarebbero per tutta l'economia, checché ne dicano alcuni illustri economici che imperversano tramite i PILOTATISSIMI MEDIA (tv e giornali).


TV E GIORNALI CHE SI OCCUPANO OGNI GIORNO DI UN ARGOMENTO NUOVO!

Prova a dare un'occhiata a cosa ne pensa al riguardo, il Presidente nonché Segretario generale della Federazione Nazionale della Stampa, Roberto Natale. Questo é il filmato http://www.youtube.com/watch?v=DhS962nFV-8&feature=channel_page



Visita il mio blog su http://sapienza-finanziaria.blogspot.com/ .......... é più facile trovare un ago in un pagliaio che sentire un politico parlare male di una banca!










6 commenti:

Anonimo ha detto...

Come mai la tipa che aggiornava sull'andamento di euro/dollaro non aggiorna più?

Anonimo ha detto...

Perchè hanno messo le quotazioni in diretta...le/gli risparmiano la fatica ;-)

Anonimo ha detto...

I vari contestatori che avranno ora da dire sul fatto che il Presidente dei giornalisti ti abbia dato ragione, Marco?
Come al solito se c'é da farti un complimento se ne stanno zitti.
Continua così: SEI GRANDE!
Marco (Roma)

Giovanna ha detto...

Se una persona ha un'idea diversa dalla mia, bene, non cade mica il mondo!
Anzi, se questa persona ritenesse di poter contribuire a fornire delle proposte e/o delle soluzioni, sarebbe l'ideale!
Un confronto fra diverse idee non può far altro che bene.

Lei ha scritto questo! Come vede, Calì, quando c'é da proporre qualcosa l'italiano é sempre nascosto. Ma si lamenta continuamente.
Giovanna

Anonimo ha detto...

Ma le banche non erano sull'orlo del fallimento?

Oppure guadagnano sempre tantissimo?

Non capisco più nulla...

Si dice tutto e il contrario di tutto e sembra sempre tutto giusto...

Anonimo ha detto...

ma la storia dei wesler (nn mi ricordo esattamente come si scrive), i più ricchi e famosi banchieri della storia, la conoscete???
durante la grande crisi del 600 hanno prestato cifre esorbitanti a diversi sovrani, compreso il re di spagna (allora maggiore potenza), in cambio di proprietà e soprattutto alcuni monopoli sulle miniere... che dire più... quello che hanno prestato è diventata una miseria in confronto a quello che hanno guadagnato, e berlusconi continua anche a regalargli soldi... poverine.. le povere banche ne hanno bisogno... non possono rischiare di prestare i propri soldini con i venti di crisi, ma se poi non riesci a restituirglieli... si riprendono indietro i soldi dello stato che ti ha prestato, in più si tiene quelli che fino hai potuto pagare, hai pagato!!! ma va******lo loro e tutto il sistema schifoso che fa ricchi loro e povero il terzo mondo!!! schifosi!!