martedì 26 marzo 2013

Lo sai che i tuoi pensieri non sono i tuoi?


Lo sai che tu puoi ottenere tutto ciò che sei in grado di concepire e di credere? Ma devi fare una cosa, che ti scriverò alla fine di questo post. Prima leggi.

Tu, quando sei nata/o eri praticamente



Tabula Rasa. La tua mente, all'inizio, era una Tabula Rasa.

Poi, hai cominciato a riconoscere gli oggetti che ti circondavano e hai cominciato ad imitare gli altri.

Ad un certo punto, però, l'imitazione diventa un'abitudine fissa. E' successo a tutti questo, eh, a me, a te, agli altri.

Naturalmente il bambino imita, prima di tutto, i genitori! Dopodiché, comincia ad imitare i parenti e gli adulti che vede tutti i giorni, inclusi gli educatori religiosi e gli insegnanti.

L'imitazione non si estende solo all'espressione fisica, ma anche all'espressione del pensiero.

Tu hai imparato per imitazione e, quindi, la tua capacità di pensiero non è la tua!


Ora hai due scelte: o continui a pensare con ciò che ti è stato "inculcato" o ti impegni per cambiare.


E' evidente che se stai bene così come stai non devi fare nessun cambiamento. 

Se altrimenti vuoi cambiare i tuoi pensieri (che, ti ripeto, non sono i tuoi pensieri!) devi impegnarti per eseguire un'operazione che magari hai fatto altre volte con il pc.

Hai mai pulito il tuo pc con l'operazione Pulizia Disco? Bene, se lo hai fatto sai come funziona.

Ora la stessa cosa la devi fare con i tuoi (non sono tuoi questi pensieri, ribadisco) pensieri.


Cestinali e pulisci la tua mente.


Poi, devi cominciare ad inserire nel tuo nuovo pc mentale dei file tuoi.


Dove li trovi questi file nuovi?


Dipende da te dove trovarli, di sicuro non li trovi dove hai trovato quelli che ti hanno portato ad essere in questa condizione....


Agli altri la crisi, a noi la sapienza finanziaria.


P.S. Webinar, mercoledì 27 marzo, da casa tua, ore 21 della Sapienza Finanziaria. Info e prenotazioni da qui.




1 commento:

U. Marco Cali ha detto...

Anche il pensiero di non commentare non è tuo, gentile lettrice e gentile lettore....

U. Marco Calì