mercoledì 7 ottobre 2009

Scudi fiscali, condoni e lodi vari! Con la trasformazione dell'euro in kalì i problemi potrebbero essere risolti?


Di Marco Calì, consulente finanziario indipendente, nato a Zurigo (Svizzera) il 22 settembre 1970 e residente in provincia di Padova (Veneto, Italia).



Gentile lettrice e gentile lettore, avrai sentito parlare di scudi fiscali, lodi, condoni vari: le stanno studiando tutte ma forse la soluzione é più di semplice di quanto possa sembrare.


Che Marco Calì abbia scoperto l'uovo di Colombo?


Parto da questa considerazione:

ci sono tanti di quei capitali in contante e non da far paura. Si parla, comunque, di cifre abbastanza "importanti".

La mia idea é questa: si potrebbe creare una nuova moneta, senza modificarne i parametri di conversione attuali. Solo un cambio di nome e quindi le banconote vecchie verrebbero sostituite con delle nuove. La STRAGRANDE MAGGIORANZA delle persone non é che abbia tutto questo contante da cambiare e, di conseguenza, i disagi sarebbero limitatissimi.

Per prima cosa ti ripeto che le persone (che non hanno nulla da nascondere) non avrebbero nessuna conseguenza negativa.


Si cambia l'euro con il kalì, ad esempio, una nuova moneta. Questa nuova moneta (il nome kalì é puramente casuale, eh) non farebbe perdere nemmeno un centesimo alle persone. Verrebbe fatta, MOLTO SEMPLICEMENTE, una conversione.

Tutti i soldi dei c/c e degli investimenti non subirebbero, quindi, nessuna modifica del loro valore. Ma quale potrebbe essere il risultato di questa trasformazione da euro a kalì?

Il risultato potrebbe essere quello di FAR EMERGERE I SOLDI DELLE PERSONE CHE PROPRIO TRASPARENTI NON SONO.
Il problema non sussisterebbe per la STRAGRANDE MAGGIORANZA DELLE PERSONE, perché, ripeto, se una o uno non ha nulla da nascondere la sostituzione dall'euro al kalì non le o gli comporterebbe nessun disagio. I disagi, forse, li avrebbero quelle persone e/o ditte che sono in possesso di UNA VALAGA DI SOLDI, magari in contanti, e che proprio trasparenti non sono.


Cosa ne pensi, gentile elttrice e gentile lettore: é attuabile una manovra del genere?

Secondo me é molto semplice e non creerebbe chissà che tipo di problemi "tecnici", anzi ne risolverebbe molti di problemi, eccome se ne risolverebbe.

Ma forse, per questo MANOVRATISSIMO E PILOTATISSIMO, sistema economico le cose devono restare così .........


Visita il mio blog su http://sapienza-finanziaria.blogspot.com/ .......... é più facile trovare un ago in un pagliaio che sentire un politico parlare male di una banca!

42 commenti:

Anonimo ha detto...

Bella questa !
Geniale !

Io suggerirei di istiruire l' EUROKALI' così da estenderlo a tutti i paesi della UE, altrimenti con l'introduzione del semplice Kalì andremmo fuori dall'euro.
Anche se questa soluzione potrebbe stare bene a qualcuno e potrebbe non stare bene ad altri.
Con l'EUROCALI' invece non si porrebbe la questione di una eventuale uscita dalla UE e si risolverebbe il problema dell'evasione anche a livello europeo.

Egregio sig. Calì che posso dirle ?
Non ho parole.
Questa volta non ho nulla da eccepire.Raccoglie il mio plauso e basta !

Le suggerirei di sottoporre l'idea al Ministro Tremonti e, nel frattempo, per rendere più incisiva l'azione si potrebbe anche costituire un comitato per un referendum popolare.

In caso di sviluppi futuri dell'iniziativa, dei quali spero ci terrà informati, sarò ben felice di fornire il mio modesto contributo di pensiero e d'azione.

Saluti dal finalmente suo ( mi ha conquistato con questa idea ),

Il lupo

http://sapienza-finanziaria.blogspot.com ha detto...

Buongiorno Signor "Il Lupo".
Mi scuso se non si era compreso, ma la mia intenzione era proprio quella di estenderlo a tutti i paesi aderenti all'Euro. Farlo solo in Italia é praticamente impossibile, sono d'accordo.

Per quanto concerne la creazione di un referendum popolare o qualsiasi altra iniziativa al riguardo sono pronto!
Ma, come dico sempre, se ci muoviamo in più persone i risultati potrebbero essere più incisivi.
Ognuno ha i suoi impegni, ovviamente. Ma di suggerimenti ce ne é sempre bisogno.
Io, ripeto, sono a disposizione.
Partiamo: se restano solo le parole, questo sistema difficilmente cambierà.

Mi faccia sapere. Ovviamente, l'invito é rivolto anche a tutte le gentili lettrici e ai gentili lettori del blog.

Una SPLENDIDA GIORNATA a tutti.

Marco Calì, consulente finanziario indipendente.

Anonimo ha detto...

Ottima proposta, ma sarebbe utile eseguire periodicamente questo tipo di pulizia, ogni x anni. Ciò potrebbe agire da serio deterrente nei confronti di attività illegali che altrimenti, non illudiamoci, dopo la conversione in Kali, riprenderebbero comunque a operare. Questa può senz'altro essere una interessante forma di contrasto concreta (per una maggiore efficacia, andrebbe accompagnata dal contrasto ai paradisi fiscali e dall'affrancamento dalla sudditanza verso il signoraggio BCE-bancario)

Adriana ha detto...

Anch'io sono d'accordo, complimenti.
Adriana.

N.B. Poi sul mercato delle valute si potrà investire sull'eurokalì/dollaro?
Battute a parte, ottima iniziativa

Anonimo ha detto...

beh sig Calì,

nel passaggio dalla lira all'euro non è per niente emerso il risultato che Lei auspica, nonostante, sicuramente, erano presenti miliardi di banconote in lire, che avrebbero dovuto essere cambiate in euro, dopo un periodo di dopppia circolazione di 6 mesi, derivanti da attività "illecite".

Il vero problema è nella volontà di controllare gli evasori e nella capacità poi di recuperare effettivamente le somme emerse. Tutti i governi sbandierano numeri altisonanti sulle cifre che hanno "scovato" come evasione ma non dicono mai quelle effettivamente recuperate (perchè sono molto molto più basse).

Inoltre il denaro nei paradisi fiscali è, ovviamente, puramente virtuale. Quindi il convertire da una valuta ad un' altra non cambierebbe niente, purtroppo.

Sicuramente diminuirebbe estremamente la possibilità di evasione futura due semplici ordinanze

1) che ogni pagamento superiore ai € 250 sia fatto solo trmiate bancomat/bonifico/carta di credito/assegno di traenza non trasferibile

2) Che siano possibili i prelievi in contanti da conti correnti di società solo a fronte di particolareggiata documentazione (per chi non lo sapesse il prelievo dei contanti da conti di ditte è lo "stipendio" non ufficiali dei soci di una società, che così incamerano introiti molto superiori a quelli che poi, ovviamente dichiarano)

In un altro post avevo indicato un altro uovo di colombo: la possibilità di deduzione dal proprio da parte del privato di tot spese annue (elettricista, meccanico, ristorante, vestiario, parrucchiere, idraulico, etc...etc e non me ne vogliano i rappresentanti di tali categorie).

Ribadisco, purtroppo, il carattere estremamente demagogico di tali proposte, assulutamente non perseguibili dall'attuale oligarchia italiana.

Buona giornata

MGF

Anonimo ha detto...

Buongiorno Sig.Marco, è il mio primo post e innanzitutto voglio esprimere la mia gioia nel vedere il primo suo articolo, dopo chissà quanti, in cui nei commenti non si trovano messaggi offensivi e/o ironici. (Spero che anche il primo, quello del Sig.Lupo, non sia ironico)
Ne sono contento in quanto ritengo che il suo blog abbia un grosso potenziale, e lei ha delle idee sempre originali.

Detto questo,
volevo chiederle un chiarimento sulla sua proposta.
Cioè, lei intende dire che chi detiene soldi sporchi, in contanti, dovrà andare forzatamente in banca a convertirli in Kalì, per cui si scoverebbero i capitali illeciti?

Prima di dire la mia al riguardo, vorrei sapere se quello che ho detto è quello che lei intende.

Grazie.

Luca M.

Anonimo ha detto...

Perché un referendum possa riuscire bisognerebbe appoggiarsi ad uno o più raggruppamenti politici che prendono in considerazione quello che sostiene Calì, perché solo l’organizzazione di raggruppamenti politici può dare il supporto per portare avanti un referendum. Probabilmente però molti non vedrebbero di buon occhio una cosa del genere.
Per evitare troppa politicizzazione, si potrebbe cercare un consenso politico trasversale e dare vita a una organizzazione trasversale, oppure si potrebbe creare tramite il web un movimento per il referendum, magari appoggiandosi a movimenti con organizzazione già molto attiva e potente come quella di Beppe Grillo.
Saluti a tutti
Antonio

http://sapienza-finanziaria.blogspot.com ha detto...

Per il Signor Luca M.:
grazie per essere intervenuto, intanto.
Per quanto concerne la sua domanda, intendo dire che chi ha i contanti troverebbe dei limiti per convertirli, andando in banca. E qui le banche dovrebbero realmente essere controllate. Controllate le banche, sì, perché i soldi passano da lì.
E la stessa cosa avverrebbe con i soldi depositati. Dovrebbero essere convertiti in kalì e per gioco forza dovrebbero essere dichiarati, cioé visibili. E poi, essi siano contanti o soldi depositati, i controlli potrebbero essere molto semplici.

GRAZIE ANCORA E LE AUGURO UNA SPLENDIDA GIORNATA.

Marco Calì, consulente finanziario indipendente.

Anonimo ha detto...

Anch'io ritengo essere molto interessante questa iniziativa. Ma non ho proprio idea sul come sia possibile divulgarla.
Sicuramente fra i visitatori ci sarà qualche persona che potrebbe essere d'aiuto sapendo sfruttare i mezzi che la tecnologia mette a disposizione per queste iniziative.
Io non sono capace, ma proverò lo stesso ad informarmi.

Con stima
Paolo

Anonimo ha detto...

Grazie per la veloce risposta.

Ha anticipato il mio pensiero, appunto.

Volevo infatti dire che la sua idea è buona! Ma per far si che funzioni davvero, bisognerebbe prima che cambiassero molte cose all'interno del sistema. Ed è facile pensare che, se il sistema fosse già come dovrebbe essere, non ci sarebbe bisogno di conversione in Kalì o altro, in quanto l'evasione sarebbe già combattuta efficacemente, tramite controlli VERI.

Sono anche io del parere, però, che qualcosa bisogna pur fare, per cui appoggio in pieno la proposta di referendum, raccolta firme, o quant'altro possa portare a conoscenza il grande pubblico delle ottime iniziative che partono da questo blog!

Anche le due idee di MGF mi sembrano molto valide, specie quella di poter scaricare tutti i tipi di spese.
Proprio ieri sono stato dal meccanico per la mia auto, e dopo aver pagato 220 € non ho chiesto la ricevuta fiscale...proprio perchè a me non interessa! anzi, magari con la ricevuta mi toccava pagare anche di più. Con la detraibilità, invece, avrei avuto di certo interesse a farmi rilasciare fattura/ricevuta.

Stesso discorso per le sua proposte su facebook di tempo fa. Sono molto buone e andrebbero attuate.

Cosa si potrebbe fare? Chi ne sa qualcosa? Basterebbe anche una raccolta di firme on-line?

Luca M.

Anonimo ha detto...

Allora Sig. Alessio ha ragione lei o ha ragione il Sig. Calì su come si calcolano le commissioni ?
Paolo

Anonimo ha detto...

PROPONGO ALCUNI LINK PER LA LETTURA DI ARTICOLI DAI QUALI TRARRE SPUNTI E FONTI DI INFORMAZIONE PER LA NUOVA MONETA.

1)
Lo Scec, un progetto di nuova moneta sostenibile da affiancare all’Euro
9 Luglio 2008 - Dai movimenti
http://www.ilbenecomune.net/2008/lo-scec-un-progetto-di-nuova-moneta-sostenibile-da-affiancare-alleuro/

2)
In Germania una nuova moneta parallela all'Euro
di Claudio Bonvecchio (www.AcliMilano.org)
http://www.disinformazione.it/monetagermania.htm


3)
Moneta immaginaria
http://www.sovranitamonetaria.it/articles.php?pg=263&lng=it

4)
Mafia e malaffare : e pensare ad una moneta trasparente ?
http://www.cuntrastamu.org/wordpress/?p=245

Anonimo ha detto...

segue :

5)
Fisco: Visco, contro evasione sostituire moneta cartacea con elettronica
http://archivio-radiocor.ilsole24ore.com/moneta-elettronica/

Anonimo ha detto...

…..
…..
……
ECCO, VORREI SOLO SAPERE : E’ VERO O E’ FALSO CHE IL CALCOLO DELLE COMMISSIONI PER IL SERVIZIO SAPIENZA FOREX AVVIENE COME NELL’ESEMPIO FATTO DA ALESSIO ?

Grazie
Il lupo



…..
…..
……
Vi sarò grato se, in pubblico, potrete rispondermi con un sì/no e perchè

Buona Giornata

MGF


VI PARE POCO SIG. LUPO E SIG. MGF ?

Anonimo ha detto...

Si, mi pare pochissimo. A lei?

Anonimo ha detto...

E' questione di punti di vista.

Comunque le risposte non le ho viste.

Anonimo ha detto...

Sì sì!!! Evviva la moneta elettronica!!! e poi la minima libertà che ci rimane andrebbe a farsi benedire...
Ci pensate che già ci ascoltano, ci guardano, ora manca solo che sappiano anche quale marca di dentifricio, di mutande o pannolini si indossa e siamo a posto...

Ma svegliatevi!!!

La lotta all'evasione è sana e corretta, di certo però non è il primo passo da compiere per toglierci dall'imbarazzo di questa crisi che ancora sta mietendo vittime, in ambito lavorativo.

La Sua proposta Egregio Signor Calì era già stata ideata negli anni passati e credo non abbia avuto alcun seguito proprio per volontà di chi ci governa, perchè tutti quanti hanno interessi contrari alla sua attuazione.

In ogni caso il suo blog è sempre un buon spunto di riflessione.

Saluti con stima,

Dr. Franca Dell'Angelo.

Anonimo ha detto...

egregia Dr.ssa Dell'Angelo,

mi permetto di farLe notare che attualmente molti di noi sono già controllati in quello che acquistano. Pensi soltanto alle tessere fedeltà dei supermercati.

MGF

Anonimo ha detto...

per chi dice che se mi pare poco la mia richiesta su sapienza forex fatta l'altro giorno...

rispondo con una frase del sig. Calì (e mi scuso con lui se mi approprio delle sue parole) che ha indicato nel post del 06/10/2009

"Chiedere è lecito, rispondere è cortesia"

aggiungo che, effettivamente non ho ancora ricevuto risposta e che tale quesito non è l'unico che sia rimasto senza risposta da quando, circa due anni, frequento questo blog.

MGF

Giulio Pasquini ha detto...

Sig. MGF, La ringrazio per la cordialità della Sua richiesta, e aggiungo che se parliamo di risposte non date, sono molte ma molte di più quelle dei frequentatori di questo blog, rispetto a quelle di Marco Calì.
Domande serie, poste da Marco, a commentatori che si ponevano (e si pongono) con scortesia, maleducazione, e soprattutto senza avere delle idee in testa, ma soltanto per attaccare senza motivo. E che, quindi, a tali domande serie non rispondevano e non rispondono.

Marco ha (quasi) sempre risposto, anche se NON E' QUESTO il luogo per rispondere a delle domande.
Ribadisco infatti che questo spazio è dedicato ai commenti all'articolo, e mi pare che, invece, se ne abusi.

Questo riguarda anche la Sua richiesta e quella di Alessio, che ho già più volte chiesto di porre in privato, e non perchè la risposta sia segreta, tutt'altro, ma perchè è quello il luogo per porre domande.

Inoltre periodicamente fissiamo delle conferenze online, e non capisco perchè nessuno di voi si prenoti, visto che avete tante cose da chiedere.


Detto questo, ho parlato ieri sera con Marco riguardo la Sua proposta di prendere profitti al momento del ritiro totale dell'investimento.
Io non ho risposto subito perchè volevo sentire lui, e Marco mi ha detto che il Suo messaggio gli era sfuggito, non l'aveva letto.

Ecco un altro motivo per cui è consigliabile scriverci all'email o contattarci in altra maniera, via Skype o telefono.


Passo ora a risponderLe, cortesia da parte mia, anche se non dovuta, in questo luogo...

Lei propone: prendete la vostra percentuale al ritiro totale dell'investimento, se e solo se ci saranno profitti, così non si incorre nel caso descritto da Alessio (ah...si, è giusto il vostro ragionamento sul ritiro dei profitti...così facciamo contenti pure il Lupacchiotto e i suoi amici.....).

Bene, ipotizziamo che un cliente tenga il conto aperto per 10 anni.

Facendo come dice Lei, in 10 anni noi non vedremmo 1 euro...Le sembra possibile? A noi no, ecco il motivo per cui la Sua proposta (pur ringraziandoLa per averla formulata, ripeto, in maniera cordiale) non è attuabile.

L'attuale metodo di ritiro della nostra percentuale ci pare perfettamente in linea con la trasparenza offerta dal servizio, in quanto se un mese il cliente guadagna, guadagniamo anche noi, se il mese successivo il cliente non guadagna, noi NON GUADAGNIAMO NULLA. E continueremo a non guadagnare nulla finchè il conto del cliente non torna in attivo.

E' chiaro che, se un cliente sottoscrive il servizio in un periodo in cui il sistema sta perdendo, all'inizio è possibile che si verifichi il caso da Voi illustrato, cioè che l'investimento sia in perdita, nonostante magari si siano pagate delle percentuali per un mese chiuso in profitto, ma alla lunga questo non si verifica, se il sistema è buono e, nel lungo termine, guadagna.

Se invece il sistema non è buono, di certo non prendiamo chissà quanti soldi, e (alla lunga) non guadagniamo nè noi, nè il cliente.

Penso che questa conclusione sia ineccepibile, se non da parte di persone la cui mente è offuscata dal pregiudizio. Persone, che non prendiamo in alcuna considerazione.

Buona giornata

Anonimo ha detto...

Ringrazio il sig.Pasquini per la risposta, la quale, come ho detto nel post nel quale ponevo la domanda, non verrà da me giudicata nè in maniera positiva nè in maniera negativa.

Riguardo al fatto del perchè non mi prenoto per una conferenza è, come già affermato un paio di volte, sono un ex-utilizzatore di forex e non intendo operare su tale mercato nuovamente.

La motivazione, sempre per discorso di correttezza e di evitare di influenzare potenziali investitori, preferirei non rivelarla.

Cmq tale mio uscita dal "mondo" forex non deriva da perdite economiche (per essere più chiari entrai in forex con un capitale x e ne uscì dopo circa due anni con un importo maggiore).


MGF

Anonimo ha detto...

chiedo scusa per l'errore ortografico di prima...si dice uscii

MGF

Giulio Pasquini ha detto...

Perfetto Sig.MGF,
La ringrazio per il chiarimento e, in generale, per i Suoi interventi che ritengo sempre corretti.

Credo che Lei rispecchi ciò che dice Marco Calì riguardo come dovrebbero essere i commentatori.

Criticare si, ma sempre con rispetto, educazione, e senza mai prendere posizioni assolute, e "ideologiche".

Se vuole, La invito a scrivermi per conoscere il motivo per il quale è uscito dal mercato, che, giustamente, non vuole rivelare.

Potremmo intraprendere una discussione, e mi farebbe molto piacere.

Può scrivermi un'email a sapienzaforex@yahoo.it oppure aggiungermi ai contatti Skype. Il mio è giulio.pasquini

La ringrazio se lo farà

Saluti
Giulio Pasquini

Anonimo ha detto...

Gentile MGF,

la mia era una provocazione, ma credo che una tessera dell'Esselunga o di qualsiasi altro supermercato, non sia niente a confronto con tutto il resto della nostra vita...qui con la carta elettronica davvero si può avere il controllo totale delle persone e a me questa cosa non piace.

Cordiali saluti,

F. Dell'Angelo

Anonimo ha detto...

Buongiorno a tutti.
Volevo sapere come posso fare per portare a conoscenza questa iniziativa anche ad altre persone, che magari non usano internet.
Si potrebbe preparare un volantino, ad esempio, con il contenuto di questo articolo. Poi chiunque lo potrebbe stampare e divulgarlo come meglio crede, nei vari uffici italiani, nelle banche, appendendolo sui muri, etc.
Più gente viene a conoscenza di questa iniziativa meglio é: se poi non porterà a nessun risultato, pazienza, ma almeno possiamo dire di averci provato.
Se qualcuno mi aiuta lo faccio io il volantino, ma sono un po' impedito. Mi sembra che si possa fare con un PDF.
Qualcuno mi aiuta?
Sempre, ovviamente, se il Signor Calì é d'accordo, ma mi sembra che lo sia.
La mia e-mail é: anto.19500@yahoo.it

Con profonda stima.
Dott. Antonio Russo

Anonimo ha detto...

Riprendo tre passaggi dell’intervento del Sig. Pasquini e li commento ( in maiuscolo per consentirne l’immediatezza di lettura ) :

1.
“ L'attuale metodo di ritiro della nostra percentuale ci pare perfettamente in linea con la trasparenza offerta dal servizio, in quanto se un mese il cliente guadagna, guadagniamo anche noi, se il mese successivo il cliente non guadagna, noi NON GUADAGNIAMO NULLA. E continueremo a non guadagnare nulla finchè il conto del cliente non torna in attivo. “

NON E’ CHE IL VOSTRO SERVIZIO NON SIA TRASPARENTE.
QUELLO CHE SI STA CRITICANDO E’ IL SISTEMA DI PAGAMENTO DELLE COMMISSIONI, CHE COSI’ COME E’ ARTICOLATO NON E’ EQUO.
LADDOVE LEI PARLA DI GUADAGNI DEVE ESSERE BEN CHIARO CHE SE UN MESE IL CLIENTE GUADAGNA, MA NON CAPITALIZZA TALE GUDAGNO ( OSSIA CONSEGUE SOLO UN GUADAGNO “ VIRTUALE “ ), VOI DI CONVERSO GUADAGNATE E CAPITALIZZATE ( ECCOME !!!! ) IL VOSTRO GUADAGNO, OSSIA REALIZZATE UN GUADAGNO “ REALE “.

2.
Se invece il sistema non è buono, di certo non prendiamo chissà quanti soldi, e (alla lunga) non guadagniamo nè noi, nè il cliente.

QUESTA E’ UNA TESI SUA, ENUNCIATA CON CRITERI DI VALUTAZIONE ALLO SPANNOMETRO.
BISOGNA FARE ESEMPI NUMERICI PER PROVARE E CREDERE.
NE HO FATTI DIVERSI CHE DIMOSTRANO IL CONTRARIO DI QUELLO CHE SOSTIENE.

3.
Penso che questa conclusione sia ineccepibile, se non da parte di persone la cui mente è offuscata dal pregiudizio. Persone, che non prendiamo in alcuna considerazione.

BELLA CONCLUSIONE QUESTA CHE “ LEI “ RICONOSCE INECCEPIBILE ED ALLA QUALE “ LEI “ ATTRIBUISCE VALIDITA’ ASSOLUTA, DANDO DELL’OFFUSCATO E PERSONA DA NON PRENDERE IN CONSIDERAZIONE A CHI NON LA RICONOSCESSE VALIDA.
ALLA FACCIA DELLA BUONA CREANZA E DELLE BUONE MANIERE CHE HA PREDICATE IN TUTTO IL SUO LUNGO POST.

P.S.
Può anche non prendermi in considerazione e non rispondermi in quanto faccio parte delle persone offuscate da pregiudizio ( ovviamente secondo il suo metro di valutazione ), tanto a me del metodo di calcolo delle commissioni del servizio forex non interessa un tubo.

http://sapienza-finanziaria.blogspot.com ha detto...

Per l'ultimo anonimo (che riprende i tre passaggi):
grazie del suo PREZIOSISSIMO intervento. Ha ragione.
Scusi se questo blog non é alla sua altezza. Scusi ancora. Ha ragione. Mi dispiace. Mi scuso ancora, lei ha ragione.

Le auguro una FANTASTICA GIORNATA.

Marco Calì, consulente finanziario indipendente.

Anonimo ha detto...

SCUSI, GRAZIE, PREGO, TORNERO’ ( come la vecchia canzone di Celentano ).
Più o meno così si conclude il discorso ogniqualvolta la controparte è in difficoltà e non sa cosa rispondere a domande serie e fondate.
Se la poteva risparmiare questa risposta diciamo ….. un po’ infantile.
Lei non deve nessuna SPIEGAZIONE a un offuscato da pregiudizi ( secondo il vostro metro ), non deve SCUSARSI con una persone da non prendere in considerazione ( sempre secondo il vostro metro ) e non deve PREOCCUPARSI se questo blog non è all’altezza di uno che tra l’altro non è interessato personalmente alle commissioni sul servizio sapienza forex.
Pensi a dare SPIEGAZIONI, a PREOCCUPARSI ed eventualmente a SCUSARSI con i suoi clienti, quando ce ne sarà bisogno.

http://sapienza-finanziaria.blogspot.com ha detto...

Sempre per il gentile anonimo.

A pensarci meglio, é proprio vero quello che dice.
Ha ragione.

Le auguro una FANTASTICA GIORNATA.

Marco Calì, consulente finanziario indipendente.

Anonimo ha detto...

Vedo che è difficile farsi capire.

Qualunque sia il meccanismo di remunerazione Sapienza-Forex NON E' GRAUTITA!

L'errore (chiamiamolo così, ma forse sarebbe da chiamare in un altro modo) sta nel pubblicizzare la cosa come gratuita.

E' questo il punto principale!


Non il meccanismo commissionale, qualunque esso sia, ma il fatto che sul sito ci sia scritto:
___________________________________________________________________________
Ma qual è la vera novita?

"Sapienza-Forex" non ha nessun costo!


ZERO COSTI DI ENTRATA, ZERO COSTI DI USCITA, ZERO COMMISSIONE DI GESTIONE: é tutto assolutamente GRATUITO!
___________________________________________________________________________

E' evidente che Calì considera i suoi clienti come polli da spennare, visto che ha il coraggio di scrivere, più volte, che il suo servizio è gratuito, quando non lo è.

E che non lo sia l'ho dimostrato con un esempio specifico l'altro giorno.

Nell'esempio si vede che è possibile pagare commissioni ed essere addirittura anche in perdita!


Oggi invece faccio l'esempio generale su tutto il periodo di sapienza-forex attualmente sul sito, partendo da un investimento da 10000€ e considerando la commissione mensile.
La 2 colonna sono i 10000€ rivalutati con il guadagno di sapienza-forex (come riportato sul sito) mentre la 3 e la 4 colonna sono il guadagno retrocesso al cliente (la metà del gain di sapienza-forex).
Mag +8% 10800€ (+4%) 10400€
Giu -1% 10692€ (-1%) 10296€
Lug +3% 11012€ (+1.5%) 10450€
Ago +3.2% 11365€ (+1.6%) 10617€
Set -5.1% 10785€ (-5.1%) 10076€

Totale teorico di sapienza-forex= 10785€ (+7.85%)

Totale per il cliente= 10076€ (+0.76%)

Io fatti questi conti sono rimasto SBIGOTTITO! Addirittura spero che mi stia sbagliando ed stia interpretando male il meccanismo commissionale!!!!

Se così fosse, da dove si origina questa differenza?

Ovviamente SONO LE COMMISSIONI!!!!

Sono 10785€-10076€ = 709€ di commissioni!!!!

Sono 709 euro (guadagnati da quelli che hanno scritto sul sito che è gratutito), mentre l'investitore guadagna solo 76€!!!!
Sono 709 euro (guadagnati da quelli che hanno scritto sul sito che è gratutito), mentre l'investitore guadagna solo 76€!!!!

CIOE' SI RICAVA POCO PIU' DI UN DECIMO DEL "GUADAGNO"!!!

In altre parole, quasi i 9/10 del profitto se lo sono presi coloro che vi vendono la cosa come gratuita!!!!!!

Ma ve ne rendete conto????
I 9/10 del profitto!

Come faccio a far capire che pubblicizzare come gratuita una cosa che costa 709 euri in 5 mesi, non è proprio corretto?
Come faccio a far capire che pubblicizzare come gratuita una cosa che si prende i 9/10 del guadagno, non è proprio trasparente?

Per onestà, ricordo che con meno di 30000€, come è il caso dell'esempio, le commissioni sono massimamente sfavorevoli all'investitore, quindi il caso di cui ho parlato è tra i peggiori possibili, ma anche con cifre superiori cambiano i rapporti, ma non la sostanza.

La sostanza è che sul sito c'è scritto che sapienza-forex è gratuito!!!! Andatelo a leggere!


....

Anonimo ha detto...

...

Lo ripeto per l'ennesima volta,

E' giusto che il servizio sia a pagamento!

Ma è SCORRETTO pubblicizzare come gratuito un servizio che non lo è!!!
Direi che è profondamente scorretto pubblicizzare come gratuito un servizio che può essere, al contrario, molto costoso.


Poi il tipo di commissione non è una novità, ha già un nome: commissione di incentivo (o di performance) la utilizzano anche sui fondi.
E' anche, come si vede dall'esempio, una commissione piuttosto "subdola"... sembra di non pagare nulla, invece...

Per inciso, ad essere pignoli anche il tipo di servizio non è una grande novità, ha un nome anche questo: gestione patrimoniale, la usano le banche da molto tempo.


Siccome, però, a me non interessa solo parlare male, posso ammettere che la novità di sapienza-forex sarebbe il fatto che la commissione non viene applicata fino a quando l'investitore non è di nuovo in gain.

Questo sarebbe interessante, ma ci sono due/tre problemi:
1) Problema tecnico 1. Il mese prossimo, dopo questo -5.1%, se sapienza-forex fa solo +1%, le pago le commissioni? Oppure si aspetta che si torni almeno al livello di settembre, cioè che si recuperi il -5.1%? Se vogliamo questo è un punto decisivo per valutare l'impatto delle commissioni. Se si cominciano a ripagare ogni mese che c'è un gain, anche dopo un mese di calo, le commissioni alla lunga diventano PESANTISSIME, come nell'esempio sopra riportato.
2) Problema tecnico 2. (non insormontabile, ma noiosissimo per i gestori). Cosa accade se l'investitore investe in due o più momenti diversi? Come viene considerato il totale? Ogni conferimento è considerato indipendente? Si fa una media ponderata? Come viene calcolato quando l'investitore è in gain? Sul totale iniziale? Sulla somma dei totali?
3) Problema giuridico. Di questo meccanismo di "protezione" ne ha scritto Pasquini, che tuttavia ha scritto anche che sapienza-forex è gratuito... quindi, ci si può fidare al 100%? E i dubbi tecnici sui conferimenti successivi? L'unica cosa da fare, sarebbe la verificare sui contratti. Deve essere scritto nero su bianco e in maniera chiara e trasparente (io non ne ho voglia, ve lo lascio a voi).

E questi interrogativi rendono, chiaramente, anche poco trasparente il servizio a pagamento (che però è pubblicizzato come TRASPARENTISSIMO e GRATIS).


Questo esempio l'avevo preparato qualche giorno fa, ma non lo avevo presentato perchè mi dispiace accanirmi in questo modo contro persone che stanno lavorando.
E come ha scritto anche MGF ci sono un po' di problemi etici a scrivere in uno spazio che può essere considerato di "proprietà" dei gestori...

Però mi pongo anche il problema etico inverso.
E' giusto lasciare mano libera a chi scrive che offre servizi gratuiti, quando si prende in realtà fino ai 9/10 del guadagno?
E' giusto lasciare mano libera a chi scrive che offre servizi gratuiti, quando in realtà può accadere che si paghino commissioni anche se si è in perdita?

Concludo facendo notare che Calì scrive sempre che accetta le critiche e i suggerimenti, ma in realtà alla fine fa finta di nulla...

Infatti sembra che chi ha investito da maggio a oggi ha dato quasi i 9/10 del guadagno in commissioni!

Infatti è stato dimostrato che è possibile anche pagare commissioni pur essendo in perdita (e questo è accertato)!

Eppure sul sito leggo ancora che sapienza forex è assolutamente gratuito...

Tirate voi le conclusioni.

Alessio

P.S.
Lo riscrivo... i conti, naturalmente possono essere sbagliati (anche se non credo). Chi si accorgesse di un errore lo scriva immediatamente.
Come ho detto, sarei quasi più contento... e chiederei scusa volentieri...

Anonimo ha detto...

Questi anonimi o alessi vari fanno i fenomeni! Fanno i grandi con i piccoli e i piccoli con i grandi. Vorrei vedere che prodotti hanno sottoscritto questi signori. Fuori i prodotti e poi li esaminiamo e vediamo se avete il coraggio di attaccare le banche. Coraggio!

Antonio

Anonimo ha detto...

Alessio ce le ha le PALLE per fare questi conti sul sito di una banca, prendendo uno qualsiasi dei suoi servizi???

Se si, LO FACCIA, altrimenti è il solito quaquaraqua...e consiglierei ai gestori del blog di eliminare questi commenti, che sono solo diffamanti.

Anonimo ha detto...

Nelle gestioni patrimoniali lei vede 24 ore su 24 in tempo reale tutte le operazioni che la banca fa per lei...? HAHAHAHAHA.......MA MI FACCIA IL PIACERE !!!!

Roberto R. ha detto...

Anche secondo il mio parere, Marco, dovresti togliere i commenti delle persone che hanno la chiara intenzione di provocare.
Se questi anonimi, che poi si possono anche firmare come alessio o il lupo, dimostrassero qualcosa di concreto sarebbero pareri utili, ma questi non sanno, ad esempio, il meccanismo della leva finanziaria e delle operazioni al ribasso (soprattutto Alessio, che lo ha appreso da te, Marco, che c'erano queste possibiltà).
Al posto di parlare di gestioni patrimoniali, inoltre, che non sanno nemmeno cosa sono. Sulla carta pensano di sapere cosa é, ma non ne hanno mai vista una di gestione. Sono tipo quelle persone che sarebbero i migliori allenatori del modo se ..., sarebbero i migliori medici se.....
MORALE: SONO DEI FRUSTRATI

Forza Marco
Ciao da Roberto R.

Anonimo ha detto...

Alcune delle questioni poste da Alessio (da me ritenuto, lo dico per fugare ogni dubbio, onesto, serio, acuto e non pappagallo o frustrato) aprono spunti interessanti.

Vorrei fare una piccola premessa, mettendo dei punti fermi, non influenzati dalle mie opinioni personali, ma solo sulla oggettività dei dati a mia disposizione.

1) Il meccanismo di sapienza forex prevede dei costi (ufficialmente solo in caso di guadagno) che, per il loro meccanismo di applicazione (ad ogni fine mese) potrebbero essere conteggiati anche nel caso di chiusura in perdita dell'operazione.

2) che ci siano dei costi è assolutamente legittimo. il Sig. Calì ed il sig. Pasquini non sono degli Enti Benefici.

3) la differenza con un normale fondo comune d'investimento è, ad una prima analisi, l'applicazione delle commissioni in caso di prolungato periodo negativo: sul fondo vengono applicate cmq (aumentando la perdita del cliente) su sapienza forex invece no.

4) Attualmente sapienza forex, che ha una gestione automatizzat da 6 mesi, non ha avuto un prolungato periodo negativo.

5) Gli esempi di alessio sono stati confermati come veritieri dal sig. Pasquini.

la mia osservazione è:

ogni normale contratto finanziario, assicurativo etc...è regolato da una miriade di norme che sono raccolte nei cosidetti "prospetti informativi" che le banche, SIM, SGR, assicurazioni sono, per legge, obbligate a consegnare ai potenziali investitori (ossia prima che il contratto sia firmato).
Se fate un giro nei siti di banche SGR assicurazioni ne troverete caterve.

Questi prospetti sono vouminosissimi (volutamente) e scritti (volutamente) in maniera incapibile ai più (entrambi i motivi per confondere sia la rete di vendita sia i clienti) ma, per chiunque abbia una discreta competenza, risolvono il 99,99% dei quesiti.

Come mai, per sapienza forex, si trovano solo il modulo di apertura contratto e la delega ad negotiam per il sig Pasquini e non il prospetto informativo o qualche altro documento equipollente?

MGF

Anonimo ha detto...

Ahò ma siete proprio duri!!! ma insomma, Pasquini v'ha detto di chiamarlo e voi continuate a scrivere qua.

Pure lei MGF, non aveva detto che quello di ieri sarebbe stato l'unico post su sapienzaforex?

Anonimo ha detto...

per l'ultimo anonimo

1) se l'unico commento in merito al mio post è quello che avevo promesso di non scrivere più di sapienza forex deduco che, per i contenuti dello stesso, Lei concordi con me

2) Credo sia possibile cambiare idea, quindi, se ho deciso di parlare ancora di sapienza forex in pubblico, ritengo di non aver commesso nessun crimine

3) Tutto si potrà dire del mio post ma non che abbia insultato Calì o Pasquini, denigrato il loro servizio, detto cose non vere e assunto un atteggiamento pieno di faziosità o pregiudizi

4) Lo spirito del mio post, lo spiego per evitare fraintendimenti, è di stimolare una discussione e, eventualmente, nel mio piccolo, contribuire a dipanare dubbi e/o illazioni (in maniera sia positiva che negativa) sul conto di Calì. Ad esempio se venissero prubblicate in maniera scritta le regole di sapienza forex, con i meccanismi di riconoscimento di utili e ripartizione di questi, non crede che il tono polemico di molti post si abbasserebbe ?

5) Perchè lo faccio? non me ne viene in tasca nulla non essendo a libro paga di Calì o dei suoi contestatori e non sono tenuto a spiegare in pubblico le mie ragioni fintanto che i miei comportamenti si mantengono assolutamente adeguati ad un modo di vivere civile e alla netiquette.

MGF

Anonimo ha detto...

Quando non si hanno più argomenti per controbattere le tesi di Alessio, del Lupo, di MGF, del bancario che paga le tasse e qualcun altro che ora non mi viene in mente, scendono in campo le truppe cammellate per sproloquiare, confondere le acque e distogliere l’attenzione dagli argomenti scomodi ( per loro e per il loro padrone-plagiatore-benefattore ).

Tattica vecchia oramai.

Come funziona il servizio sapienza forex a me in fondo non po’ fregà de meno, io lo scrivo non per voi truppe cammellate-servi del padrone, lo scrivo per quella massa silenziosa di frequentatori del blog che potrebbe cadere in errore nel valutare la convenienza del servizio e che sicuramente apprezza questi commenti.

Le truppe cammellate non servono all’informazione, servono a fare monnezza.

Il lupo

Giulio Pasquini ha detto...

Lei invece di argomenti ne ha tantissimi....GRAZIE SIGNOR LUPO !!!!

Cosa sarebbe questo blog se non ci fossero persone come Lei...GRAZIE!!!

Anonimo ha detto...

Ma dal sito di Felice Capretta sono rimandato a questo articolo:

forse l'estensore deve leggersi "Elogio all'evasore fiscale" di Leonardo Facco, prima di fare voli pindarici e veterocomunisti.

Il Folletto

Anonimo ha detto...

Mi spiego meglio: questa favola di fatto non fa che ripetere la stronzata fatta da tutti i governi quando hanno deciso di cambiare moneta, da quando è nato il dollaro a quando è nato l'Euro, fino alle 4 valute cambiate in un anno dallo Zimbabwe, o alle decine di valute cambiate ad esempio dall'Argentina in questo secolo.

L'unico sistema che ha funzionato per 5000 anni di storia dell'umanità è il free banking, cioè la possibilità per ogni banca di zecca ma con sottostante.

Il resto sono tutti palliativi verso lo sboom: continuare a pensare all'evasione fiscale dimostra solo la completà non conoscenza dell'economia, per lo meno, nel senso "austriaco" del termine, che è l'unico modello che ha previsto e rende chiaro ciò che stiamo vivendo.

Il Folleto