lunedì 1 febbraio 2010

Il consulente finanziario indipendente, il dipendente di banca e il promotore finanziario: hai mai fatto un confronto a tre?


Di Marco Calì, consulente finanziario indipendente, nato a Zurigo (Svizzera) il 22 settembre 1970 e residente in provincia di Padova (Veneto, Italia).

Gentile lettrice e gentile lettore,
ti comunico, qualora non ne fossi a conoscenza, che esiste oltre alle solite figure professionali del promotore finanziario e del dipendente di banca, anche la figura professionale del consulente finanziario indipendente.

Il consulente finanziario indipendente, a differenza delle altre figure professionali sopracitate, non percepisce commissioni (o "bonus" vari) in base a ciò che vende, ma percepisce solo ed esclusivamente una parcella.
Ti ricordo che ci sono dei bravissimi promotori finanziari e dei bravissimi dipendenti bancari.

Ma ti ricordo, anche, che sia i promotori finanziari che i dipendenti di banca operano in pieno e costante conflitto di interessi.
Ripeto ancora una volta: ci sono dei bravi promotori finanziari e dei bravi dipendenti bancari e che queste figure professionali operano in pieno e costante conflitto di interessi.
Quindi, gentile lettrice e gentile lettore, puoi anche valutare l'ipotesi di approfondire le tue conoscenze sulla figura del consulente finanziario indipendente.
Da parte mia ti posso dire che, ad esempio, puoi valutare l'ipotesi di fare un confronto a tre.

Cosa voglio dire?
Voglio dirti che io sono disponibile, in maniera gratuita, a stabilire un confronto fra te, il tuo promotore finanziario e/o il tuo dipendente di banca e me.

Come?
In maniera molto semplice.
Fissi un appuntamento e ci sentiamo io, consulente finanziario indipendente e una delle figure professionali che ti seguono, tramite skype.
Una chiaccherata di pochi minuti può aiutarti a comprendere ciò che intendo dire per conflitto di interessi.
Poi non sei mica obbligato ad avvalerti della mia consulenza, eh.
Puoi decidere con calma. Una volta analizzata la tua posizione, ti posso far aver un preventivo, in modo che tu possa valutare una mia proposta.
Ah, mi stavo dimenticando di dirti che per diventare cliente di un consulente finanziario indipendente non devi cambiare banca e/o il tuo promotore finanziario.
Molto probabilmente dovrai solo cambiare qualche prodotto ....
Ti ripeto: non é che per avvalersi della consulenza di un consulente finanziario indipendente devi chiudere i rapporti che hai in essere.
Forse ti sarà sufficiente modificare qualcosa ....

Cosa?
Magari cambiare un prodotto che ti hanno piazzato che ha delle commissioni "strane" con un altro prodotto più trasparente e meno oneroso, ad esempio. E senza che tu debba chiudere i rapporti che hai già in essere.
Potrebbe anche essere che tu abbia dei prodotti buoni, eh.
In questo caso non farei niente altro che farti i complimenti e magari cercherei di diventare io stesso cliente di quel promotore finanziario e/o di quella banca dove il tuo dipendente ti sta seguendo bene.

Io sono a disposizione per un semplice confronto e per metterti a conoscenza anche della figura professionale del consulente finanziario indipendente.
Se vuoi, dunque, chiamarmi o da solo o con chi ti segue già, io sono qua.
L'unica cosa che ti chiedo é, però, quella se ci dobbiamo sentire di fissare un appuntamento ad un orario preciso.



La mia e-mail é: edoardinchiarin@yahoo.it
Il mio cell. é: 3339181454
Il mio nome skype é: marco.cali19

Visita il mio blog su http://sapienza-finanziaria.blogspot.com/ .... é più facile trovare un ago in un pagliaio che sentire un politico parlare male di una banca!

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Riprendo alcuni passaggi del post e formulo delle domande.

“ Il consulente finanziario indipendente, a differenza delle altre figure professionali sopracitate, non percepisce commissioni (o "bonus" vari) in base a ciò che vende, ma percepisce solo ed esclusivamente una parcella. “

DOMANDA :
Che differenza c’è tra commissioni, bonus e parcella ?

" Quindi, gentile lettrice e gentile lettore, puoi anche valutare l'ipotesi di approfondire le tue conoscenze sulla figura del consulente finanziario indipendente. "

DOMANDA :
Dove posso documentarmi sulla figura del consulente finanziario indipendente ? Ad es. Norme di legge che disciplinano tale figura, albo professionale, CCIAA. ecc.


" Una chiacchierata di pochi minuti può aiutarti a comprendere ciò che intendo dire per conflitto di interessi. "

DOMANDA :
Ma in Italia siamo in condizione di capire e valutare l’importanza del conflitto di interessi, se si considera che in Italia abbiamo la MADRE di tutti i conflitti di interesse ?

" Ah, mi stavo dimenticando di dirti che per diventare cliente di un consulente finanziario indipendente non devi cambiare banca e/o il tuo promotore finanziario. "

DOMANDA :
E allora che faccio ? Mi si cumulano commissioni, bonus e parcelle da pagare ?

Grazie per l’attenzione
M.N.

banche online ha detto...

Credo che possa essere un servizio utile e, poichè il consulente non ha provvigioni, anche disinteressato.

Daniel.z ha detto...

Gentile Marco, mi scusi ma lei omette una figura fondamentale nella sua analisi: il promotore finanziario multibrand, il quale opera in totale assenza di conflitto d'interesse in quanto non risulta vincolato a nessun marchio o banca. Mi permetto di sottolineare che il consulente finanziario non può collocare prodotti ma deve indicare una banca o un promotore finanziario abilitato al collocamento di strumenti finanziari da lei scelti con un doppio sgravio commissionale al cliente finale. Ovviamente il consulente cercherà di trattare e contenere i costi ma perchè allora non affidarsi ad un promotore multibrand che è sotto controllo Consob, è iscritto ad un albo nazionale e ha il potere di offrire anche la consulenza?
Grazie e buon lavoro.

Anonimo ha detto...

Buona sera,
Daniel Z. ha un pochino le idee confuse, un consulente indipendente è effettivamente l'unico a non avere conflitto di interesse oggettivo, anche il promotore multybrand è in conflitto di interessi in quanto potrebbe suggerire operazioni dove percepisce lo storno provvigionale maggiore... il problema secondo me è un altro... chi mi garantisce che il consulente indipendente sia all'altezza della situazione?... molti consulenti indipendenti suggerirono a suo tempo una fuga dai costosi 'a dir loro' fondi di liquidità e/o obbligazionari a vantaggio di obbligazioni a basso rischio prese dalla lista pattichiari... (a buon intenditor)... io sono convinto che una ferrari è costosa e che sarà sempre una macchina tecnicamente avanzata, che ha alle spalle uffici di ricerca e ingegneria incredibili e che vale i soldi spesi... non credo che una macchina poco costosa sia altrettanto valida... come puo' un singolo avere tutti gli strumenti per conoscere quali strumenti usare e quali no... il consulente indipendente gioca tutte le sue carte sul risparmio di costi... che non deve invece essere MAI considerato un problema, l'importante è invece l'efficienza e l'efficacia e sopra tutto la adeguatezza e l'appropriatezza dell'operazione rispetto alle esigenze e le caratteristiche del cliente poi se lo strumento è un tantino caro e il promotore o la banca mi chiamano, mi ascoltano, mi assistono e mi suggeriscono... che cosa importa se ci guadagnano qualcosa? o pensate siano associazioni benefiche?
Saluto tutti...

Nicola DE MARIA