mercoledì 15 agosto 2012

Intervista di U. Marco Calì da Casaleggio per il blog di Beppe Grillo


Oggi è stata pubblicata, sul blog di Beppe Grillo, una mia intervista.



Il titolo del post-video è

 "La crisi è uno stato mentale - U. Marco Calì".



Ringrazio il gentilissimo Signor Gianroberto Casaleggio.


Agli altri la crisi, a noi la sapienza finanziaria.


P.S. Dai commenti ricevuti nel post e su youtube si conferma che la maggior parte delle persone è "annientata" dalla parola crisi. Nei prossimi giorni pubblicherò alcuni commenti al riguardo.
 

5 commenti:

http://sapienza-finanziaria.com ha detto...

Troppo divertenti i commenti!

La situazione della maggior parte delle persone è oramai al delirio.... chi ha orecchi, intenda!

U.Marco Calì

http://sapienza-finanziaria.com ha detto...

Ah, il test si fa qui http://sapienzafinanziaria.com/test-sapienza-finanziaria/

Anonimo ha detto...

Non te la prendere per i commenti Marco, se fossero diversi probabilmente adesso non avremmo la situazione occupazionale descritta all'inizio dell'intervento.
ciao
Lorenzo

Anonimo ha detto...

Non te la prendere per i commenti Marco, se fossero diversi probabilmente adesso non avremmo la situazione occupazionale descritta all'inizio dell'intervento.
ciao
Lorenzo

Andrea ha detto...

Sono i soliti schemi, Marco!quando li capisci e li sai accettare, provi compassione. ;-)
Bisogna essere consapevoli che, decidere di mettersi in gioco, di cercare informazioni in piu' per sviluppare un sistema di pensiero che ti dia risultati migliori, comporta spesso problemi con gli altri. Il divario di mentalita' che si crea e' incredibile.
La propria evoluzione porta per forza a fare i conti con un inevitabile cambiamento nei rapporti..Nel momento in cui, grazie ad una maggiore conoscenza, si e' in grado di notare cose che prima non si notavano, di dare significati nuovi alle cose, sapere cose che prima si ignoravano, puo' dare difficolta' verso coloro che sono rimasti al livello di pensiero e di ignoranza che tu stesso magari avevi anni prima. E che quindi, ti appaiono giustamente limitanti.

Quando si da un buon esempio qualcuno ti seguira', vorra' imparare da te.
Ma ovviamente non e' cosi' con tutti infatti; si comporta cosi' solo chi ha voglia di imparare. poi ci sono gli altri, LA MAGGIOR PARTE, che quando vedono persone che ottengono risultati grandiosi, invece di prenderne esempio, SE NE SENTONO SMINUITI e quindi cosa fanno?Puntano a denigrarlo o addirittura a contrastarlo!
Non voglio dire sia normale (ben poche cose in questa societa' sono normali), dico che piuttosto e' comune, purtroppo. E' un pattern ricorrente...