sabato 9 agosto 2014

Il consiglio: da Il Cigno Nero

<< Con il senno di poi, il consiglio più importante che ho ricevuto fu un cattivo consiglio, poiché mi spinse ad approfondire ulteriormente le dinamiche del Cigno nero. Mi fu dato quando avevo ventun anni, un pomeriggio di febbraio, nel corridoio di un ufficio al 3400 di walnut Street a Philadelphia, dove allora vivevo. Uno studente del secondo anno della Wharton mi consigliò di trovare una professione che fosse "scalabile", ossia non pagata all'ora e quindi non soggetta ai limiti imposti dalla quantità di lavoro svolto. Era un metodo molto semplice per distinguere tra le professioni e per stabilire quindi una separazione tra diversi tipi di incertezza, e mi portò al principale problema filosofico, il problema dell'induzione, che è il nome tecnico del Cigno nero. Mi consentì di trasformare il Cigno nero da un'impasse logica in una soluzione facilmente applicabile, e, come vedremo nel prossimo capitolo, di trovare un suo fondamento nella struttura della realtà empirica.

Come può un consiglio sulla carriera portare a idee sulla natura dell'incertezza? Alcune professioni, come i dentisti, i consulenti e i massaggiatori, non possono essere scalabili: il numero di pazienti o clienti che si possono vedere in un dato periodo è limitato. Le prostitute lavorano all'ora e (di solito) sono pagate all'ora; inoltre la loro presenza è necessaria per offrire il servizio (almeno credo). se aprite un ristorante di lusso, il massimo che potete fare è riempire costantemente il locale (a meno che non apriate altre sedi in franchising). Per quanto elevato, in tali professioni il guadagno è soggetto alla gravità. Le entrate dipendono più dallo sforzo continuativo che dalla qualità delle decisioni. Per di più, questo tipo di lavoro è ampiamente prevedibile: le entrate variano, ma è impossibile che il guadagno di un giorno sia più importante di quello del resto della vita. In altre parole, tali professioni non sono guidate dal Cigno nero. Se Evgenija Nikolaevna fosse stata una commercialista o una specialista di ernia non sarebbe riuscita a superare da un giorno all'altro l'abisso che separa una nulltità da un supereoe (ma non sarebbe neanche stata una nullità).


In altr professioni, se le cose vanno bene, si possono aggiungere con pochi sforzi, vari zeri ai guadagni. Essendo pigro - considero la pigrizia una risorsa - e volendo ricavare più tempo possibile per meditare e leggere, trassi subito (ma erroneamente) una conclusione. Separai la "persona idea", che vende un prodotto intellettuale sotto forma di transazione o di opera, dalla "persona lavoro", che vende il proprio lavoro.


Una persona idea non ha bisogno di lavorare sodo, ma solo di pensare intensamente. Fa lo stesso lavoro sia che produca cento unità o che ne produca mille. Nella finanza quantitativa, comprare cento, centomila o un milione di azioni implica lo stesso sforzo. Si tratta sempre della stessa telefonata, degli stessi calcoli, dello stesso documento legale, dello stesso consumo di cellule cerebrali, dello stesso sforzo per verificare che la transazione sia corretta. Inoltre si può lavorare dalla vasca di casa o da un bar a Roma. si può usare la leva finanziaria al posto del lavoro! Va bene, non è del tutto vero: non è possibile fare trading da una vasca da bagno, ma se è fatto bene è un lavoro che può lasciare molto tempo libero.

Lo stesso vale per i musicisti e gli attori cinematografici: a lavorare sono i tecnici del suono o i proiezionisti, perché non è necessario che gli artisti siano presenti a ogni performance. Analogamente, una scrittice fa lo stesso sforzo per attirare un solo lettore o centinaia di milioni. J.R.Rowling, autrice dei libri di Harry Potter, non deve riscrivere i suoi romanzi ogni volta che qualcuno li vuole leggere. Ma non si può dire la stessa cosa di un panettiere, che deve cuocere una nuova pagnotta se vuole soddisfare un altro cliente.


Pertanto la distinzione tra scrittore e panettiere, speculatore e medico, truffatore e prostituta è utile per osservare l'universo e l'attività. Separa i professionisti che possono aggiungere senza grandi sforzi alcuni zeri ai loro guadagni da quelli che per farlo devono sacrificare più tempo e più lavoro (entrambi disponibili in modo limitato), ossia quelli soggetti alla gravità.


Fate attenzione allo scalabile. >>



Tratto dal libro di Nassim Nicholas Taleb


Il Cigno nero, Come l'improbabile governa la nostra vita

Nessun commento: