martedì 2 novembre 2010

Ripartizione per fasce di età della popolazione italiana oggi e fra 40 anni



Come potete vedere dai due grafici a lato, le stime prevedono che la popolazione aumenti in proporzione sulle fasce di età elevate.

Pochi in Italia saranno i giovani o quelli in età lavorativa per poter compensare questo simile spostamento.

Se c'è poca forza lavoro e molti anziani da pagare ci saranno inevitabilmente ulteriori tagli o peggio.

Magari porteranno la pensione a 50 anni di contributi e l'età minima 75.

Guarda i grafici, puoi vedere la fascia di età al centro, a sinistra gli uomini a destra le donne.

Sopra ad oggi e sotto tra 40 anni.

Se ti sembra tragica allora dovresti correre ai ripari.

Come?

Fatti consigliare da un esperto, magari da me o da chi vuoi.

Personalmente nel blog ho proposto varie soluzioni di successo in questi anni e ne presenterò altre a breve.

Sappi però che le soluzioni devono essere tagliate su misura.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

siamo davvero sicuri che fre 40 anni la popolazione sara' cosi' ripartita?
Anche considerando le previsioni dell'esercito americano e tedesco sulla produzione di petrolio?
Mantenere in vita tutta quella gente in eta' avanzata richiede una sanita' funzionante, mi domando con che coraggio si possa pensare che avremo ancora una sanita' nel 2050 con i dati che abbiamo in mano ora.

Anonimo ha detto...

sono in accordo con anonimo. All'attuale velocità di evoluzione mondiale fare queste previsioni mi sembra francamente ridicolo. Con apprezzamento.