lunedì 21 dicembre 2009

Ecco i risultati del sondaggio "I Titoli di Stato (Bot, Btp, Ctz, Cct)? Sono in "pericolo" o Non sono in "pericolo"


Di Marco Calì, consulente finanziario indipendente, nato a Zurigo (Svizzera) il 22 settembre 1970 e residente in provincia di Padova (Veneto, Italia).

Gentile lettrice e gentile lettore,
ti riporto i risultati dell'ultimo sondaggio dal titolo

"I Titoli di Stato (Bot, Btp, Ctz, Cct)?"

Hanno risposto 117 persone che RINGRAZIO.

Le risposte
Sono in "pericolo", sono state 63, pari al 53,85%
Non sono in "pericolo", sono state 54, pari al 46,15%

RINGRAZIO nuovamente le persone che hanno votato.

Sarebbe interessante conoscere, magari lasciando un commento, le motivazioni che hanno spinto queste persone a votare in un modo e nell'altro.
Da parte mia, posso dire che i Titoli di Stato dell'Italia, proprio "tranquilli" non sono. Ma é solo una mia opinione, eh. Magari in un portafoglio obbligazionario questi titoli possono anche essere inseriti, ma con una percentuale del 5%,ad esempio. Se qualcuno mi dimostra il contrario sono sempre disposto a cambiare parere.
Tra l'altro, dalle informazioni in mio possesso, mi sembra che il rating dell'Italia sia "sotto osservazione"....

Mi piacerebbe, ripeto, conoscere anche il tuo parere.
Una sana discussione può portare dei vantaggi a tutti.
Magari con dei commenti non ironici o fatti tanto per fare.

Visita il mio blog su http://sapienza-finanziaria.blogspot.com/ ...... é più facile trovare un ago in un pagliaio che sentire un politico parlare male di una banca!

9 commenti:

Anonimo ha detto...

Si Calì, te lo faccio conoscere il mio parere.

Tu sostieni che i titoli di stato italiani non sono proprio tranquilli e non dimostri il perchè, mentre gli altri che non la pensano esattamente come te dovrebbero darti la dimostrazione di quello che pensano.

Facciamo così : tu dimostri quello che sostieni con argomentazioni, analisi e dati seri e attendibili; io poi fornirò le mie dimostrazioni.

Grazie
L.L.

Anonimo ha detto...

Per il signor L.L.
Forse, Le potrebbe essere utile questo link. Ci sono una serie di motivi.

http://sapienza-finanziaria.blogspot.com/2007/12/ecco-perche-bot-btp-ctz-cct-sono.html

Aspetto con trepidazione la sua analisi dimostrativa.
Alessandro

Anonimo ha detto...

Io ho votato Non sono in "pericolo" perché ritengo che l'Italia sia abbastanza forte come Stato all'interno dell'UE. Per me non sono in "pericolo".
Luca

Anonimo ha detto...

Anche per me non sono in "pericolo".
L'Italia ha un'economia forte!
Giovanni

Anonimo ha detto...

Egregio Sig. Calì, poiché mi hai fornito la risposta più assurda che immaginassi, ovvero che la dimostrazione della pericolosità del debito pubblico italiano sta nelle motivazioni che hai addotto 2 anni fa ( il che significa che le tue attuali argomentazioni si fondano sulle tue passate asserzioni ), ti fornisco risposta adeguata alla tua, ovvero ti rimando al link http://sapienza-finanziaria.blogspot.com/2007/12/ecco-perche-bot-btp-ctz-cct-sono.html ove potrai trovare nei commenti buona parte delle tesi contrarie alle tue.

Aggiungo :
1. Trascorsi 2 anni dalle tue catastrofiche previsioni non c’è stato default dello Stato italiano, nonostante il sopravvenuto peggioramento del governo delle finanze.
2. Due anni fa non capivi perché una persona sottoscrivesse titoli italiani anziché BEI nonostante il differente rating e poiché questo ancora succede immagino che continui a non capire il fenomeno.
3. L’imbroglio del debito Parmalat non ha nulla a che vedere con l’eventuale rischiosità del debito pubblico italiano.
4. Il tuo post di allora, pieno di SE, è un discorso puramente virtuale per una platea di teledipendenti.

Buona serata.
L.L.

Paolo ha detto...

Per me sono in pericolo. Ma mi baso solo sulla cifra enorme. Non sono un esperto di finanza economica.
Ma ho una domanda; mi scuso se é banale. Se qualcuno vorrà rispondermi gliene sarei grato.
Il debito pubblico nei confronti di chi é?
Buon Natale in anticipo a tutti.
Paolo

Anonimo ha detto...

Paolo, di chi detiene i titoli di stato

MGF

Paolo ha detto...

Per MGF.
Cioé, cosa vuol dire di chi detiene i titoli di stato?
Io se chiedo i soldi in prestito alla banca, ad esempio, ho un debito nei confronti della banca.
Lo Stato verso chi é debitore? Verso se stesso? Mi perdoni, ma non é che ci capisca molto.
Paolo

Anonimo ha detto...

Verso gli investitori istituzionali e privati. Tutti gli stati sono debitori nei loro confronti, chi più, chi meno. Gli investitori sono quelli che sorreggono il sistema, quindi il debito non può essere consolidato, può essere soltanto mantenuto o, per non deprimere troppo il sistema consumista, diminuito poco per volta, rastrellando liquidità con le tasse o con l'abbattimento dei costi sociali a carico dello stato.