venerdì 20 settembre 2013

Ecco perché puoi sapere che contratti ha il tuo Comune con le banche


Ogni Comune ha dei contratti con delle banche.

E' un tuo diritto poter visionare quei contratti, anche perché, alla fin fine, è come se tu cittadina o cittadino avessi stipulato quel contratto.

Da quel che ne so io, U. Marco Calì, molti dei contratti sottoscritti dai Comuni con le banche 




sono "taroccati". 


Ovviamente, tu cittadina o cittadino non ne sai nulla. Poi cambiamo le giunte comunali e la patata passa senza che mai nessuna giunta faccia nulla.

Fammi avere questa documentazione e ti controllo quei contratti.

La mia email è marcocali@sapienza-finanziaria.com


Se preferisci prendi un appuntamento telefonico con l'Assessore al Bilancio, mi comunichi l'orario e vi chiamo io direttamente tramite skype (tu puoi stare a casa tua, l'Assessore sta nel suo ufficio e io chiamo dal mio ufficio). 

Pago io la telefonata, non preoccuparti.


Ti ricordo, qualora non ne fossi a conoscenza, che la tecnologia ha fatto dei passi avanti rispetto a venti anni fa: oggi è possibile chiamare da skype più telefoni fissi: dai, è più facile da fare che da spiegare.

Prendi un appuntamento telefonico con l'Assessore al Bilancio o con chi vuoi e gli chiediamo semplicemente i contratti per visionarli.



Puoi sempre inviare un'email all'Assessore al Bilancio e scrivere: "Gentile Signora o Signore Assessore ....., sono ...., cittadino di ........ Voglio venire a conoscenza dei contratti che il Comune di ...... ha sottoscritto con le banche. Le chiedo di avere copia di tutti i contratti sottoscritti dal Comune di .... con i vari istituti di credito. Se il Comune di ..... non ha sottoscritto nessun contratto con le banche vi chiedo di informarmi di tale circostanza. Le ricordo, Signora o Signor Assessore che sto chiedendo copia dei contratti perché è un mio dovere, in qualità di cittadino, di sapere come il Comune di ... si comporta con le banche.
Vi prego di darmi una risposta entro tre giorni dal ricevimento di questa email. Cordiali saluti".



Fai copia incolla di quello che c'è scritto qui sopra, riempi i puntini con i tuoi dati e quelli del Comune, entra nel sito del tuo Comune, cerca l'indirizzo email dell'Assessore al Bilancio e invia l'email.
Per fare tutto ciò ti servono al massimo tre minuti, ripeto tre minuti. 


A questo punto, se sei una PERSONA NON PECORA, invii l'email e, per forza di cosa, otterrai una risposta.


Va bene qualsiasi risposta che il Comune ti invii. Vediamo cosa ti rispondono. Mandami la risposta per email e ti suggerisco cosa rispondere a tua volta.



Se sei una PERSONA PECORA invece dirai: "Eh sì, ma di fare copia-incolla, riempire i puntini, inviare l'email, ci vogliono tre minuti, sì, ma tu lavori dove lavoro io, ora che riesci finalmente a tornare a casa è tardi. Dovrai pure mandar giù un boccone, guardare un po' di TV per rilassarti, e poi andare a letto. Non puoi stare alzato sino a notte fonda a mandare email, mandare email, MANDARE EMAIL!"



Agli altri la crisi, a noi la sapienza finanziaria.




P.S. Per aziende e privati che sono clienti di banche.



P.P.S. A proposito di Comuni robetta di qualche anno fa....







3 commenti:

U. Marco Cali ha detto...

E' pazzesco come la regola della Novantottite venga rispettata!

Anche in questo caso (ma la stessa cosa vale anche per le altre cose della vita) il 98% legge che il suo comune potrebbe recuperare dei soldi e rimane immobile.

Il bello è che magari recuperando dei soldi, questa persona ne avrebbe dei benefici: il comune potrebbe avere dei soldi e mettere a posto le strade, sostenere chi ha bisogno, sistemare le scuole, etc. No, no, ma cosa sto dicendo, scusate questi sono discorsi troppo difficili....

Rimanete fermi! Mandare o non mandare un'email è facile. Mandarla è facile. Non mandarla è facile.

Chi ha orecchi, intenda!

U. Marco Calì

U. Marco Cali ha detto...

Hai inviato l'email al tuo Comune?

Se sì, cosa ti ha risposto?

Se no, perché non l'hai inviata?

Se non l'hai inviata, perché hai paura di dire perché non l'hai inviata? Qual è la paura che ti assale e che non ti consente di inserire un commento per spiegare perché non hai inviato l'email?

U. Marco Calì

aleclofabbro ha detto...

Ciao Marco,
spero che condividerai in rete tutte le segnalazioni che riceverai!