mercoledì 18 novembre 2009

Grazie alle persone che hanno partecipato alla teleconferenza su Sapienza Forex! Ma cosa é il Forex? E ha sentito qualcosa sull'oro?


Di Marco Calì, consulente finanziario indipendente, nato a Zurigo (Svizzera) il 22 settembre 1970 e residente in provincia di Padova (Veneto, Italia).


Gentile lettrice e gentile lettore,

voglio RINGRAZIARE le persone che ieri sera hanno partecipato alla teleconferenza di presentazione di SAPIENZA FOREX, tenuta da me e dal BRAVISSIMO trader Giulio Pasquini, nato a Chieti il 20 settembre 1989.


Ti ricordo, inoltre, che c'é la possibilità di partecipare ai corsi per imparare a conoscere il mercato finanziario più grande al mondo, il Forex.


Tante persone non sanno cosa é il Forex!


Qualora non lo sapessi, ti comunico che sul Forex vengono scambiati soldi, in un giorno, che corrispondono al controvalore di scambi di 4 anni di Borsa Italia!!!!


Te lo ripeto: il controvalore degli scambi sul Forex equivale a quello che viene scambiato in 4 anni della Borsa italiana.


In America, ad esempio, su 10 ordini di "borsa", 9 vengono effettuati sul Forex e 1 sui titoli azionari.


Il Forex é il mercato più trasparente, efficiente e liquido del mondo. Il Forex é aperto 24 ore su 24 ore, dalla domenica sera al venerdì sera. Il Forex, vuol dire, rimane aperto 5 giorni consecutivi, senza limiti! E il fatto che il mercato sia sempre aperto é un aspetto di non poco conto, eh!


Se solo sapessi quanto ti potrebbe essere utile conoscere il Forex...............


La tua banca e/o il tuo promotore finanziario probabilmente non te ne avranno mai parlato. Immagino ..........

Ma le banche operano sul Forex, eccome se operano.

Il Forex non l'ho mica inventato io, eh. Si tratta solo del mercato più semplice del mondo. E ti consiglio di approfondirne la conoscenza di tale mercato.


Tutte le informazioni su Sapienza Forex le puoi trovare sul blog http://sapienza-forex.blogspot.com/ ....... chi pecora si fa il lupo se lo mangia!



P.S. Mi sembra di aver letto che il valore dell'oro sia salito ed abbia stabilito il record storico. Hai sentito anche tu qualcosa al riguardo?


5 commenti:

Giulio Pasquini ha detto...

Invito i gentili lettori ad intavolare delle discussioni, anche riguardanti la situazione economica, i mercati, i pareri di ognuno sui futuri sviluppi...

Io ho la mia idea, qualcuno ce l'avrà diversa e da questo possono nascere confronti interessanti.

Ad esempio, come siete posizionati sul mercato (se lo siete) e perchè? E se non lo siete, perchè? State aspettando segnali, il mercato non vi convince...

Oppure possiamo parlare anche della situazione dell'economia reale, come "siete messi" sul posto di lavoro, cosa notate, quando pensate che realmente possa esserci ripresa...

Sono solo suggerimenti, ma possiamo parlare di ciò che volete, FORZA questo è il posto per farlo ! E possiamo trarne tutti vantaggio.

Per informazioni sui nostri servizi, invece, sapete come contattarci.

Una buona giornata a tutti!

Anonimo ha detto...

Nel suo post leggo che : " In America, ad esempio, su 10 ordini di "borsa", 9 vengono effettuati sul Forex e 1 sui titoli azionari.
"

In America, dove 9 ordini su 10 vengono effettuati sul Forex, come si sono ritrovati gli investitori su tale mercato dopo la crisi e dopo la bolla degli anni 2007- 2009 ?

Il fatto che il forex sia il mercato più grande e più liquido del mondo costituisce un riparo in caso di crisi e di bolle speculative per chi investe su tale mercato ?

Grazie
P.P.

Giulio Pasquini ha detto...

Salve P.P e grazie per il Suo intervento.

Soprattutto dalla seconda metà del 2008, con il crollo dei mercati mondiali, il mercato Forex ha visto una volatilità estrema, che ha reso il mercato molto pericoloso.
Per cui ci sarà stato qualcuno che sicuramente avrà perso tanti ma tanti soldi, e qualcuno che ne avrà fatti a palate, come sempre d'altronde.

(Da qualche mese le cose pare si stiano calmando in quanto a volatilità, ma potrebbe essere la quiete prima della tempesta...)

Molti investitori, specialmente da quel periodo in poi, si sono spostati sul Forex, provenendo soprattutto dai mercati azionari.

Il motivo è l'elevatissima liquidità del mercato dei cambi, che permette di entrare e soprattutto di uscire dalle contrattazioni in qualsiasi momento. Cosa che può non avvenire sull'azionario, quando magari un titolo viene sospeso, o peggio nessuno è disposto a comprare, in caso di crollo, con conseguente perdita di tutto il capitale per chi è dentro.

La semplicità del Forex e la naturalezza con la quale si pensa allo SHORT su tale mercato (sull'azionario lo short è spesso pensato negativamente e si è a volta restii a posizionarsi ribassisti, sbagliando! ) possono effettivamente rappresentare un vantaggio in caso di crisi e bolle, ma bisogna comunque essere in grado di stare dalla parte giusta del mercato. Mercato che, comunque, è manovrato come tutti gli altri. E' sicuramente più difficile pilotare le enormi somme che circolano sul Forex, ma purtroppo lo si fa, e dobbiamo tenerne conto.

Spero di aver risposto in maniera esaustiva.
Per qualsiasi altra domanda, o se vuole esprimere un Suo parere, Lei o chiunque altro, siete i benvenuti.

Ad esempio, Lei opera sui mercati?

Buona serata,
Giulio Pasquini

Anonimo ha detto...

Sig. Pasquini, la ringrazio per la risposta.

Alla sua domanda se opero sui mercati le rispondo brevemente.

In passato ho operato molto in borsa ( soprattutto azionario Italia ) realizzando buoni guadagni.

Da qualche anno ho quasi azzerato l'investimento dei titoli azionari, salvo mantenere quelli che mi sono rimasti in carico a prezzi elevati ( per fortuna una piccola quota dei miei investimenti totali ) e che smobilizzo gradualmente quando si presenta l'occasione per limitare le perdite o per realizzare qualche piccolo guadagno.

Il ricavato del disinvestimento dei titoli l'ho utilizzato e lo utilizzo come segue :

- acquisto di una seconda casa e di un secondo box
- aumento delle spese in beni durevoli ( rinnovo arredi, rinnovo auto, qualche regalo di valore alla moglie ecc. ) e delle spese per consumi
- investimenti delle disponibilità da tenere per la vecchiaia nel comparto obbligazionario e titoli di stato italiani, tedeschi e francesi
( tenga presente che sono pensionato, ho 65 anni e non ho figli per cui ora sono poco propenso ad assumere rischi per realizzare accrescimenti del capitale )
- last but not least aumento dell'investimento in " gnocca " che, a causa della mia età, è inevitabile che lieviti di prezzo per l'accaparramento e per la necessità di farne incetta in previsione di un futuro esaurimento delle risorse ( fisiche ) da destinarvi.

Saluti
P.P.

Giulio Pasquini ha detto...

:-)

Grazie per la risposta!!

Buona serata,
Giulio Pasquini