martedì 30 aprile 2013

Ecco il mio punto di vista sul lavoro









Ci sono lavori e lavori.

Allora, questo è il mio parere.

Io, sottoscritto, U. Marco Calì a proposito di lavori dico che:




lo stipendio di un operatore ecologico (lo spazzino o colui che raccoglie i rifiuti) dovrebbe essere di 5.000 euro al mese;

lo stipendio di un infermiere (che molto spesso pulisce la merda o il vomito dell'ammalato) dovrebbe essere di 5.000 euro al mese;

lo stipendio di un poliziotto (che lavori all'esterno, il poliziotto, quello che intendo, è quello che in campagna elettorale tutti i politici dicono: "Ci vuole il poliziotto di quartiere"; poi nella realtà il poliziotto di quartiere non c'è in Italia) dovrebbe essere di 5.000 euro al mese;

lo stipendio di un medico dovrebbe essere di 15.000 euro al mese;

lo stipendio di una maestra di asilo nido dovrebbe essere di 3.000 euro al mese;

lo stipendio di chi asfalta le strade (quelli, per capirci, che gettano il catrame) dovrebbe essere di 10.000 euro al mese.

Questi sono lavori utili, questi sono lavori che alla società permettono di crescere, questi sono lavori che creano dei vantaggi all'economia. Questo tipo di lavori permettono alla società di crescere. Punto.


Ah, ci sono tanti altri lavori che sono utili come quelli sopracitati.



Ci sono lavori, invece, inutili.


Lo stipendio di un dipendente della posta dovrebbe essere di 200 euro al mese: dipendente postale che viene occupata per la spedizione della raccomandata! Che senso ha la raccomandata nel 2013????? C'è l'email. Una raccomandata: 3,60 euro di spesa, arriva dopo 3 giorni (se sono in casa, altrimenti devo passare poi alla posta; un'email: 0 euro di spesa ed arriva subito).

Lo stipendio di un dipendente del Comune dovrebbe essere di 200 euro al mese: che senso ha avere una carta d'identità, un codice fiscale, un numero di patente, ecc.? Con un'unica tessera si possono inserire tutti questi dati ed eliminare tutti gli uffici che si occupano di ciò.

Lo stipendio di altri dipendenti che svolgono lavori inutili (i bancari, ad esempio) dovrebbe essere di 200 euro al mese. 

Ci sono lavori utili, lavori che sono lavori veri, ci sono, invece, lavori che non possono essere considerati lavori.


Chi ha orecchi, intenda!



Agli altri la crisi, a noi la sapienza finanziaria.


P.S. Ebook, corso gratuito e altro ancora su sapienzafinanziaria.com 

2 commenti:

U. Marco Cali ha detto...

Qualche eccezione c'è, ovviamente sui lavori inutili.
Ci sono degli ottimi lavoratori, eh, in tutti i rami. Siamo al 2% ....

U. Marco Calì

P.S. Ho tolto un commento di un anonimo (era da tanto che qualche anonimo non si faceva vivo!) perché la pubblicazione di tali commenti (senza firma, senza far sapere chi sono queste persone e cosa hanno fatto nella vita) sono di danno soprattutto a chi inserisce questi commenti.
Queste persone (che non si firmano, che non dicono chi sono, ecc.) che, alla fin fine, non propongono mai nulla sono invitate ad uscire da questo blog e sono pregate di andare a vedere le solite trasmissioni televisive e/o andare su altri siti, blog e forum dove possono esprimere i loro NON PENSIERI.
Qui non abbiamo tempo da perdere con discorsi sul nulla.

U. Marco Calì

Andres LEPORE ha detto...

Ciao Marco,
nel meraviglioso mondo di oggi, in cui esiste un nuovo mondo che è quello virtuale dell'Internet, che offre un vantaglio di opportunità di guadagno, la posta serve e come se serve, almeno per quanto riguarda le spedizioni. Ad esempio, senza muovermi da casa, senza consumare benzina o fare code pazzesche, prendo un reproduttore dvd che mi arriva il giorno dopo via POSTA ad un prezzo minore forse a quello del negozio e pagandolo con la carta di credito. Ma anche puoi vendere, senza saper molto internet o marketing, farlo da casa tua ed spedirlo via POSTA dopo aver incassato. Io vendo faccio con monete d'argento qui in Francia, e ci sono dei buonissimi prodotti come la lettremax, che costa 2 euro(di meno se comperi una decina)con codice seguimento, che spedisci tu direttamente senza intermediazioni. Quindi, forse no per le lettere, ma per le spedizioni, il postino é tutt'altro che inutile!!!
Andrés LEPORE