sabato 31 gennaio 2015

Ti devo spiegare questa cosa sulla crisi, perché forse, anzi senza forse, ti hanno annientato il cervello. Se i tuoi neuroni lo permettono, seguimi due minuti

Crisi: hai mai sentito questa parola?

Io la sento praticamente nominare a tutte le ore.

Ora, metti via quel c...o di cellulare, chiudi le altre pagine internet che hai aperto nel pc, non fare niente altro che concentrarti per i prossimi due minuti.


Penso che i tuoi neuroni abbiano ancora la capacità di concentrazione per due minuti. 


Vediamo che crisi c'è in giro.


Analizziamo 



l'economia della borsa americana: questo è il grafico, DEGLI ULTIMI CINQUE ANNI, del Dow Jones, che comprende le prime trenta aziende americane. Bene, l'indice americano è ai massimi storici.





Cambiano borsa, vediamo quella che è il grafico DEGLI ULTIMI CINQUE ANNI DELL'indice della borsa tedesca, il Dax: anch'esso è ai massimi storici.




Cambiamo continente ancora e vediamo l'indice della borsa giapponese, il Nikkei: NEGLI ULTIMI CINQUE ha praticamente raddoppiato di valore.






Ora, non è che serve avere dei superpoteri o dei master in economia per capire questi grafici: sono i tuoi neuroni che non riescono a farti comprendere che quando parlano di crisi ti stanno prendendo per il culo.

Falli vedere, questi grafici, ad una bambina o ad un bambino di 8 anni, ti spiegano loro cosa significano.

"Sì, va beh, le borse sono qualcosa che non conosco, io non ci capisco nulla", probabilmente i tuoi neuroni ti stanno portando a ragionamenti del genere.

Ma vediamo magari qualche azienda che ti potrebbe far capire che quando parli di crisi significa che tu sei in crisi, non che sono in crisi tutti.


Conosci Zalando? Zalando vende online abbigliamento, scarpe e accessori. Faccio semplicemente copia-incolla di un post che ho trovato su internet.


Crisi? Non per l'e-commerce
809 milioni di fatturato
in sei mesi per Zalando


"Sì, va beh, ma Zalando ha avuto fortuna, io non posso sviluppare affari in questo momento", con molta probabilità i tuoi neuroni ti faranno ragionare, ancora una volta così.


Vediamo il settore degli integratori alimentari, per cambiare settore.

Faccio un'altro copia-incolla, per non sbagliare.

Il mercato degli integratori alimentari gode di buona salute, nonostante gli Italiani abbiano complessivamente tagliato la spesa dedicata al benessere. Secondo i dati emersi dalla ricerca Nielsen Market Track Healthcare realizzata per FederSalus, nell'ultimo anno (terminante gennaio 2014) il mercato degli integratori alimentari ha registrato un fatturato pari a 1.964,5 milioni di euro per un totale di 141 milioni di confezioni vendute. Dati che dimostrano come il settore non stia risentendo della crisi generalizzata dei consumi ma anzi registri un trend in crescita con un +3,1% rispetto all'anno precedente per quanto riguarda il fatturato, ed un +2,1% rispetto all'anno precedente in termini di confezioni vendute. 


"Sì, va beh, ma a me gli integratori non servono, non mi interessano", i tuoi neuroni ti portano ancora una volta a ragionare così. 

A parte che se tu, realmente, capissi che oggi integrare è diventata una necessità, ti sbalordiresti sui benefici che possono derivare da questo settore.


Ma vediamo ancora un altro esempio, perché ti ho promesso che servivano due minuti.

Analizziamo ora un altro po' di aziende (e qui riguardano tutti i settori): altro copia-incolla.

Internazionalizzazione, innovazione digitale e una capacità unica di rispondere alle esigenze del mercato: ecco le caratteristiche per continuare a crescere. Crescono a un ritmo 3 volte superiore alla media del settore. A dispetto della crisi hanno raddoppiato il reddito operativo negli ultimi 5 anni e hanno rafforzato la loro solidità finanziaria. Sono le eroiche 300 (per l’esattezza 327) PMI eccellenti d’Italia, che per continuare a crescere puntano sulla capacità di rispondere alle esigenze dei mercati globali, sull’internazionalizzazione e sull’innovazione digitale.





Come ti ho dimostrato la crisi è nella tua testa. E' ovvio che se tu non ti adatti al cambiamento che sta avvenendo nel mondo sarai spazzata/o via, ma non è una questione di crisi, sei tu che hai i neuroni che ti sono stati contagiati da altre persone che a loro volta hanno i neuroni contagiati e così via.

A questo punto, se vuoi ti offro questa grandissima possibilità: ti lascio la mia email umarcocali@gmail.com e il mio cellulare 3339181454. 
Scrivimi o chiamami (quando vuoi, se sono occupato ci aggiorniamo per sms) e voglio capire direttamente da te (ovviamente non ti conosco) perché tu non puoi avere successo. 
Tu puoi avere tutto il successo che vuoi. 

Tu credi a chi ti dice che l'economia fa schifo, ma la realtà è che la loro economia fa schifo.
Ho tralasciato gli esempi di Facebook, Ebay, Google e compagnie simili perché i tuoi neuroni avrebbero potuto portarti a dire: "Eh sì, va beh, ma quelle società sono troppo grandi".


Nella telefonata ti farò un reset dei tuoi neuroni e ti installerò dei nuovi neuroni che ti consentiranno di vedere il mondo in maniera completamente diversa. La telefonata può durare anche un minuto eh, se vedo che non c'è possibilità di disinstallarti quei file che ti hanno impiantato e che tu non vuoi fare nulla, terminiamo subito. Se, invece, vuoi impiantarti dei nuovi file sono molto felice di entrare in contatto con te. Anche perché ho una proposta da farti, a patto che tu voglia entrare nel mondo di chi pensa di vincere nella vita. Dai uno slancio alla tua vita, chiamami....


"Gli sconosciuti sono gli amici che non ho ancora conosciuto".


U. Marco Calì


P.S. 



Nessun commento: