domenica 18 marzo 2012

ANALISI TECNICA EURODOLLARO


Un saluto a voi !

E' davvero gratificante osservare come l'analisi “tecnica” del grafico della scorsa settimana ci avesse consentito di bene inquadrare il più probabile degli scenari previsivi...cosa questa che ha poi guidato in maniera ( oserei dire ) davvero “semplice” e “oggettiva” il nostro trading.

Proprio per questo per la settimana che arriva ho deciso di



 fare una cosa un po' particolare : anziché passare all'analisi tecnica del grafico dei prezzi , ho deciso di condividere con voi una parte del mio desktop...un po' come se per un attimo fossimo seduti uno accanto all'altro e insieme guardassimo il mercato ma... “con i miei occhi”.

I grafici che passeranno saranno dunque gli stessi sui quali il sottoscritto va quotidianamente a lavorare e dai quali trae le sue informazioni...



...eccolo qua dunque il primo grafico...un grafico in bianco e nero : un grafico all'interno del quale non riuscire a vedere ne la forma e tanto meno il colore delle candele da tanto risulta lo zoom.

A cosa potrebbe mai servire un grafico così ?!?...

Beh...per me rappresenta il vero contatto con la realtà del mercato...quella pura...semplice...trasparente...vera.

Volete sapere come chiamo questo grafico nei miei diari quotidiani ?!?...

“Casa mia...”.



Il grafico qui sopra è la conseguenza di quello precedente e rappresenta la possibilità di poter “strutturare il mercato” nella maniera più personale che vi sia.


E' su questo grafico infatti che traccio quelle che - a mia discrezione - sono le “linee guida importanti ” : canali...trend line...livelli statici...configurazioni grafiche e pattern candlestick ; in poche parole con questo grafico cerco di individuare ed evidenziare ciò che il mercato ha fatto...sta facendo e potrebbe fare.

Nome del grafico : “Il mio grafico”.


Con il grafico sopra siamo passati a quello che per il mio modo di operare rappresenta la possibilità di rendere visibile ai miei occhi quello che mi è impossibile vedere.

Se infatti per la messa in opera del secondo grafico sono io che decido quali siano i “riferimenti guida”, con il grafico qui sopra lascio che sia la piattaforma a mostrarmi “il mondo invisibile” e - grazie al lavoro di particolari strumenti da analisi “algoritmica” - lascio che sia “la macchina” a indicarmi altrettanto importanti “livelli sensibili”.

Questo sopra è il grafico da me definito come “Manicomio...”




Ebbene se con i grafici fin qui esposti mi è possibile provare a capire cosa stia succedendo e cosa successivamente potrebbe accadere alla coppia , con l'ultimo qui sopra mi aspetto di trovarvi delle indicazioni che mi dicano :”Ok...se vuoi entrare questo è il momento”.

Un po' come se fino a qui avessi lavorato per “farmi trovare nel posto e nella direzione giusta” e ora mi sentissi dire : “Bene...attenzione che partiamo...vieni ?!?...”

Nome dato al grafico “Si va !!!”.

Questo è quanto...

Certamente non sono entrato nel merito della costruzione del singolo grafico ...del perchè tracciare una linea piuttosto che un'altra...del perchè montare un indicatore piuttosto che un altro...del perchè scegliere un determinato TF piuttosto che un altro : ritengo non sia questa la sede per farlo.

  La sola cosa che per questa volta desideravo poter fare era condividere con voi un pezzo della mia strada nella ben riposta speranza di una sua qualche utilità per quel lettore che passasse da queste parti.

In chiusura mi chiedo cosa penserei se fossi al posto vostro e mi ritrovassi una siffatta “analisi”.

Di fatto leggere quanto scritto ( così come l'interpretazione dello “stile” ) potrebbe far nascere qualche perplessità oppure far storcere il naso a qualche “purista del trading in camicia e cravatta” .

Certamente sono dalla parte di coloro che praticano con “serietà” e con “professionalità” la materia ( pena l'immediata espulsione dal mercato, ndr ).

Sono ormai mesi che sperimento quanto il trading “professionale” ( anche se non svolto a livello “professionistico” ) conceda ben poco spazio all'adrenalina...all'emozione e all'ilarità quanto piuttosto ne conceda alla serietà...alla noia...alla monotonia... alla pazienza...alla compostezza.

Se però – dico io - riusciamo a trovare un modo per rendere il nostro trading “un po' meno” tutte ste cose ...che male c'è ?!?...

Signori alla prossima !!!

Gian

P.S. Powered by Sapienza Forex the number one in the world in forex trading


 

Nessun commento: