martedì 13 marzo 2012

Il filo dei Bot, Btp, CCt e Ctz

In quei tempi, il possessore di Titoli di Stato italiani (btp, cct, ctz, bot), nonostante i molti avvertimenti che arrivavano di qua e di là, continuava a tenere i propri titoli.



A questa persona i Titoli di Stato italiani parevano essere 

l'unica soluzione possibile per investire i propri soldi.
E, mentre da un lato, era convinto che il mercato obbligazionario fosse sicuro, da un altro punto di vista era terrorizzato e si poneva sempre questa domanda: "ma sono realmente sicuri?'"
E continuava a tenere questi titoli anche se un motivo vero e proprio non c'era: la realtà è che era attanagliato dal dover fare un passo in più.
Sarebbe bastato poco a questa persona per capire, eh.


Questa persona era sempre sul filo del rasoio.


Di notte dormiva male, un giorno si alzava e sperava che la tv annunciasse che lo spread fosse calato, un altro giorno sperava che la Grecia non fallisse, un altro giorno ancora era preoccupato per le sorti del Portogallo e così via. Ogni giorno sperava, sperava ...
Nel frattempo il debito pubblico (che questa persona pensava non fosse realmente collegato con i propri titoli!!!!) aumentava con una progressione esorbitante: il 5 marzo 2012 era a 1.947 miliardi di euro e il 13 marzo era a oltre 1.950 miliardi di euro. Questo aumento che avrebbe fatto rabbrividire anche un bambino non interessava molto al possessore dei btp, dei bot, dei cct e dei ctz. Egli sperava, sperava ....


Alcuni mesi dopo alla domanda "ma perché non li hai venduti?" rispose "speravo, speravo, cosa potevo fare?"




Ah, il Dizionario lo Zingarelli descriveva, in diversi modi, una parola: filo. 
Una definizione di filo era: "Nelle armi bianche e in ogni altro strumento tagliente, parte della lama che forma il limite estremo del taglio: il filo del del pugnale, della spada, della scure, del rasoio, delle forbici - Perdere il filo: non essere più tagliente. Essere, camminare, trovarsi sul filo del rasoio, in condizione di pericolo o rischio continuo".




Chi ha orecchi, intenda!




Agli altri la crisi, a noi la sapienza finanziaria.




1 commento:

http://sapienza-finanziaria.com ha detto...

http://www.sapienza-finanziaria.com/2012/04/dammi-6-giorni-e-ti-mostro-come.html