giovedì 15 luglio 2010

Il tagliando auto?


Una buona cosa da fare, per quanto concerne la cura della tua auto, è il tagliando.

Il tagliando dell'auto viene fatto a secoda dell'utilizzo (e quindi dei km) che fai della tua macchina.
Per questo motivo la risposta alla domanda "Quando mi conviene fare il tagliando?" è:"Dipende".

Dipende da quanti km hai effettuato.
Dipende da cosa bisogna... 
sistemare (ci sono alcuni pezzi che hanno bisogno di essere sostituiti).
Dipende dal tipo di macchina.
Dipende da ....
Dipende da ....
Dipende da ....
Dipende da ....

In definitiva il tagliando prevede una serie di controlli e sostituzioni, al fine di non avere dei spiacevoli inconvenienti, che da solo non saresti in grado di fare.

Io non faccio il meccanico, eh.
Ma ritengo essenziale e fondamentale, per i miei clienti, fare dei tagliandi di controllo.
Il tagliando di controllo serve sia a me che al cliente per verificare sistematicamente che il portafoglio sia in linea con ciò che abbiamo definito tramite il Questionario della Ricchezza.

E' fondamentale fare un controllo, mediamente ogni tre mesi, dei propri investimenti.
Mi trovo spesso a che fare con clienti che una verifica del proprio portafoglio non l'hanno mai effettuata!

Ma è ovvio che la tua situazione subirà delle modifiche nel tempo o no?

E' lampante il fatto che nel corso del tempo può subentrare un imprevisto e tu abbia bisogno di rividere il portafoglio.
E' possibile, inoltre, che ci siano delle condizioni di mercato favorevoli verso un determinato comparto; cioé che ci siano maggiori opportunità, in alcuni periodi, verso il mercato obbligazionario o magari verso il mercato azionario.

Questi cambiamenti, sia per motivi personali che per motivi di cicli economici devono essere monitorati costantemente.
Mi trovo a confrontarmi con persone che il portafoglio (che vale molto di più di una macchina) non lo hanno mai controllato.

Proprio ieri, mi è capitato di fare una consulenza a due signori (pensionati) che avevano il portafoglio (consigliato dalla banca!) unicamente su un unico fondo comune di investimento.

Per farti capire ti faccio vedere di che fondo si tratta.


Questo fondo è composto, praticamente, al 100% con Titoli di Stato italiani!

Ma che diversificazione è mai questa?
Lo sanno le persone alle quali vengono proposte questi prodotti (mi limito a chiamarli così) che stanno rischiando il loro capitale?
Che senso ha avere un fondo comune obbligazionaro dove non è presente nemmeno una % di Titoli di Stato della Germania oppure dell'Austria oppure della Francia oppure della Norvegia?

La diversificazione dove è?

Tra le altre cose, su questo fondo c'è scritto che il gestore (io lo definirei Dipendente con stipendio che lavora in pieno conflitto di interessi facendo gli interessi della banca) non può investire in Titoli di Stato che abbiano un rating inferiore ad A.
Se, quindi, il rating dell'Italia fosse diminuito ad A - il gestore, laureato alla Sapienza e con Master alla Bocconi, dovrebbe vendere tutti i titoli in portafoglio!
Se non ti é chiaro ciò che può accadere, ti faccio notare che questo fondo ha un patrimonio di 10.056 miloni di euro!!!! Diecimilamilioni di euro!!!!

Per finire ti faccio presente che questo fondo, che viene definito di natura monetaria e a basso rischio, come da loro scritto:

 "investe in strumenti finanziari derivati con finalità di copertura dei rischi, di buona gestione del Fondo e di investimento. In relazione alla finalità di investimento, il Fondo si avvale di una leva finanziaria tendenzialmente compresa tra 1 e 1,30."

La leva su un investimento monetario!!!!


Ti consiglio un bel tagliando!
Vuoi che lo facciamo insieme?
3339181454: telefonami oppure inviami un'email a 

Stai attento a non rimanere per strada. 
Un tagliando potrebbe farti vedere ciò che non hai mai visto.

Nessun commento: