giovedì 13 maggio 2010

Coesione nazionale : sì, ogni 24 anni !


E' possibile condivire l'egoismo con la coesione nazionale?

Gentile lettrice e gentile lettore,
qualora non te ne fossi accorto, ti faccio presente che la situazione economica é seria, eccome se é seria.
E' seria checché ne dicano il Signor Giulio Tremonti e company.
Il GREGGE composto prevalentemente da DOLLY di centrodestra e da DOLLY di centrosinistra é indirizzato un giorno da una notizia, un altro giorno da un'altra notizia e così via.
Il GREGGE accetta tutto ciò che viene riportato dalla TV e/o dai giornali.

Ora al GREGGE é stato detto che serve la "coesione nazionale"!

"Per il Paese é importante la coesione nazionale", ad esempio é stato detto dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.
Qualora non ne fossi a conoscenza ti ricordo che il Signor Giorgio Napolitano é nato il 29 giugno 1925. Il Signor Giorgio Napolitano ha quindi 84 anni, 10 mesi e 14 giorni. Tra l'altro ti porto a conoscenza del fatto, sempre se ciò non fosse di tua conoscenza, che il Signor Giorgio Napolitano si occupa di politica dal 1953 (quindi, da 57 anni).
Penso, ma é solo un mio parere, eh, che al Signor Giorgio Napolitano sarebbe più utile, al posto di occuparsi dell'Italia, farsi una bella vacanza in qualche paese tropicale.
E penso anche che bisognerebbe dare spazio ai giovani. Ci sono tantissimi giovani che hanno delle capacità mostruose ma non riescono ad emergere.

Ma per tornare al discorso della "coesione nazionale" ti faccio notare che il DOLLY italiano, generalmente, non va d'accordo nemmeno con il vicino di casa.
Il DOLLY italiano é sempre pronto a sparlare di questa o quella persona.
Ti é mai capitato di sentire qualcuno che parla male di qualche altro?
"Guarda che macchina che ha?"; "Quella signora ha una storia con il tipo x"; "Lo sai che la figlia di quello é andata a lavorare lì perché ...."; questi sono solo alcuni esempi della realtà.
La maggior parte dei DOLLY italiani sparla degli altri.
E lo fa sempre alle spalle, eh!
Sparlare alle spalle, é proprio tipico del DOLLY ITALIANO.

Per quanto concerne il discorso di "coesione nazionale" la vedo molto dura, eccome se la vedo molto dura.
In Italia ci si odia fra persone della stessa città, per non parlare delle persone di altre provincie o di altre regioni. Inutile a stare a sottolineare le differenze razziali fra nord e sud.

Ma si parla di "coesione nazionale" !
Addirittura qualche pastore del GREGGE italiano ha detto che si dovrebbe essere uniti con gli altri popoli europei !
Siamo all'utopia pura.

La realtà é che in Italia regna e sovrana L'EGOISMO!
TI RIPORTO LA DEFINIZIONE DI EGOISMO DAL DIZIONARIO Lo Zingarelli:
"Esclusivo ed eccessivo amore di sé stesso o dei propri beni, che non tiene conto delle altrui esigenze e diritti".

Non trovi vero che ciò sia vero?
In Italia la stragrande maggioranza dei DOLLY non é interessata ai problemi degli altri.
Quando capita, ad esempio, un problema ai lavoratori di un'azienda altri lavoratori di altre aziende se ne sbattono, eccome se se ne sbattono.
"Io ho il mio posto, guadagno x al mese e sono a posto": questo é più o meno ciò che avviene.

Poi quando il problema tocca a te (e magari é troppo tardi perché, ad esempio, la tua azienda é costretta a chiudere) allora protesti e dici che non é giusto che ciò accada !

Il mio suggerimento é quello di darsi UNA SVEGLIATA COLLETTIVA E DI USCIRE DAL GREGGE !
Questo é il mio consiglio.


Ah, stavo dimenticando di dirti che in Italia la "coesione sociale" avviene ogni tanto.
Sì, il DOLLY italiano é unito qualche volta !
Sai quando?
Quando, ad esempio, la nazionale di calcio italiana vince i mondiali.
Allora sì che si é coesi. Tutti ad abbracciarsi, ad urlare, a festeggiare. Il tutto per la durata di 40 minuti massimo di tempo. Può capitare di vedere l'avvocato che si abbraccia con l'operaio; oppure l'architetto che salta con il ragazzo che fino a due minuti prima nemmeno salutava; oppure che il rappresentante, la casalinga, il dipendente pubblico, etc., si tuffino tutti insieme nella fontana della piazza del paese o della città dove abitano. Magari cantando anche l'inno !

Una volta finiti i festeggiamenti il DOLLY ritorna nel GREGGE !


Marco Calì, consulente finanziario indipendente, nato a Zurigo (Svizzera) il 22 settembre 1970 e residente in provincia di Padova (Veneto, Italia).

Visita il mio blog su http://sapienza-finanziaria.blogspot.com/ .... é più facile trovare un ago in un pagliaio che sentire un politico parlare male di una banca!

20 commenti:

Anonimo ha detto...

Lei sig. Calì scrive :
“ Il GREGGE composto prevalentemente da DOLLY di centrodestra e da DOLLY di centrosinistra “
Io aggiungo : e Dolly Padani

Lei scrive :
“ Ti é mai capitato di sentire qualcuno che parla male di qualche altro? “
Io le rispondo : si, ne ho sentiti tanti parlare male di qualche altro. Lei compreso. Tante volte ed anche in quest’ultimo post.
S.

http://sapienza-finanziaria.blogspot.com ha detto...

Per S. SUPERDOLLY.
Ha estremamente ragione. Lei é un GRANDE ! Lei é troppo avanti !
Lei ha ragione. Posso farle una domanda: "Ma quanto avanti é?"

La ringrazio e le auguro una SPLENDIDA GIORNATA.

Marco Calì, CFI

Anonimo ha detto...

Signor S. mi faccia confermare che lei è un deficiente....

Si si, lei è proprio un DEFICIENTE !!!

Ma senza offesa !! D'altronde non è mica colpa sua...ma uno che dice certe cose, senza capo nè coda...critca l'operato altrui senza dire nemmeno perchè, cos'è che non gli va bene...e soprattutto cosa ci sarebbe da fare secondo lui...è solamente un DEFICIENTE.


Risponde solo alle domande che le fanno comodo? (tipico.....)

Risponda all'altra domanda di Calì, "E' soddisfatto dell'attuale debito pubblico?"

E soprattutto, cosa farebbe lei?

PROPONGA QUALCOSA! DEFICIENTE !!!

Altra cosa...ma lei è uno di quelli che canta "Meno male che Silvio c'è" o inni similari dell'altro versante?
No, perchè il soggetto è quello....

L.

Anonimo ha detto...

Salve a tutti,

sono completamente d'accordo con questo post pubblicato dal Sig. Calì, inoltre voglio aggiungere che siamo sempre più sparati verso l'imbarbarimento della ns. società. E tutto questo dovuto solo ed esclusivamente da questo maledetto turbocapitalismo che ha azzerato ogni coscienza per esaltare solo e soltanto l'"IO".
Se non facciamo un passo indietro e non ritorniamo a pensare al collettivo, vedremo la fine della ns. civiltà.

Saluti
Giuseppe L'Abbate

Anonimo ha detto...

Ma Signor Calì è mai possibile che Lei non riesca a dare una risposta sensata e non il solito Lei è troppo avanti....
Se una persona la pensa diversamente, la risposta è sempre una....
Guardi, io sono un fautore di JFK.
Prima di criticare in modo generalistico cosa fa ognuno di noi per migliorare il sistema;bisogna contribuire attivamente a alla cosa pubblica.
Io con 5 dipedenti ho pagato oltre 75.000€ di imposte dirette l'anno scorso e penso di essere un buon cittadino.
A proposito attendo ancora che Lei pubblichi il suo 740, visto che ogni giorno fa la morale alla gran parte del paese.
Ricordi "chi non ha peccato scagli la prima pietra......"
Saluti Loris

Giulio Pasquini ha detto...

Ma Sig. Loris, cosa vuole che risponda Calì a persone come i commentatori di questo blog (ultimo arrivato S.) che scrivono dei "NON COMMENTI" ?

Cosa propongono, cosa dicono? Non si sa neppure cosa critichino!
Marco Calì dice molte cose che sono anche ovvie, ma che potrebbero e dovrebbero essere uno spunto di riflessione per iniziare a rimettere in piedi questo Paese, per far capire come stanno alcune cose e per discutere di cosa si può fare per cambiarlo (non tanto, un pò...)

A gente così non può che rispondere in quel modo, dicendo che sono avanti, e certo che sono avanti, se lo credono loro...

Gli viene criticato che mette in piedi tante iniziative, ma non dice mai come vanno a finire. Ma è un ragionamento da persona intelligente questo? Oppure bisognerebbe chiedere "Ha per caso ricevuto una risposta dalle personalità a cui ha inviato i suoi messaggi"?

Perchè il problema è proprio questo !!!
I ministri, le reti tv, i giornalisti.....NON RISPONDONO!!
E allora il problema qual è? La colpa di chi è? Di Calì? Ma stiamo scherzando ???

In ultimo, vi siete fissati con questo 740.
La trovo una cosa di una inutilità estrema. Cosa vi importa di quanto guadagna Marco Calì? Lui non fa la morale perchè una persona non può o non deve guadagnare tanto, ci mancherebbe. Ha sempre detto, e condivido pienamente, che se una persona merita, è più che giusto che guadagni tanto. Ma attenzione, da qui a ritenere giusti gli stipendi (compresi premi e stock options varie) che si vedono per il mondo, mi scusi, ma ce ne passa. E non credo che Lei sia molto più d'accordo di Calì.

Per dirne uno, Beppe Grillo, è una persona che è nota per avere molto denaro (essere ricchi è una cosa diversa...). Bene, ma se Beppe Grillo non ha mai rubato, non ha mai speculato sulla povera gente, ha sempre fatto il suo lavoro onestamente, ed il suo lavoro è stato apprezzato al punto da fargli guadagnare tanto, ma BEN VENGA! E ben venga che possa guadagnare il triplo!!! Lui come tutte le persone ONESTE!
Che dicono la verità, ed hanno il coraggio di andare avanti con le proprie gambe.

Marco Calì è una persona onesta, che ha delle idee, e cerca di portarle avanti, e non certo la causa dei nostri problemi. Iniziamo a chiederci chi sia davvero la causa, ma prima che sia troppo tardi...e per favore, i commenti, che siano un più costruttivi.
Le crticiche ci stanno tutte, ma che si sappia cosa si sta criticando, e soprattutto che si dia un'ALTERATIVA.

Ok, con questo torno nel mio letargo, uscendo ogni tanto per rispondere a qualcuno...dicendo poi sempre le stesse cose.
Ma tanto la situazione è quella e non accenna a cambiare, siamo al palo tra i commenti di questo blog, come in questo nostro BELpaese

Giulio Pasquini

http://sapienza-finanziaria.blogspot.com ha detto...

Mi scuso Signor Loris se non sono all'altezza.
Potete tranquillamente visitare altri blog.
Io alle domande cerco di rispondere, alle menate non rispondo.
Ho un'email, un contatto skype, il cell., metto a disposizione il blog per commentare.
Se questo non basta non so cosa farci. Il mio datore di lavoro sono le persone, che grazie a Dio, si avvalgono della mia consulenza. Queste persone sono le uniche alle quali devo rendere conto.
Non devo rendere conto a gente DOLLY frustrata di cui non si sa nemmeno il nome.

La ringrazio e le auguro una SPLENDIDA GIORNATA.

Marco Calì, CFI

Anonimo ha detto...

Il Sig. Calì si definisce uomo del fare e quindi è lui che deve dimostrare cosa fa, o meglio cosa ottiene con il suo fare, perché come ho detto in altra occasione definirsi uomo del fare ( come il Cavaliere ) e poi concretamente FARE ARIA FRITTA è come non fare, anzi è peggio del non fare.
Perciò il Sig. Calì ci faccia sapere :
1. cosa stanno rispondendo le banche alla lettera che ha suggerito al suo GREGGE di inviare.

2. cosa le hanno risposto i politici e le personalità da lei interpellate per la riduzione delle commissioni bancarie.

E’ inutile che il Sig. Calì continui a biascicare sui Dolly e sui teledipendenti ( come poi si è autodenunciato lui stesso ).
Il Sig. Calì prima lancia proclami di iniziative clamorose e poi non ci fa sapere più nulla dell’esito di tanto “ facite casine facite ammuine “.

Per quanto riguarda L., che poverino è un replicante GREGARIO, gli rispondo soltanto che non sono soddisfatto del debito pubblico ( l’avevo scritto tempo fa ma il replicante probabilmente era distratto ).
E allora ? Che c’azzecca ?
O per il fatto che sostengo che non sono soddisfatto del debito pubblico sono autorizzato a sparare e a far passare per buona qualsiasi altra cazzata ?
S.

http://sapienza-finanziaria.blogspot.com ha detto...

GRANDISSIMO S. SUPERDOLLY !

Lei é strepitosamente avantissimo.
Mi risponde lei, per favore, alla domanda che le avevo fatto: "Ma quanto avanti é ?"

Le augura una FANTASTICA GIORNATA.

Marco Calì, CFI

Anonimo ha detto...

Non rispondo alle domande stupide.
Avrei tutto da rimetterci.
S.

Anonimo ha detto...

Un saluto a tutti innanzitutto..non mi nascondo quindi vi dico di me, nome cognome...non servirà a molto ma almeno...Nicola Piccinini 39 anni tra pochi giorni, abito a Lanciano (CH)imprenditore mi occupo di realizzazioni di reti elettriche e telefoniche in subappalto, non ho molti operai dipende da quanto lavoro mi danno le ditte appaltatrici quindi dai 5 ai 6 - 7 dipende dai periodi. Premetto che lavorando per enti pubblici quali enel, telecom..ecc se non fatturi non prendi i soldi..e con quei soldi devi pagare operai, materiali, carburanti, imposte e tasse...praticamente non ci sono scappatoie anche se qualcuno potrebbe dire il contrario ma se pure ci fossero posso dire con tutta franchezza che sono briciole...Ed a proposito di briciole che volevo proprio dire la mia, io sinceramente non ho da da investire 10.000 euro per il forex, e quindi secondo me non li ha nessun lavoratore dipendente con famiglia e figli a carico 10.000 euro da dare ne a calì ne a giulio pasquini che con gran sorpresa vedo anche mio compaesano ma che a dire il vero non ho mai sentito nominare, sarà che forse le sue teorie o guadagni se li tiene ben segreti ma sinceramente e forsè è colpa mia io non ho mai saputo di un ragazzo così giovane al quale potersi affidare anche per delle dritte a livello finanziario. Questo mi fa piacere è, che ci siano bravi ragazzi come lui, ma continuo a dire che 10.000 euro è roba da persone più che benestanti...e con 10.000 euro non penso si possano realizzare guadagni milionari, da 10.000 ad averne 15.000 o 16.000 non cambia nulla nella vita di un normale cittadino..io vorrei che voi partiste dal basso, da piccoli guadagni con minimi investimenti così da dare la possibilità anche a chi non ha grandi possibilità di riuscire a vedere qualche briciola di guadagno ammesso che si guadagni..altrimenti le persone che sono in basso penseranno che l'unico miglio investimento sia tenersi quei pochini di soldi in banca che se pure pochi almeno ci sono e magari sia meglio investire 10, 20, 30, 40 o 50 euro comprando gratta e vinci, superenalotto o vidopoker.....saluti.

Anonimo ha detto...

Salve signor Calì mi interesserebbe sapere cosa ne pensa di Lyndon LaRouche, recentemente ha detto che l'euro è ormai andata già a farsi benedire e che l'unica possibile soluzione è ripristinare la Glass-Steagall negli stati uniti. E' stato da pochissimo preparato questo progetto di legge al senato americano contro il parere del "fantoccio Obama". Per LaRouche solo se passerà in america questo tipo di provvedimento si potrebbe salvare anche l'europa attualmente in balia del sistema che ruota intorno ai britannici. Cosa ne pensa lei?

Anonimo ha detto...

...Intanto in Germania, sostenuti dall'opinione pubblica, i "quattro professori" si apprestano a presentare l'annunciato ricorso alla Corte Costituzionale. Questa mossa potrebbe congelare l'intera azione di salvataggio, impossibilitando il governo tedesco a partecipare perlomeno finché non ci sarà una sentenza. Uno dei quattro professori, Joachim Starbatty, ha ripetuto che le condizioni imposte alla Grecia dall'UE e dal FMI sono simili alla politica del Cancelliere Brüning, che con la sua politica recessiva spianò la strada al nazismo. L'UE sta provocando una depressione in Grecia e la stessa ricetta sarà poi estesa agli altri paesi membri, ha denunciato Starbatty.
Come abbiamo scritto spesso, la "crisi greca" è in realtà una "crisi dell'euro" e non è una crisi del debito sovrano, ma una crisi bancaria. Ora anche un'autorevole giornale tedesco, il Frankfurter Allgemeine Zeitung, che il 25 aprile ha scritto: "I più ardenti sostenitori del trasferimento di denaro dei contribuenti ad Atene si trovano nei mercati finanziari – cioè, tra coloro che sperano di salvarsi dalla debacle. Ma la responsabilità (…) ce l'hanno i creditori. Essi sono coloro che ora devono sostenere il peso finanziario".
"La politica non può apparire come lo sbirro del capitale finanziario, ma deve essere la protettrice degli interessi dei contribuenti", ha sentenziato il FAZ.

Non c'è soluzione alla crisi dell'euro all'interno del sistema dell'euro. Come ha affermato Lyndon LaRouche in una recente intervista ad un quotidiano italiano, "L'«Euro» è un figlio bastardo frutto di uno stupro. Il padre è un noto stupratore seriale residente a Londra, che spesso visita il Santander, in Spagna, diretto al Brasile dove opera attualmente il gruppo Inter-Alpha, che fu organizzato nel 1971 come complemento ad un attacco agli accordi di Bretton Woods. La specie esatta dello stupratore in questo affare non è certa, ma decisamente non è di discendenza autenticamente umana. Si raccomanda con urgenza, per la sicurezza della specie umana, che l'aborto venga eseguito prima che il feto satanico giunga a pieno sviluppo. "Il ritorno ad una partnership tra repubbliche/stati nazionali sovrani in Europa continentale dovrebbe essere l'obiettivo di questa azione urgentemente necessaria".

Anonimo ha detto...

L'ultimo anonimo sì che ha gli ATTRIBUTI.
Non si capisce quello che dice, chissa se lui lo capisce, ma si capisce che di attributi ne ha.
Lui sicuramente non è un dolly.

Anonimo ha detto...

Ciao non ho capito se stai sfottendomi hehehe cmq cerco di spiegare quello che ho letto, la situazione è che, cito,:

La "Grande truffa del salvataggio europeo", una politica intrinsecamente iper-inflazionistica, sarà accompagnata da politiche di austerità brutali che verranno imposte, per cominciare, a Paesi come Italia, Portogallo e Spagna.

-questo spiega il ricorso alla corte costituzionale in germania che ha già vissuto l'iperinflazione che poi portò alla dittatura di hitler...-- cito ancora

"la Grecia non avrebbe dovuto essere salvata. Essa avrebbe dovuto riorganizzare le proprie finanze come nazione sovrana, in modo assolutamente autonomo".

Attributi o meno quello che dice di fare larouche è di tornare agli stati sovrani e alle monete nazionali bussare alla porta di chi ha inventato soldi da zero e dire: mi dispiace ma questa è carta straccia creata dal nulla da te e ora sono cavoli tuoi noi non la paghiamo la CANCELLIAMO salveremo solo il salvabile. Con una nuova Glass-Steagal si dividerebbero le banche commerciali da quelle finanziarie quelle commerciali legate all'economia reale e non inventata DEVONO essere controllate dallo stato e far ripartire l'economia REALE. Deve partire dagli stati uniti (che stanno messi male anche gli acquedotti non funzionano bevono acqua in bottiglia tutti.. privatizzata..) perchè attualmente l'europa è bloccata in mano alla bce privata, a ruota con nuovi accordi internazionali aderirebbero francia germania italia (tremonti si è più volte espresso in questa direzione mentre altri vogliono continuare a privatizzare anche le mutande...)etc. In pratica c'è anche il nemico che sarebbe abbattuto da tutto ciò il gruppo Rothschild (l'impero britannico city di londra banca santander... intesasanpaolo...etc)che trema al solo pensiero che venga rivotata una riforma simile (qui poi qualcuno ci dovrà spiegare perchè la banca d'inghilterra fa parte della bce anche se l'inghilterra usa la sterlina e non fa parte dell'europa). Insomma non è come a porta a porta dove vogliono farci credere che la grecia sta messa male perchè evadono le tasse e nascondono le ferrari nei condomini. Il ritorno a Glass-Steagal è stato proposto il 6 maggio scorso da McCain che per larouche indipendentemente dai partiti guerre e amenità varie è prima di tutto un patriota e sa che non c'è molto tempo ancora l'adesione del senato usa sembra trasversale è al 70% circa. negli stati uniti ci sono moti enormi di dissenso contro il parolaio obama... a livello quasi di guerra d'indipendenza contro le banche la gente ferma le macchine ai semafori me lo ha confermato un'amica che fa la riceratrice in biologia a NY e se si raggiunge sufficiente pressione la legge potrebbe passare. Solo uno stato non è in recessione il nord dakota (credo sia questo) che ha una sua banca a supporto dell'economia locale e che è in attivo ma questo ovviamente noi non lo sappiamo come non sappiamo che il candidato della rete in america era ron paul e non obama (bisognerebbe spiegarlo a beppe grillo...). volevo solo sapere cosa ne pensa calì leggo a volte questo blog ma è la prima volta che scrivo. Spero non si sia offeso nessuno. sera a tutti Giuseppe.

http://sapienza-finanziaria.blogspot.com ha detto...

Per il Signor Nicola Piccinini.

Grazie, innanzitutto, per il suo commento.

Per quanto concerne il fatto che non ci siano persone che abbiano 10.000 euro o 15.000 euro mi dispiace. Ma da quello che so di famiglie che hanno cifre superiori a 10.000 euro ce ne sono, eccome se ce ne sono. Ma non ho ben compreso cosa intende dire su questo punto. Io non obbligo mica nessuno a mettere dei soldi su sapienza forex, eh. Se una persona vuole può valutare anche questa ipotesi, molto semplicemente.

Per quanto concerne Giulio Pasquini lo considero un FENOMENO. E il fatto che sia giovane io lo vedo come uno straordinario vantaggio. Le ricordo che molte persone che si occupano di finanza ed economia sono anziane e molte di loro non si erano accorte della crisi ! Il bello é che queste persone con maggiore esperienza sono ancora tutte al loro posto. Io preferisco lavorare con il BRAVISSIMO trader Giulio Pasquini.

La invito (l'invito é rivolto ovviamente a tutti) a visitare il blog http://sapienza-forex.blogspot.com/

La ringrazio e le auguro una FANTASTICA GIORNATA.

Marco Calì, CFI

http://sapienza-finanziaria.blogspot.com ha detto...

Per il Signor Giuseppe (il suo primo commento era anonimo o sbaglio? Lo dico, non con ironia, eh, solo per capire a chi rispondere).

Grazie intanto per il commento.

Per quanto concerne "Glass-Steagal" mi sembra una ottima soluzione.
In ogni caso, ripeto, che i problemi si possono risolvere. Solo che non si possono far risolvere a chi questi problemi li ha creati.
Se il GREGGE si muove le cose si possono cambiare, eccome se si possono cambiare, magari prendendo più di qualche suggerimento da "Glass-Steagal".
Ma finché il GREGGE é così indirizzato non vedo tante soluzioni.

La ringrazio e le auguro una FANTASTICA GIORNATA.

Marco Calì, CFI

Giulio Pasquini ha detto...

Buongiorno a tutti.

A Nicola Piccinini:

Salve Sig.Nicola e mi scusi per averle risposto con qualche giorno di ritardo.

Vengo al punto del Suo intervento.

La questione che Lei pone è di abbassare la soglia minima di versamento per il servizio Sapienza Forex.

Abbiamo deciso questa cifra, oltre che per delle scelte personali di "business", perchè per operare sul mercato, si ha bisogno di tagli minimi di investimento, su ogni operazione.
E il taglio che MIG Bank offre, come quasi tutti i grandi broker Forex, è di 10.000 dollari.
10.000 dollari come cifra di investimento MINIMA se voglio, ad esempio, comprare EurUsd.
Cifre superiori sono rappresentate da multipli di 10.000

Ora, come Lei saprà, esiste la leva finanziaria, per cui anche se io ho sul conto 1.000 dollari posso entrare a mercato con 10.000, ma facendo questo aumenta notevolmente il rischio!! Rischio che, noi di Sapienza Forex, vogliamo tenere ASSOLUTAMENTE SOTTO CONTROLLO, e soprattutto limitato al massimo all'1,5 - 2% del capitale per ogni operazione che effettuiamo. Per fare questo la leva finanziaria MASSIMA che utilizziamo è pari a 2. E per avere un margine di variabilità nelle nostre entrate, è bene avere come minimo 10.000 euro sul conto trading.

Tutto questo discorso vale in quanto il nostro non è certamente un fondo di investimento. Se così fosse si potrebbe entrare anche con 100 euro e poi prendere la percentuale di rendimento del fondo su quei 100 euro.

Sapienza Forex è, invece, molto semplicemente un servizio in cui il cliente ci delega per operare sul SUO conto, e noi non possiamo MAI E POI MAI entrare i possesso dei suoi soldi.
Per questo, operando su conti separati, abbiamo bisogno di quella cifra minima.

Detto questo, comunque, non è detto che per nostre scelte, il versamento minimo in futuro potrebbe anche aumentare.

Anche perchè, come Lei giustamente dice, se da 10.000 euro arrivo a 15.000 (dico io, magari! :-) ) non mi cambia la vita.
A maggior ragione allora per cifre minori vale il suo ragionamento.

E' possibile comunque aprire anche un conto cointestato, con cui una persona può arrivare alla cifra minima con qualche suo conoscente.

Chiudo salutandoLa, sperando che continui a scrivere sul nostro blog, e perchè no, magari conoscendoci in futuro, visto che viviamo nella stessa città :-)



A Giuseppe:

Sono d'accordo anch'io pienamente con quello che dice, come Marco Calì.
Purtroppo la situazione è veramente drammatica, le scelte che ricadono su di NOI vengono prese spesso a nostra insaputa e in ogni caso con una trasparenza INESISTENTE, e per di più i politici non ci ascoltano se abbiamo da proporre qualcosa (vedi le proposte di Calì).

Sembra che viviamo su due mondi paralleli (noi e i nostri dirigenti) ma lì ce li abbiamo messi noi...e a NOI dovrebbero rendere conto...

Svegliamoci per favore.......

Siamo a disposizione semmai volesse approfondire il discorso, e perchè no, farlo venire alla ribalta.
Può contattarci via email, skype, telefono...come vuole.

Una buona giornata a tutti!
Giulio Pasquini

Anonimo ha detto...

Grazie ad entrambi per le risposte, apprezzo questo blog e sono convinto siate persone per bene. Non sono però d'accordo su alcune cose scritte.
Su Napolitano non influisce l'età ma i contenuti ci sono persone anziane lucidissime e trentenni assolutamente inadeguati, nel caso specifico i discorsi di Napolitano non andrebbero nemmeno criticati in quanto inadeguati a mio parere prima ancora che nei contenuti che sono "accessori" nella forma per il semplice fatto che non esiste più nessuno stato o nazione italiana: nella sua definizione uno stato è, a grandi linee, un gruppo di persone riunite a vivere insieme e che decidono con leggi istituzioni usi e costumi le modalità e le forme del vivere comune senza limiti o interferenze che non siano autodeterminate, possono anche decidere della vita o della morte dei propri membri anzi la possibilità di decidere sulla morte dei propri componenti definisce se si è in presenza di uno stato e non di un'associazione culturale. Oggi questo non è più vero quindi ogni tipo di discorso riferito all'Italia (con la I maiuscola) intesa quindi come stato o nazione è un falso nei suoi presupposti formali prima e ideologici poi è come parlare al vento. In nessun caso uno Stato può definirsi tale senza una funzione essenziale come la sovranità monetaria una mutilazione troppo profonda e dequalificante, essenziale per determinare LA VITA dei membri: a decidere in questo campo è la bce e non mi si dica che lo abbiamo scelto noi perchè vorrei fare un sondaggio e sapere quanti italiani sanno che la banca d'italia non è più la banca dello stato italiano ma è in mano a privati. Noi oggi, per come la vedo io, non solo non siamo cittadini ma sudditi e siamo sudditi di fatto non di uno stato ma di una banca o meglio di un sistema bancario privato i cui dirigenti non sono eletti in molti casi non li conosciamo e non sapremmo come eliminarli, più ridicolo ancora è non accorgersene, gli stati europei non esistono più, esiste l'europa che non è nè uno stato nè un impero nè una nazione nè una federazione ma un agglomerato di individui che parlano lingue diverse hanno usi diversi che non possono decidere nulla di concreto da sè è come se fossero tutti minorenni affidati alla badante bce una non meglio precisata entità divina o soprannaturale non eletta e non controllata. Non sono d'accordo con lei signor Calì Napolitano non può essere criticato nei contenuti perché non esistendo più alcuno Stato - Nazione egli PARLA AL VENTO o chissà forse sognava.
Giuseppe.

Anonimo ha detto...

Sui problemi sociali in italia (bisogna avvisare il sistema di correzione che l'italia non è uno stato quindi ha perso il diritto a cominciare con la maiuscola il sistema di correzione è sovversivo continua a darmi torto e a sottolineare in rosso heheheh meglio prenderla a ridere) sono pienamente d'accordo anche se, pur essendo io meridionale, finora non ho mai avuto grandi problemi con gente del nord italia anzi vinta la MIA diffidenza iniziale semmai è stato quasi sempre vero il contrario più che il razzismo è la PAURA la protagonista . Sul discorso che facevo prima su Tremonti quindi capirete anche che non sono leghista non ho mai capito cosa significhi centro destra o sinistra (sembra la distinzione fra nord e sud dipende dalla prospettiva si può tranquillamente vedere tutto al contrario la gravità c'è sempre e non precipita nessuno) a volte non sopporto nemmeno beppe grillo anche se lo rispetto (lo chiuderei in una beauty farm con obama hehehe), è che viviamo un periodo di totale confusione dove paradossalmente (e il paradossalmente dovrei scriverlo a caratteri cubitali) chi pochi anni fa aveva la brillante idea di svendere tutte le spiagge italiane per aiutare il bilancio è stato poi l'unico a provare a prendere di petto il problema e non a livello italiano ma a livello internazionale non trovando nessun riscontro o consenso anzi... come si è permesso? un ministro italiano? Paradosso o forse consapevolezza di perdere ogni forma di potere in un sistema simile?
Ultima cosa sul discorso Dolly signor Marco non sono assolutamente d'accordo, lei esagera con le offese alle pecore e le assicuro che non sono ironico in nessun caso può paragonare i sudditi bancari italiani alle pecore perché nessuna pecora è così ottenebrata da non fuggire se lasciata libera, ha bisogno del pastore e dei cani da guardia, noi no, siamo diversi in realtà ci controlliamo a vicenda, se c'è qualche voce fuori dal coro prima dei militari o dei politici interveniamo noi stessi in automatico a ridicolizzare chi dice o pensa qualcosa di diverso quindi è lampante e scientificamente dimostrato che le pecore sono più autonome e LIBERE di noi, al limite il nostro caso può essere paragonato al mobbing del mondo animale fenomeno studiato prima di tutti da Konrad Lorenz in una forma più perversa e contorta però: nei gruppi di animali vengono eliminati, isolati, a volte uccisi, i diversi per istinto o per legge di sopravvivenza noi isoliamo, "uccidiamo", deridiamo chi dice qualcosa di molto diverso non per istinto o spirito di sopravvivenza, lo facciamo esattamente contro l'istinto e contro il nostro spirito di sopravvivenza usiamo la ragione non lucidamente comprimendo l'istinto negando l'esistenza del nostro spirito in questo è la nostra grandezza in questo la nostra fatale debolezza.
Con rispetto scusandomi della prolissità e ringraziando per lo spazio vi saluto tutti.

Giuseppe