sabato 10 marzo 2012

ANALISI TECNICA EURODOLLARO SETTIMANA 12 – 16 MARZO 2012


Un saluto a voi !

Che cos'è l'Analisi Tecnica...





Prendi un grafico dei prezzi così come nasce...


...punti qualche freccia qua e là...


… disegni dei bei cerchi colorati...


...tracci qualche linea in su e in giù...


...poi tiri qualche linea in qua e in là ( una o due eh...mica 50... )...


Infine ti diverti a scarabocchiare ancora un po' il disegno “montandoci sopra e sotto” degli strani “strumenti” che senza che tu fai niente ti disegnano una linea che va per conto suo...delle linee orizzontali inventate da un tale che aveva un allevamento di conigli e infine un'ultima linea a onde che sembrano i picchi e le valli delle montagne.

Ecco...questa è l'Analisi Tecnica.

Si ma a cosa serve ?!?...

Per noi – ora seriamente - l'Analisi Tecnica è l'insieme delle teorie e dei simboli attraverso i quali provare ad interpretare la lingua parlata dai mercati finanziari.

Scopo ultimo della materia è consentire all'investitore un utilizzo consapevole del suo denaro allo stesso tempo aiutandolo a gestire al meglio il rischio.

Ecco dunque la prova di quanto appena detto laddove l' Analisi Tecnica dell'azione dei prezzi su base settimanale della scorsa settimana ( l'intera sequenza sopra ) ci aveva consentito di avere una corretta chiave di lettura di quelle che avrebbero potuto essere le maggiori probabilità di ciò che avrebbe potuto succedere questa settimana.

Individuata una zona di forti potenziali “resistenze” e aver provato a definire quella che avrebbe potuta essere la più probabile delle direzioni dei corsi durante la settimana appena trascorsa altro non potevamo fare che attendere quei segnali che ci avrebbero consentito di provare ad entrare in gioco...segnali che per ben due volte ci sono giunti forti e chiari e dei quali siamo stati bravi a coglierne l'attimo.

...di seguito i due trade che così tante soddisfazioni ci hanno dato...




..ah...va da se che la decisione di mostrare i trade non è per dimostrare nulla di particolare se non di esservi giunti proprio solo grazie alle indicazioni derivanti dall'Analisi Tecnica di cui sopra.

E adesso ?!?...





...beh adesso siamo punto e a capo.

Ancora una volta ci limitiamo all'analisi del grafico ( compressione giornaliera ) per provare a trarne utili indicazioni per la settimana che verrà.

Il trend è confermato rialzista ( pur se con un primo “allarme” conseguente al nuovo massimo inferiore al precedente ) e lo sarà fino a quando non vi sarà una decisa chiusura sotto 1.2970.

La forza appare tuttavia nelle mani dei venditori : forza che possiamo “leggere” dall'analisi dell'ampiezza degli swing così come nel “momentum” delle singole candele.

Segnaliamo inoltre come il mercato abbia lavorato in maniera particolare sull'area 1.3230 dando forma tanto ad un interessantissimo pattern di potenziale inversione “Engulfing” quanto ad un altrettanto interessante falsa rottura rialzista della stessa area.

Non sono esclusi dunque ulteriori affondi proprio fino a 1.2970 - magari con un iniziale ritest di 1.3230 - e lì vedere cosa succede.

Questo è quanto e il nostro lavoro sarà di andare ad osservare “se” e “come” il mercato svolgerà i compiti che gli abbiamo assegnato ancora una volta ricavandone delle utili informazioni.

Molte altre analisi ( alcune senza scarabocchiare i grafici ) si potrebbero fare così come infinite altre idee mi passano per la testa ( ad esempio detto tra noi a me sti Non Farm Payrolls proprio non mi hanno convinto...bah...c'è qualcosa che non quadra...) ma se riattacco... è finita !!!

Buon trading a tutti !!!

Gian

Powered by Sapienza Forex, the number one in the world in forex trading








3 commenti:

Anonimo ha detto...

Queste sono le analisi che mi piacciono: chiare, semplici, di facile lettura, oneste e senza retorica!!! Claudio - Mestre

Anonimo ha detto...

...lo stesso trading perchè sia profittevole e perchè lo rimanga per sempre necessita di poche regole...semplici e replicabili in maniera il più automatica possibie.

Incredibile osservare come al contrario siano proprio i traders "dilettanti" ad andarsi a complicare la vita nella falsa convinzione che più le cose sono complesse e meglio funzionino.

Rendere complicata una strategia e magari pieno di linee e indicatori a volte contrastanti tra loro un grafico potrà far bene al proprio ego ma certamente non al proprio portafoglio.

Parli con un dilettante e quando scopri il suo caos non ti stupisci dei suoi pessimi risultati...parli con un trader professionista e ti stupisci della sua semplicità e immadiatezza.

Uno dei passaggi cruciali per il successo nel trading è proprio quello in cui un dilettante diventa consapevole di ciò e comincia a pensare e a comportarsi in maniera professionale ovvero "semplice" : "semplice" che non per forza è l'equivalente di "facile" eh...

Avanti così Claudio !!!

Gian

Claudio ha detto...

"...lo stesso trading perchè sia profittevole e perchè lo rimanga per sempre necessita di poche regole...semplici e replicabili in maniera il più automatica possibie."Mi trovi sempre più d'accordo anche su questo. Infatti da qualche settimana ho iniziato a studiare il linguaggio MQL e ho cominiciato a scrivere le mie prime EA. Che soddisfazione! Claudio - Mestre