lunedì 31 agosto 2009

Investire sulle azioni con lo stop loss e al ribasso: in filiale firmi la Mifid! Ma perché te la fanno firmare?


Di Marco Calì, consulente finanziario indipendente, nato a Zurigo (Svizzera) il 22 settembre 1970 e residente in provincia di Padova (Veneto, Italia).


Gentile lettrice e gentile lettore,

l'altra settimana sono andato in quattro filiali di banche italiane. Era da un po' di tempo che non entravo in una filiale.

Negli ultimi due anni ne avevo visitate più di 150: un po' di esperienza, sul modus operandi delle banche, penso di essermela fatta.


Ma una signora, della mia zona, mi aveva chiesto di informarmi circa le condizioni per l'apertura di un conto corrente e di un dossier titoli, per poter operare sial al rialzo che al ribasso.

Avevo detto a questa signora che non sarebbe servito a nulla andare in filiale, perché delle ottime condizioni le avrebbe trovate con le banche online.

Ma questa signora ha insistito ed allora sono andato, ancora una volta, a fare il giro di alcune filiali.


"Vorrei avere delle informazioni per investire, sulle azioni, sia al rialzo che al ribasso?", ho chiesto, generalmente.

Agli impiegati allo sportello (su 4 banche, due ragazze e due ragazzi) devo essere sembrato un alieno, visto le loro espressioni.

"Aspetti che chiamamo il direttore", mi dicono, più o meno, tutti e 4.

Poi mi hanno fatto accomodare nella stanza del direttore e praticamente in tutti 4 i casi non era possibile investire al ribasso!

E addirittura non c'era nemmeno, qualora si fosse operato al rialzo, la possibilità di inserire lo stop loss!


Ti ricordo, qualora non ne fossi a conoscenza, che, a mio avviso, la regola principale per investire sta proprio nell'applicazione dello stop loss (tra l'altro non é detto che anche usando lo stop loss il tuo ordine venga eseguito al prezzo che hai fissato; lo stop loss potrebbe "saltare" qualora il prezzo dell'azione, ad esempio, non tocchi proprio quel valore oppure il giorno successivo il titolo apra in "gap", cioé ad un valore diverso rispetto a quello fissato dallo stop loss, appunto).


Mettiamo ad esempio che tu sia andato short (al ribasso) su Unicredit a 2,62. Poiché essendo andato al al ribasso é ovvio che tu guadagneresti solo se il titolo dovesse scendere.


Mettiamo che il titolo vada a 2,52.


Se tu chiudessi l'operazione a 2,52 avresti guadagnato la differenza (0,10) per il numero delle azioni su cui avevi deciso di investire.

Mettiamo, però, che tu decida di lasciare aperta l'operazione, fissando però uno stop loss a 2,62.

Se Unicredit, ad esempio, il giorno successivo aprisse a 2,64 il tuo stop loss sarebbe "saltato". Per ovviare a ciò puoi inserire degli ordini condizionati ...........


Ma, tornando al mio discorso iniziale, voglio farti notare che un conto é poter inserire uno stop loss ed un altro conto é non poterlo fare.

E nelle filiali DOVE MAGARI TI FANNO FIRMARE LA MIFID non é possibile investire al ribasso e non é possibile fissare uno stop loss!


Ti ricordo, infine, che su tutte e 4 le filiali il costo per comprare le azioni si aggirava sullo 0,7% sull'importo investito!!!!!!!!!!!!

UN ORDINE TRAMITE LE PIATTAFORME DI TRADING ONLINE (CHE POI ALLA FIN FINE FANNO PARTE DEL GRUPPO DELLE FILIALI DI CUI TI HO PARLATO) COSTA CIRCA 10 EURO, INDIPENDENTEMENTE DALL'IMPORTO INVESTITO!

Se in filiale tu volessi comprare 50.000 euro di azioni Fiat, ad esempio, con una commissione dello 0,7% pagheresti 350 euro. Con un conto online lo stesso acquisto ti costerebbe 10 euro.

Per comprare la stessa cosa!!!!!!!!!!


Avendo fatto notare anche questo aspetto delle commissioni ai direttori, mi sono sentito ripspondere che c'é una differenza fra i conti online ed i conti delle filiali! Il cliente online compra tramite internet!!!!!!!!!

E in filiale l'acquisto delle azioni come lo fanno? Non lo fanno tramite internet, anche loro?

No, forse per i clienti delle filiali l'ordine viene eseguito direttamente dal direttore che si reca Piazza Affari e consegna un certificato dorato al cliente! Beh, con quel che paga il cliente, forse avverrà proprio così.



Visita il mio blog su http://sapienza-finanziaria.blogspot.com/ ........... é più facile trovare un ago in un pagliaio che sentire un politico parlare male di una banca!



P.S. Ti ricordo che domani sera, martedì 1 settembre alle ore 21, io edi il bravissimo trader Giulio Pasquini, 19 anni, terremo la presentazione, su skype, del più trasparente servizio d'Italia SAPIENZA - FOREX !
Per prenotarti clicca qui, compila il breve modulo e clicca Iscrivimi

E con SAPIENZA - FOREX lo stpo loss viene sempre fissato!

Trovi tutte le informazioni su http://sapienza-forex.blogspot.com/ ....... chi pecora si fa il lupo se lo mangia!






13 commenti:

Maria ha detto...

Volevo chiedere a qualche dipendente di banca: é vero che in filiale non é possibile fissare lo stop loss? E nemmeno andare al ribasso? Ed é vero che si paga lo 0,7% sull'importo investito?
Lo sto chiedendo in un'ottica di confronto.
Può rispondermi anche chi non é dipendente.
e' evidente che una discussione seria può servire a tutti.
Buona giornata.
Maria

Anonimo ha detto...

Bellissimo post Marco, complimenti !!! Stai tornando agli antichi splendori !!! E pian piano anche i commenti.....

Anonimo ha detto...

FORZA IL CALI'!!!!!
Emanuele

Anonimo ha detto...

Direttiva MIFID?
E chi la conosce.
Si ho letto piu' o meno di che cosa si tratta ma vorrei vedere in quanti veramente ne conoscono i contenuti.
Basterebbe fare un sondaggio al mercato e vedere cosa ne pensa la gente.
Forse 1 su 50 risponderebbe.

Finalmente il grande Cali' e' tornato con ottimi spunti di riflessione.

Anonimo ha detto...

Se dici short in banca ti pensano un marziano: é vero!

Anonimo ha detto...

Come sempre nessun bancario risponde. Ed il blog i bancari e anche i promotori finanziario lo leggono, eccome se lo leggono. Ma intavolare un discorso con loro é praticamente impossibile. Il loro problema é che non possono essere obiettivi, SONO SOLO DEI VENDITORI e pieni di CONFLITTO D'INTERESSE!
Antonio

Anonimo ha detto...

Le banche ti fanno firmare la mifid come fosse un "disclaimer", nella certezza/speranza di evitare un domani reclami/contestazioni.

Sulla diversità dei costi tra varie banche e tipologie di conti ci sarebbe da scrivere un voluminoso trattato, così come sulla mancanza (voluta?) di adeguata formazione della rete di vendita (filiale/promotore finanziario/broker/agente assicurativo).

Il mio, personale, consiglio, prima di fare qualsiasi operazione bancaria (dall'apertura di un normale c/c bancario alla sottoscrizione di qualsiasi altro servizio), è quello di eseguire il vecchio "pellegrinaggio delle sette cappelle" girando sia fisicamente che online più banche possibili o agenzie di promotori fino a trovare il servizio desiderato al minor costo possibile. In caso di dubbio o di poca chiarezza: non sottoscrivere.

MGF

Anonimo ha detto...

Quali sono le banche che hanno commissioni per operare al ribasso? Grazie a tutti.
Caterina

Anonimo ha detto...

Adesso che non ci sono più i contestatori, tutti invocano i contestatori o vorrebbero averne perchè un nemico comune fa unione.

Beh, per quanto mi riguarda ( sono un ex contestatore ), posso dirvi che non leggo più questo blog perchè non ne vedo l'utilità.

Oggi l'ho riaperto per caso dopo tanto tempo e che scopro ? Che tutti si chiedono dove sono i contestatori.
Mi sembra che abbiate nostalgia di questa razza rara e che temiate si sia estinta.
Ma se anche gli altri contestatori hanno fatto come me ( ovvero hanno abbandonato il blog ) scordatevi di sentirne qualcuno.
Così sarete felici e contenti nella vostra oasi di pace ad auto lodarvi ed auto incensarvi.

Proprio come piace al Cavaliere.

Vi saluto e chiudo.
Vi assicuro che è stato proprio il caso a riportarmi su questo blog per cui non conoscerò mai eventuali vostre risposte.

Anonimo ha detto...

No! No! Nessuna nostalgia.
Tornate da dove siete venuti.
Grazie.

Anonimo ha detto...

Non vede l'utilità di questo blog? HAHAHAHA io invece non vedo l'utilità dei vostri commenti !!! questioni di punti di vista.......

Non siete capaci di fare nulla...a malapena le chiacchiere...proprio come l'opposizione del Nostro Governo....l'ha citata Lei la politica.....

Ci vogliono FATTI! Bravo Calì e, permettetemi, bravo Cavaliere.

Buonasera

Anonimo ha detto...

Bravo al Sig. Cali' senza dubbio.

Ma al Cavaliere bravo per cosa?
Per aver regalato miliardi di euro del contribuente al colonello Gheddafi?

O per la brlillante operazione Alitalia-Cai sempre a carico del contribuente?

No forse per i tremonti bond per ricapitalizzare le onestissime banche.

Anonimo ha detto...

http://sapienza-forex.blogspot.com/2009/07/operazioni-e-rendimenti.html

Grande Pasquini!

Filippo